Live in Paris

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 3
Etichetta: Speakers Corner
Data di pubblicazione: 1 gennaio 2019
  • EAN: 3770010277019
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 81,50

Punti Premium: 82

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Lo stile non può essere considerato un dato di fatto. Solo pochi musicisti riescono a raggiungere nel corso della loro carriera una personalità artistica veramente originale e inimitabile. Per poterla maturare bisogna avere un carattere forte, una grande consapevolezza delle proprie radici, una profonda sincerità e una sensibilità al di fuori del comune. Nathan Davis aveva stile e il timbro del suo sax tenore era assolutamente inconfondibile, così come la brillante originalità con cui si esibiva anche con il sax soprano e il flauto. Il mondo musicale di Nathan Davis era sempre ricco di imprevedibili sorprese e non conosceva confini. La registrazione live del suo celebre concerto parigino costituisce una inequivocabile prova del suo sensazionale talento interpretativo, con la fluidità del suo fraseggio, la raffinatezza dell’articolazione, l’esplosività del registro grave e le infinite sfumature strumentali che vengono alimentate da una incontenibile energia e una inesauribile fantasia, che consentono di farsi un’idea molto realistica della statura artistica di Davis. Inoltre, i brani di questo album mettono in grande risalto l’illimitata fantasia con cui Davis eseguiva ogni assolo. Un vigore assolutamente privo di eccessi, un melodizzare morbido e tessuto con estrema cura e gli acuti e i riff del suo sax dimostrano che questo grande solista scomparso nel 2018 era un interprete brillante e appassionato. Grazie alle originali risonanze nel cuore delle calde sonorità del suo strumento, Nathan Davis è stato un artista indimenticabile, che si è distinto in un’epoca in cui i jazzisti aspiravano con tutte le loro forze a crearsi un suono veramente proprio. Harold Land, Jimmy Heath, John Gilmore, Paul Gonsalves, Charlie Rouse, George Coleman, Booker Ervin, Clifford Jordan… il jazz è stato fatto da questi giganti e Nathan Davis era uno di loro» (Jean Szlamowicz).
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali