Like Someone in Love - Vinile LP di Art Blakey,Jazz Messengers

Like Someone in Love

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Blue Note
Data di pubblicazione: 13 maggio 2013
  • EAN: 8435395500040
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 30,20

Punti Premium: 30

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Tratto da le stesse sessioni che hanno prodotto l’album “A Night in Tunisia”, questo album vede come protagonista la versione del 1960 dei The Jazz Messengers con il trombettista Lee Morgan, il sassofonista Wayne Shorter e il pianista Bobby Timmons. Il brano che dà il titolo all’album è la performance più impressionante, ma molto interessanti sono anche gli altri brani originali poco noti, tre di Wayne Shorter e uno di Lee Morgan, che completano il programma.
  • Art Blakey Cover

    Propr. Arthur Blakey. Batterista statunitense di jazz. Il suo ritmo esplosivo e gli effetti rullanti di derivazione africana si misero in luce nel bop e nel successivo hardbop. I suoi Jazz Messengers, gruppo fondato nel 1955, sono stati una fucina di giovani talenti.Art Blakey nacque l’11 ottobre del 1919 a Pittsburgh, in Pennsylvania. Già da ventenne suonava nelle big band di Fletcher Henderson e Mary Lou Williams, approdando così a New York. Grazie alla militanza nella big band di Billy Eckstine la sua fama si legò al movimento del nuovo jazz – il bebop – portandolo così a suonare con protagonisti chiamati Dizzy Gillespie, Charlie Parker, Miles Davis e Thelonious Monk. Fu con quest’ultimo che Blakey incise per la prima volta su etichetta... Approfondisci
  • Jazz Messengers Cover

    Nome assunto dai gruppi diretti da Art Blakey (dapprima con Horace Silver) dalla metà degli anni '50 alla morte. Vivaio di generazioni di jazzisti, tali formazioni hanno sempre conservato un linguaggio stilistico comune, benché costantemente aggiornato. Approfondisci
Note legali