Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

-50%
Il libro nero della psicoanalisi - copertina

Il libro nero della psicoanalisi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: C. Meyer
Editore: Fazi
Collana: Le terre
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 30 novembre 2006
Pagine: XIV-689 p., Brossura
  • EAN: 9788881127955
Salvato in 24 liste dei desideri

€ 14,75

€ 29,50
(-50%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Il libro nero della psicoanalisi

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il libro nero della psicoanalisi

€ 29,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il libro nero della psicoanalisi

€ 29,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quaranta autori internazionali sostengono in questo libro tesi che il pubblico italiano non è abituato ad ascoltare. La psicoanalisi è una scienza? No, è una potente e seduttiva fabbrica di favole. La psicoanalisi guarisce? Quando lo fa è spesso per un effetto placebo, o per il buon rapporto che alcuni analisti riescono ad instaurare con alcuni pazienti, e nel caso di molte sindromi è in netto svantaggio rispetto ad altre forme di psicoterapia e alla terapia farmacologica.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,7
di 5
Totale 10
5
3
4
1
3
1
2
0
1
5
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Paolo

    19/03/2017 11:29:39

    Libro pessimo, per questo interessante. Aiuta a capire quanto in là possa spingersi l'essere umano nell'annullamento della comprensione di sé stesso. Un tentativo di screditare la Psicoanalisi a favore di teorie psicologiche semplici e a portata di tutti. Sarebbe interessante approfondire i motivi personali che hanno spinto miss Catherine Meyer a gettarsi in questa personale battaglia contro il nome di Sigmund Freud.

  • User Icon

    Pierfrancesco

    23/12/2016 17:39:04

    Imprescindibile strumento di difesa dalla peggior forma di parassitismo: quello degli psicoanalisti.

  • User Icon

    Fabio

    15/09/2011 16:40:12

    Non si tratta di un libro di semplice lettura per chi non abbia nozioni di base anche perchè piuttosto ponderoso; la struttura in capitoli di diversi autori consente tuttavia di fare un po' di "pick and choose". Volendo, si può partire, per l'argomento, dai libri di Nardone (manuale di sopravvivenza per psicopazienti), che (non da solo) da tempo mettono in discussione l'efficacia (nulla) di un metodo terapeutico che non ha nessun fondamento scientifico. Ricordo, a chi ha giudicato 1/5 questo libro (e si tratta snza dubbio di lettori molto imparzaili...), che il metodo scientifico prevede, giusto per are un esempio sempre in campo medico, che i nuovi farmaci PRIMA vengano testati e - SE funzionano - POI vengano messi in commercio. Con la psicanalisi (e non solo, anche con altri metodi, come il EMDR) si è proceduto AL CONTRARIO, costruendo magari, con molta dialettica tante belle giustificazioni ex-post.

  • User Icon

    Giuseppe

    27/08/2009 17:34:32

    Da specializzando in una scuola di psicoterapia psicoanalitica assisto con stupore agli attacchi verso la psicoanalisi che francamente denotano un pò d'ignoranza della stessa da parte dei lettori. Evidentemente, il libro nero non ha colmato le vostre lacune ma si è solo soffermato su puerili attacchi ad una tecnica la cui efficacia è dimostrata da svariate ricerche sperimentali (si veda ad esempio Svartberg et al.(2004) oppure Bateman e Fonagy (2001)).A chi poi crede che siamo solo chimica, consiglio la lettura di "Neuropsicoanalisi" di Solms, che dimostra grazie a esperimenti condotto con Risonanza Magnetica su pazienti cerebrolesi che in realtà è tutt'altro che cosi..anzi, sembrerebbe confermare (con metodi scientifici, guarda un pò) alcune teorie freudiane...vorrei inoltre aggiungere che le scuole di psicoterapia dinamica prevedono lo studio della psicopatologia secondo il DSM IV e l'ICD 10, come tutte le scuole di altri indirizzi. In conclusione, direi che per informarvi meglio sulla psicoanalisi e sulla psicoterapia dobbiate quantomeno leggere "Introduzione alla psicoterapia psicodinamica" oppure "PSichiatria psicodinamica" di Gabbard...dopo forse saprete di cosa parlate quando vi riferite alla psicoanalisi..nel frattempo vi saluto, sperando di avervi risposto con dati scientifici e quantitativi, invece che con frottole da psicoanalista. Buona vita

  • User Icon

    Claudio Cavallin

    03/06/2009 11:29:58

    Trovo assolutamente inutili le disamini sopra evidenziate ove per difendere una teoria mai del tutto provata si demonizza il pensiero diverso. Dove sta il rispetto? Questo libro mette in discussione piuttosto dettagliatamente una fede non una scienza. Ovviamente consiglio a tutti coloro che hanno una mente propria la lettura di questo ottimo ed esauriente libro.

  • User Icon

    Claudio De Luca

    19/09/2008 22:26:33

    Era molto tempo che non si leggeva un saggio così esilarante. Peccato che suoi i contenuti valgano molto meno dell'inchiostro ché é occorso per scriverlo. Un barzellettiere da leggere nei momenti "down".

  • User Icon

    Antonio

    21/09/2007 21:10:01

    Non si dovrebbe leggere questo libro per cambiare idea sulla psicanalisi: dovrebbe essere già assodato da anni che la psicanalisi è una fuffa. Freud scriveva bene, è un piacere leggerlo, e per fortuna non ha scritto solo di psicanalisi. Per il resto, piaccia o meno, il futuro è nella psichiatria. Anche la psicologia è una fuffa. Siamo meccanismi chimici e le parole non ci servono per guarire, perlomeno non se mancano le pillole.

  • User Icon

    Gianmarco

    11/09/2007 10:55:47

    Raccomandato. Da leggere senza dubbio! Era ora che qualcuno mettesse la parola fine a questa pseudo-scienza che genere solo infelicità e pagamenti in nero (alla faccia del recupero dell'evasione fiscale...) Si dica chiaramente che il signor Freud non ha fatto null'altro che inventare una nuova religione: se ci credi bene, altrimenti sei un miscredente. Come spiegare in altro modo il fatto che, se guarisci è merito dell'analista mentre se resti con i tuoi problemi "è colpa del paziente e della resistenza della sua nevrosi?" Troppo comodo signori psicoanalisti... scendete dalle vostre austere cattedre e diventate davvero ciò che rappresentate: lo pseudo-clero di una nuova pseudo-religione e smettetela di darvi arie da "medico dell'anima". Guarite dalla vostra nevrosi principale: l'invidia "della laurea in medicina" di chi è medico davvero

  • User Icon

    Giovanni

    30/08/2007 19:25:15

    Con questa traduzione anche il pubblico italiano può apprendere ciò che è ormai assodato nelle comunità scientifiche nella maggior parte dei paesi avanzati: la psicoanalisi è una costruzione pseudoscientifica basata su interpretazioni arbitrarie e consapevoli falsificazioni da parte di Freud (tanto che essa, al di fuori di Italia, Francia e Argentina, è praticamente scomparsa nelle facoltà di psicologia e psichiatria per rifugiarsi nelle "humanities"); non esistono studi convincenti (come ammesso anche da uno studioso di impostazione psicoanalitica come Fonagy) che supportino l'efficacia terapeutica della terapia psicoanalitica classica, mentre le terapie psicoanalitiche brevi (psicodinamiche), in un'expertise dell'INSERM francese, risultano efficaci solo per un disturbo psichico su sedici (rispetto ai quindici su sedici della terapia cognitivo-comportamentale e i cinque su sedici delle terapie familiari). Vengono presentate psicoterapie alternative alla psicoanalisi (mostrando che "psicoanalisi" non è sinonimo di "psicoterapia", equivoco assai frequente in Italia, anche presso il pubblico colto e -incredibile ma vero- presso certi psichiatri), mentre Van Rillaer, uno degli autori, mostra come la rappresentazione che gli psicoanalisti danno della terapia cognitivo-comportamentale come “addestramento” disumanizzante non sia altro che una parodia non rispondente al vero. Nella prefazione all'edizione italiana la curatrice Meyer sottolinea come gli psicoanalisti, nel demonizzare il libro (ascrivendolo a un complotto dei comportamentisti-normalizzatori, delle case farmaceutiche o degli integralisti cattolici) abbiano accuratamente evitato di affrontare le questioni fattuali che esso pone: Freud ha mentito oppure o no nei suoi articoli sui suoi risultati terapeutici, come attestato da prove documentali? La psicoanalisi ha come scopo la guarigione del paziente? Come possono gli psicoanalisti occuparsi dei disturbi mentali se nella loro formazione non è richiesta la conoscenza dei moderni metodi diagnostici?

  • User Icon

    Marco

    15/07/2007 15:25:01

    800 pagine di livore armato di positivismo scientista e disonestà intellettuale. Operazione mediatica, con fini politico-economici prima che clinici, per far prevalere le terapie disumanizzanti figlie del comportamentismo.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente
Il libro nero della psicoanalisi è un oggetto vagamente inquietante per il colore (copertina tutta rigorosamente nera, al limite dell'illeggibile, nell'edizione italiana), per le dimensioni (689 pagine) e per il contenuto. Si tratta di una collazione di testi (alcuni recenti altri conosciuti e datati) finalizzati a dimostrare, una volta per tutte, l'enorme truffa perpetrata da cent'anni e più dalla psicoanalisi e dai suoi accoliti ai danni dei pazienti.
Una schiera di agguerriti e in gran parte anonimi autori affronta cinque aree tematiche: L'altra faccia della storia freudiana, Perché la psicoanalisi ha avuto un così grande successo?, La psicoanalisi messa alle strette, Le vittime della psicoanalisi, Una vita dopo Freud. Il filo nient'affatto sottile che lega le sezioni è la tesi su cui si incardina tutto il faticoso lavoro di Meyer: il successo ottenuto nello scorso secolo dalla psicoanalisi non deriva dall'efficacia del suo metodo, ma dall'organizzazione politico-mafiosa della sua struttura di potere. Due sembrano essere state le leve di questo successo: la pressione propagandistica manipolatoria, che ha falsamente presentato la psicoanalisi come una pratica curativa efficace, e la struttura organizzativa del potere psicoanalitico, che si perpetua attraverso una rete gerarchica di natura iniziatica. La psicoanalisi è una pseudoscienza, ci dichiarano senza ombra di dubbio gli autori del testo, e pretendono con questa dichiarazione di retroguardia di stupirci: citano Popper, Wittgenstein (a sproposito) e Grunbaum a sostenere un'epistemologia scientifica ormai superata dalla complessità del dibattito attuale sulle scienze.
Con buona pace del Libro nero la psicoanalisi si è ampiamente sdoganata dai pregiudizi neopositivistici che pure rappresentavano l'ideale freudiano e cammina ora al passo con le attuali epistemologie che vedono nell'inferenza del soggetto che osserva un altro soggetto una complessità che necessita, per essere affrontata, di modelli che tengano conto dell'interdipendenza del campo relazionale che si costituisce fra analista e paziente. La pertinenza dell'epistemologia psicoanalitica riguarda la specificità dei fenomeni che avvengono nella stanza d'analisi, ciò che "accade" tra paziente e analista e non la metodologia della scienza pura: questa si occupa di oggetti, mentre la psicoanalisi si occupa di soggetti (l'apparato per pensare i pensieri dei nostri pazienti insieme al nostro).
La psicoanalisi, come ogni disciplina viva, ha fatto molta strada dai tempi di Freud e stupisce davvero doverlo ancora ribadire; viene da pensare che gli autori che a vario titolo intervengono nel Libro nero della psicoanalisi siano più interessati alla facile critica del freudismo (e del lacanismo) che non allo sforzo delle generazioni di psicoanalisti che hanno via via modificato le prime ipotesi della psicoanalisi. Ne è prova l'ultima sezione del libro, Una vita dopo Freud, che tratta delle scoperte delle neuroscienze le quali dovrebbero, tra l'altro, smentire definitivamente le scoperte freudiane sul sogno. Il lettore attento sa quanto gli analisti (e quelli italiani in prima fila) dialoghino da tempo fittamente con questa scienza (nell'ultimo numero della "Rivista di Psicoanalisi", organo della Società psicoanalitica italiana, è ospitato un lavoro di Vittorio Gallese, Dai neuroni specchio alla consonanza intenzionale: meccanismi neurofisiologici dell'intersoggettività) che ha permesso una felice imbricazione con alcuni postulati della psicoanalisi. In questo senso il lavoro che da molti anni porta avanti Mauro Mancia (per dire il nome più illustre) sul sogno è la solida testimonianza del continuo dialogo fra la psicoanalisi e le scienze a essa contigue. Malignamente si potrebbe ipotizzare che la virulenta (e talvolta francamente ripetitiva e riduttiva) critica a Freud e alla psicoanalisi sia mossa da interessi strategici legati al mercato delle psicoterapie: vengono infatti presentate, nell'ultima parte del libro, le terapie cognitive, la terapia di coppia e l'etnopsichiatria come le uniche possibili alternative al fallimentare trattamento analitico.
Questo detto, occorre ancora sottolineare quanto alcune accuse mosse alla psicoanalisi dagli autori di questo libro siano ancora oggi le leve che permettono il continuo sviluppo della nostra disciplina: il frantumarsi dell'idea dell'analista specchio e l'attenzione sempre crescente al rapporto paziente-analista, il superamento di una concezione intrapsichica del funzionamento della mente che mette totalmente in gioco l'analista nella stanza d'analisi, l'attenzione agli aspetti reali del trauma con le sue riverberazioni nella relazione analitica. Proprio le riconcettualizzazioni attuali sul trauma, che discendono principalmente dal lavoro di Ferenczi, pongono sempre più l'attenzione al rischio, nella ripetizione transferale, di danni iatrogeni per il paziente.
Sicuramente sono stati fatti molti errori (ma quale scienza ne è stata immune?), di cui sono stati vittime i pazienti e i loro analisti, ma proprio da queste esperienze la psicoanalisi ha tratto e trae forza per costruire nuovi modelli al cui centro non c'è più l'analista troneggiante che celebra il suo sapere-potere nel momento ostensivo dell'interpretazione, bensì la coppia analitica che affronta in un comune lavoro le potenti turbolenze emotive che la attraversano. L'analista ha rinunciato alla sua extraterritorialità nella stanza analitica e al suo sapere oggettivante per costruire insieme al suo paziente nuove prospettive evolutive.
Nonostante il monito sempre attuale che ci viene dalla lettura dei resoconti delle tante analisi fallite, Il Libro nero della psicoanalisi ci rimanda dunque una concezione della psicoanalisi ormai tramontata e lontana dall'attualità (almeno nella comunità psicoanalitica italiana), tuttavia ha il pregio, come ogni pungolo, di essere di stimolo per ogni analista a migliorare il proprio apparato di strumenti e modelli teorico-tecnici per mettere sempre più il paziente, i suoi deficit e la sua sofferenza al centro della propria riflessione. Riflessione che, dalla riconcettualizzazone del controtransfert a opera di Paula Heimann negli anni cinquanta e di Raker negli anni sessanta, non può più prescindere dalla persona dell'analista, dalle sue peculiarità individuali, dai suoi limiti e mancanze che, in ogni analisi, vengono messe in gioco e devono essere affrontate con il più alto grado di consapevolezza.
  Carlo Brosio
Note legali