Editore: Einaudi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 24 ottobre 2017
Pagine: 432 p., Brossura
  • EAN: 9788806236397
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,53
Descrizione

Vincitore del Premio Scerbanenco 2017. Per essere un "originale esempio di noir ambientale in cui la montagna, vera protagonista del romanzo, nasconde antiche paure e minacce, esplorando in modo paranoico i segreti più oscuri della provincia italiana."

Dopo La sostanza del male, un nuovo magnifico thriller, candidato al Premio Giorgio Scerbanenco 2017 per il miglior romanzo noir italiano

Una giovane donna in fuga e il mistero che porta con sé. Un solitario che vive sulla montagna dei suoi padri, seguendo leggi inflessibili e antichissime. Un uomo divorato dal passato e uno tanto spaventoso da non avere né nome né futuro. Poi Lissy. Un'invenzione gigantesca.

«Simon Keller spense la lucerna. Lo sfrigolio del lume a olio che si smorzava divenne lo spazio bianco tra un tic e un tac e l'immaginazione di Marlene trasfigurò la realtà in qualcosa di diverso. Durò un secondo, forse due. In quell'attimo la giovane donna scorse qualcosa muoversi. Nell'oscurità. Tic... Una visione fugace, con la coda dell'occhio e la mente sottosopra per il caldo e per la puzza, mentre il buio ghigliottinava la porcilaia. Fu come durante l'incidente. La sua vista si acuì e Marlene vide (immaginò) ogni dettaglio. Lissy.»

Inverno 1974. Marlene ha sposato Herr Wegener, l'uomo piú temuto del Sud Tirolo, per sottrarsi a una vita di miseria. Ora, però, qualcosa è cambiato. Sa che il marito non le perdonerà mai il tradimento, ma decide lo stesso di scappare da lui, dopo averlo derubato di un tesoro il cui valore va ben oltre quello del denaro. Uscita di strada con la macchina, la giovane viene salvata e curata da Simon Keller, un Bau'r, un contadino di montagna che abita in un maso sperduto. Intanto Herr Wegener ha scatenato la caccia, spinto dalla rabbia e dalla difficoltà in cui il gesto della moglie lo ha posto nei confronti del Consorzio, una potente organizzazione criminale. Sulle tracce di Marlene è stato messo l'Uomo di Fiducia, un personaggio gelido e letale che non si fermerà finché non avrà portato a termine il proprio compito. Presto la donna dovrà capire quale sia per lei la minaccia maggiore. Se il marito, il killer, lo stesso Simon Keller. Oppure Lissy.

€ 16,58

€ 19,50

Risparmi € 2,92 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    monica

    10/11/2018 11:49:24

    Molto buono perché esce dalla norma del genere, rasenta l’horror con sfumature psicologiche Assolutamente da leggere per capire la solitudine estrema

  • User Icon

    niko

    17/08/2018 12:00:12

    Con questo secondo libro ho la conferma che Luca è un grande scrittore, il Pierre Le Maitre italiano. Crea ottime ambientazioni noir, suspance al momento giusto, proprietà di linguaggio, il tutto condito da una pregevole fluidità di scrittura. Mi piace molto, attendo il prossimo libro, già sapendo che non sarà al di sotto delle aspettative

  • User Icon

    andrea

    02/08/2018 12:04:44

    sono sinceramente combattuto sul voto da dare a questo libro. a tratti ottimo e accattivante mentre ci sono parti che non ho digerito granchè soprattutto per il fatto che non mi sembravano calzanti con la storia (tipo lissy e i maiali in genere non l'ho proprio capito a che cosa servono ai fini della trama). "in medio stat virtus" … tre stelle perché si, ma il precedente lavoro di D'Andrea è sicuramente migliore.

  • User Icon

    Francesco D.

    23/07/2018 11:35:06

    Grande noir di un grandissimo scrittore. Se il primo romanzo (comunque scritto benissimo) mi aveva lasciato qualche perplessità per una trama a volte un po' troppo forzata, questo Lissy mi ha invece convinto dalla prima all'ultima pagina. Trama, ambientazione, dialoghi: tutto perfetto. Ho letto qualche recensione negativa: non solo non la condivido, ma proprio non la capisco.

  • User Icon

    Umberto75

    10/05/2018 18:39:26

    Quando ho letto che era uscito il secondo romanzo di D'Andrea, fremevo dalla voglia di leggerlo ma come spesso accade in queste circostanze, la delusione è molta. Il libro parte molto bene ma poi si perde tra le pieghe di una storia che sai già come va a parare, senza uno straccio di colpo di scena o sussulto. Peccato perché la Sostanza del Male era un libro DOC! Speriamo nel prossimo!

  • User Icon

    Isa

    22/04/2018 15:39:21

    "Il dolore non era il peggio che potesse capitare. Il peggio era aspettare il dolore."

  • User Icon

    Arianna

    02/04/2018 22:04:33

    Accattivante all’inizio. Poi maiali, buio, freddo, sangue. Bah...

  • User Icon

    Roberto59

    02/04/2018 09:10:54

    Contrariamente alla maggior parte delle recensioni presenti sul sito IBS, ho trovato il libro di mio gradimento. La storia è di quelle che quando inizi non riesci a smettere di leggere. Luca D'Andrea scrive molto bene. Originale sia la storia che i personaggi. Non è un caso se ha vinto il premio Scerbanenco 2017. Per me decisamente consigliato.

  • User Icon

    Francesca

    23/03/2018 03:31:18

    Ben scritto, stile accattivante e struttura narrativa che lo rende scorrevole. Tuttavia i contenuti cruenti fisici e psicologici, soprattutto delle ultime pagine, fanno crollare da 4 stelle a 1 stella il gradimento del libro e il godimento nella lettura.

  • User Icon

    Laura

    07/03/2018 18:32:34

    Avevo grandi aspettative su questo romanzo, data l'ottima impressione vissuta con il primo romanzo di D'Andrea, La sostanza del male. Purtroppo le aspettative sono state un po' deluse: la trama e l'aspetto psicologico sicuramente interessanti, ma alcune parti un po' inverosimili e trattate in modo poco approfondito. Peccato..solo una sufficienza

  • User Icon

    Charlie

    16/02/2018 16:02:22

    Assolutamente non all'altezza de "La sostanza del male" anche se presenta aspetti similari. Fino a metà buono, il resto deludente. Gli assegno un voto di sufficienza perché comunque almeno due personaggi sono azzeccati e ci sono bei flashback (forse migliori della storia attuale)

  • User Icon

    Massimo

    21/01/2018 17:33:39

    Avevo apprezzato il precedente, ma di questo rimane una costruzione con troppi rimandi e richiami, una narrazione che procede a fatica e una insoddisfazione nello sviluppo dei personaggi e delle loro relazioni.

  • User Icon

    chicca

    22/12/2017 11:54:09

    Bah... Una delusione. Avevo letto il primo romanzo con grande piacere, apprezzandolo ancora di più in quanto opera prima. Di questo libro ho apprezzato la scrittura, ma la storia francamente mi è parsa troppo macchinosa, infarcita di elementi mitici, esoterici, troppo fuori dal tempo. Non mi ha preso per niente. Peccato, aspettiamo il prossimo lavoro.

  • User Icon

    Alfredo

    13/12/2017 22:23:18

    Questo è stato l'anno delle montagne ed Einaudi non si è fatta sfuggire i premi. Decisamente superiore al premio Strega per la gloriosa casa Editrice italian. Quello che resta è la provincia Italiana e il lessico, ma Pavese e Calvino e la Morante e Vittorini e persino Bobbio erano Einaudi. Complimenti a D'Andrea per un onesto "noir" con una pur leggera offesa di paragone al genere in oggetto.

  • User Icon

    Ciro D'Onofrio

    07/12/2017 18:21:06

    Lissy, l’atteso secondo libro di D’Andrea dopo l’ottimo debutto con La Sostanza del male, è un giallo che inizia bene: ben strutturato, incalzante, coinvolgente ma che poi si perde nella sua seconda parte. Sembra deragliare completamente rispetto alla mission di nascita, smarrisce tutte le premesse e le promesse iniziali diventando di un complicato fine a se stesso, perdendo completamente appeal, barcamenandosi nell’essere una fiaba nera,un giallo, un noir forte alla S.King e rivelandosi invece sconclusionato, dal finale raffazzonato, dai personaggi improbabili e che si tingono perfino di una certa pateticità. La scrittura è buona e ne conferma il talento di D’Andrea ma il progetto malgrado le buone intenzioni dell’autore e perfino del lettore, che và fino in fondo a questa storia, è un’occasione persa.

  • User Icon

    Rosa

    04/12/2017 11:25:47

    Né bene né così male. Non un capolavoro, ma un libro che si fa leggere... pur sempre scelto da Einaudi.

  • User Icon

    Roberto

    01/12/2017 18:09:04

    Farneticante,assurdo personaggi e ........maiali. A proposito Lissy e' il nome di una scrofa innamorata del suo padrone

  • User Icon

    bruno

    28/11/2017 08:04:45

    concordo completamente con la recensione di elisa. Farneticante, assurdo, Da evitare.

  • User Icon

    Elisa

    16/11/2017 07:59:39

    Sono rimasta senza parole. Maiali, montagne, fantasmi... ma cos'é uno scherzo? lasciate perdere.

  • User Icon

    Sempre il solito

    04/11/2017 17:53:49

    Lo ammetto. Non me l'aspettavo. Non è il seguito della Sostanza Del Male (che avevo apprezzato), ma un libro diverso. Che mi è piaciuto di più. Consigliato.

Vedi tutte le 20 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione