Categorie

Carla Bazzanella

Editore: Laterza
Edizione: 6
Anno edizione: 2008
Pagine: IX-298 p. , Brossura
  • EAN: 9788842086000
La pragmatica studia il rapporto della lingua con il mondo, l'atto linguistico colto nel suo contesto spaziale, temporale, sociale e cognitivo. Questo volume (uscito nel 2005, già ristampato e ora disponibile in una nuova edizione ampliata) va ben oltre l'Introduzione dichiarata nel sottotitolo: esso riassume il lavoro pluriennale dell'autrice che, con le sue ricerche, ha dato un contributo fondamentale alla diffusione della disciplina nel nostro paese.
La prima parte affronta i diversi livelli di analisi, interni ed esterni, della lingua (dalla fonetica al testo), insistendo sulle dimensioni di variazione e sugli strumenti di indagine. La seconda è dedicata alla pragmatica, di cui si ripercorrono la nascita e lo sviluppo attraverso il fecondo incontro fra la linguistica del Novecento e la filosofia, dalla teoria degli atti linguistici (John Langshaw Austin e John Roger Searle) a H. Paul Grice, senza dimenticare l'influsso di Ludwig Wittgenstein. Proprio l'emergere della pragmatica da sfondi diversi ne spiega il successo, non privo di fraintendimenti, e l'apertura interdisciplinare, ma al contempo anche le difficoltà di una definizione univoca. Merito del libro è, fra gli altri, quello di discutere criticamente gli orientamenti odierni, di fornire una solida griglia di lavoro tanto per gli studenti quanto per gli specialisti.
La nuova edizione incrementa sensibilmente il capitolo Quando dire è interagire, calco di Quando dire è fare, titolo con cui sono note in Italia le William James Lectures (1955) tenute da Austin alla Harvard University, per sottolineare la natura dinamica del dialogo, che coinvolge l'individuo orientandone le mosse in base al contesto globale (le condizioni date dello scambio) e locale, cioè specifico, dell'interazione. L'aggiornamento riguarda soprattutto la prospettiva cognitiva e l'analisi della lingua come sistema complesso, due filoni di ricerca che hanno segnato gli ultimi sviluppi della disciplina, con ricadute importanti nello studio delle relazioni asimmetriche, come quelle fra medico e paziente. Un nuovo paragrafo è dedicato ai segnali discorsivi, di cui Carla Bazzanella fornisce una classificazione modificata rispetto ai suoi lavori precedenti.
Fra i pregi di questo denso volume si possono annoverare: la chiarezza espositiva, raggiunta anche attraverso una ricca esemplificazione; l'abbondanza di riferimenti bibliografici che spaziano in settori diversi, fra cui si apprezza l'attenzione verso la letteratura sull'italiano contemporaneo; l'importanza riservata ai dati reali, alla loro raccolta, trascrizione e analisi.
Elena Pistolesi

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca G.

    15/05/2013 21.52.49

    Una sintesi dettagliata di linguistica e pragmatica; completa ma rapida.

Scrivi una recensione