Liriche da camera

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Luigi Dallapiccola
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 4 giugno 2015
  • EAN: 5028421952024

€ 10,90

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Prima registrazione dell’integrale delle liriche di Luigi Dallapiccola, un compositore tra i più influenti dell’avanguardia musicale italiana del secolo scorso. Gran parte di questo repertorio si basa sulla trascrizione di brani italiani del XVII e XVIII secolo (Monteverdi, Carissimi, Stradella, Durante, Legrenzi e altri), mentre la raccolte “Rencesvals” e “Quattro Liriche di Antonio Machado”, testimonianza di uno stile unico tra la conduzione compositiva severa e una calda emotività, sono del tutto originali. Esecuzione di quattro eccellenti cantanti italiani e dal pianista Filippo Farinelli, autore anche dei testi del libretto.

Monica Piccinini è un soprano dotato di una voce morbida e agilissima e di uno spiccato temperamento drammatico, due qualità che le hanno consentito di affermarsi come una delle interpreti più ispirate diel repertorio preromantico.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Luigi Dallapiccola Cover

    Compositore. Nel 1916 la sua famiglia fu costretta a trasferirsi a Graz, dove il giovane D. poté ascoltare opere di Mozart, Weber e Wagner. Dopo la guerra, studiò a Trieste con A. Illersberg; quindi (1922) passò a Firenze, dove continuò gli studi al conservatorio con V. Frazzi e dove, nel 1934, ebbe la cattedra di pianoforte complementare. Proseguiva intanto la sua attività di compositore, iniziata intorno al 1925. Nel periodo 1937-42 il suo linguaggio musicale passò dal libero uso della tonalità all'adozione della dodecafonia, accolta negli anni seguenti in modo sempre più radicale. Dopo la guerra, lasciò spesso Firenze per soggiorni all'estero, dove la sua opera ottenne riconoscimenti sempre più vasti: nel 1951 fu a Tanglewood per un corso di composizione, nel 1956 al Queen's College di... Approfondisci
Note legali