Life Will See You Now

Artisti: Jens Lekman
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Secretly Canadian
Data di pubblicazione: 17 febbraio 2017
  • EAN: 0656605033921
Disponibile anche in altri formati:

€ 17,90

Venduto e spedito da IBS

18 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Jens Lekman ha profondità di scrittura e talento per confezionare un ottimo album pop che guarda anche a Phil Spector, Tropicalia, l'indie brit anni '80 (Aztec Camera, Prefab Sprout, ABC e altri - Rolling Stone
Passa in scioltezza dall'Europop all'urban, ai tropici immaginari. E' un fuoriclasse e tifiamo per lui - Rumore
Nelle parole del protagonista questo è il disco che rappresenta la sua crisi di mezza età, rivelando contenuti alquanto esistenzialisti, figli delle proprie scelte di vita. Detto questo siamo di fronte ad un puro atto di artgianato pop, in cui il senso dell'umorismo si insinua nelle pieghe di brani immeditamente riconoscibili. E' una scritta austera ma vincente, la snellezza degli arrangiamenti concede poi a Lekman la possibilità di conquistare con la narrazione. Siamo senza possibilità dalle parti dei migliori Belle & Sebastian. Il cuore degli arrangiamenti bucolici nasconde poi altre delizie, làddove affiora l'amore per Arthur Russell, un tempo addirittura coverizzato e qui ricordato nelle forme di cantautore alternativo. Che dire poi del duetto inscenato con Tracey Thorn (i due avevano già lavorato a cover di Lee Hazlewood e Magnetic Fields guarda caso) in Hotwire The Ferris Wheel ? Un disco essenziale, in cui tutti i brani sono necessari tasselli a storie comuni, interpretati con piglio credibile ed una passionalità fuori dal comune.

Disco 1
  • 1 To Know Your Mission
  • 2 Evening Prayer
  • 3 Hotwire the Ferris Wheel
  • 4 What's That Perfume That You Wear?
  • 5 Our First Fight
  • 6 Wedding in Finistère
  • 7 How We Met, the Long Version
  • 8 How Can I Tell Him
  • 9 Postcard #17
  • 10 Dandelion Seed

Jens Lekman arriva dal mondo alla rovescia del pop scandinavo, in cui la compostezza è una virtù, ci si muove solo in bicicletta, vestiti con abiti ‘60 color pastello in locali gestiti da appassionati di pop esoterico. Unico obbligo: parlare di relazioni. Perché qui il pop è ancora – e soprattutto – un vademecum per l’iniziazione sentimentale, piccola o grande che sia: sguardi che s’incrociano promettendosi cose, sussulti, flirt, ma anche addii. C’era la parola twee per definire il culto febbrile del morbido, dell’ingenuo e dell’infantile e, come i santi protettori del genere Belle and Sebastian, Jans padroneggia l’umorismo. Si veda, per esempio, il modo in cui tramuta una promessa di devozione in una specie di minaccia da troll: “a dream: have a GPS in your heart”. Ma non è un cartonato posticcio: Jans Lekman ha profondità di scrittura e talento per confezionare un ottimo album pop che guarda anche a Phil Spector, Tropicalia, l’indie brit anni ’80 (Aztec Camera, Prefab Sprout, ABC e altri).