Liriche per voce e pianoforte - CD Audio di Alfredo Catalani,Giuseppe Martucci

Liriche per voce e pianoforte

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Ducale
Data di pubblicazione: 20 settembre 1993
  • EAN: 8011772000169
Salvato in 1 lista dei desideri
"Il Salotto Musicale Italiano" vol.2 - Registrato nella Chiesa di San Martino, Palazzo Pignano (Cr), dal 7 al 9 luglio 1993
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Alfredo Catalani Cover

    Compositore. Ebbe la prima istruzione musicale dal padre e dallo zio; nel 1873 si iscrisse al conservatorio di Milano, dove proseguì lo studio della composizione con A. Bazzini. A Milano si svolse tutta la sua attività di compositore e, dal 1890, di insegnante di composizione. Legato agli ambienti della Scapigliatura, sensibile alle inquietudini e ai fermenti di rinnovamento che vi circolavano, C. si dedicò prevalentemente alla musica operistica. La falce (1875), su testo di A. Boito, mostra già alcuni tratti essenziali del suo mondo poetico, che si viene meglio precisando in Elda (1880, libretto di C. d'Ormeville), destinata a diventare, dopo una complessa rielaborazione, una delle opere più significative di C.: Loreley (1890). In essa, l'autore prende spunto dall'antico mito germanico per... Approfondisci
  • Giuseppe Martucci Cover

    Compositore, pianista e direttore d'orchestra. Studiò a Napoli, dove dal 1880 insegnò al conservatorio. Nel 1886 assunse la direzione del liceo musicale di Bologna (fu anche maestro di cappella in S. Petronio), per tornare (1902) al conservatorio di Napoli come direttore. Pianista apprezzato, fra gli altri, da Liszt e da Rubinstein, direttore d'orchestra e organizzatore musicale, si adoperò per diffondere in Italia la conoscenza dei sinfonisti tedeschi e di Wagner; nel 1888 al Teatro Comunale di Bologna diresse, per la prima volta in Italia, il Tristano e Isotta. E l'influsso dei romantici tedeschi, in particolare di Schumann, Brahms e Wagner, è evidente anche nella sua opera creativa, che fa di lui uno dei pochi esponenti del sinfonismo italiano del periodo tardoromantico. Nella sua produzione... Approfondisci
Note legali