Lillywhite Sessions

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Ryley Walker
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Dead Oceans
Data di pubblicazione: 25 settembre 2018
  • EAN: 0656605147024

€ 10,90

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 10,90 €)

Ryley Walker reinterpreta in trio il famoso bootleg album della Dave Matthews Band ‘The Lillywhite Sessions’. I 12 brani usciranno su cd, doppio vinile e formato digitale il 16 novembre per Dead Oceans. Nelle ‘The Lillywhite Sessions’ Ryley Walker, accompagnato dal batterista Ryan Jewell e dal bassista Andrew Scott Young, Reinterpreta l’influente bootleg album del 2001 della Dave Matthews Band. ‘The Lillywhite Sessions’, per la critica uno dei migliori capitoli della sterminata discografia targata Dave Matthews non fu pubblicato in modo tradizionale e reso disponibile per i fan solo come bootleg album online. Ryley partendo dal suo amore per la celebre band della Virginia ha dato nuova vita ai brani di quel disco “segreto”. ‘Busted Stuff’ ricorda il miglior Jim O’Rourke e ‘Digging a Ditch’ ha la verve da power trio dei Dinosaur Jr. Con ‘The Lillywhite Sessions’ Ryley Walker ha realizzato si suo sogno di gioventù, reinterpretando e rendendo omaggio ad un album e una band che ha amato.
quella franca osmosi tra rock, folk e jazz che costituisce il più palese trait d'union tra Ryley e Matthews. operazione filologicamente impeccabile e brillantemente riuscita (Boxata su Rockerilla Novembre)
C'è di certo una solida base tradizionale, ma il sound principale è ancora quello della Chicago di fine '90, con i Sea And The Cake spesso pronti a tornare alla mente, mentre altrove ci sono ancora momenti di sperimentazione tanto cari all'ultima produzione di Ryley (Blow Up Novembre, voto 7)
Walker, accompagnato da una band ormai collaudatissima, aggira i percorsi lineari con il consueto mix di attitudine destrutturante e intensità interpretativa, con una Diggin' A ditch che si veste di fragoroso indie chitarristico e una JTR che si dissolve in una coda free con sax e gorgoglii elettronici (Rumore Novembre, voto 7)
Note legali