Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

La logica del desiderio - Giuseppe Aloe - copertina

La logica del desiderio

Giuseppe Aloe

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Perrone
Collana: Hinc
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 13 giugno 2011
Pagine: 220 p.
  • EAN: 9788860041821
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 7,02

€ 13,00

Punti Premium: 7

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 6,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il cortile interno di un palazzo di inizio secolo, un posto tranquillo. Un ragazzo passa interi pomeriggi, sul ballatoio, a correggere un romanzo che non riuscirà mai a pubblicare, a leggere e a seguire i curiosi movimenti dei gatti. Poi un giorno, su una bella macchina grigia, in compagnia del marito, arriva Vespa, "l'inappuntabile ritratto dello splendore", che ha gli occhi più irrefrenabili che lui abbia mai visto. In poco tempo i due diventano amanti. Non è il solo, però. E presto la donna si stanca di lui. La passione che aveva sconvolto quella calma solo apparente diventa allora morbosa e alimenta inquietudini e nevrosi rivelando di quali elementi sia fatta, in fondo, la materia del desiderio e dove possa portare, senza averne quasi cognizione, la sua imprevedibile logica, ammesso che ne esista una.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,17
di 5
Totale 6
5
2
4
1
3
1
2
0
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Luca

    31/07/2014 16:55:44

    Il libro mi ha rapito per una settimana, buona la descrizione dei personaggi e il loro stato emotivo. Peccato per il finale, non mi è piaciuto per nulla. Sembrava che Aloe avesse fretta di concludere.

  • User Icon

    Lina

    12/12/2013 00:54:36

    un Harmony scritto benino, almeno nella prima parte. perchè nella seconda metà del libro sembra proprio che a scrivere sia un'altra mano, più rozza e sconclusionata... complimenti solo all'editore: ha saputo allettare con un risvolto che promette ciò che il romanzo non da.

  • User Icon

    claudio

    03/11/2012 23:12:44

    Questo romanzo mi ha un po' deluso. Ma detto così, non significa nulla. Devo spiegare il perché. Sicuramente hanno inciso le grandi aspettative createsi dopo la lettura dell'ultimo scritto di questo autore, letto per primo in ordine di tempo, cioè: "Gli anni di nessuno" (che mi è piaciuto molto di più). Cosa non mi ha convinto? Lo stile narrativo è sempre bello, coinvolgente, elegante, ma qui con qualche limite. La storia non è stravolgente, sicuramente non improponibile.Può, il desiderio avere una logica?. Certamente si.Quello di una buona cena, per l'affamato; di un tetto sotto cui dormire, per un clochard; di un posto di lavoro, per un disoccupato... Quando però, ci si addentra in meandri di carattere sessuale/sentimentale - quelli che l'autore propone - il discorso si fa più complesso. La logica cede, spesso, il passo all'istinto, e può essere quello deteriore. Proprio come in questa storia. Ma, come anticipato, è il raffronto tra le ultime due opere di Aloe che mi ha provocato questa delusione. La crisi esistenziale, l'annientamento mentale che tanto bene caratterizzano un personaggio come il Gambart de "Gli anni di nessuno", scolpendone la drammatica storia, mi appaiono eccessivi nel personaggio di questo romanzo. Stridono, in particolare, certi episodi. Come quello, estremo, che lo vede introdursi nell'abitazione della donna desiderata, per msturbarsii con la biancheria intima di quest'ultima nel suo letto coniugale. Stride, questo comportamento, un po' psicopatico, perché difficilmente compatibile con la lucida razionalità che contraddistingue, per altro verso, il soggetto. Stride, anche, con l'elegante testo che caratterizza il racconto, l'abuso del verbo "scopare" (terribile lo "spazzolare") che sicuramente non scandalizza più nessuno, ma che, alla lunga, infastidisce. Il finale del racconto è di quoelli c.d "aperti", cioè manca. Mi sarebbe piaciuto ci fosse.

  • User Icon

    ValeB

    22/05/2012 15:48:24

    I personaggi che animano questa narrazione sono carichi di un'umanità spiazzante, mai ovvi, mai banali sempre alla ricerca di un qualcosa che li renda completi, felici anche solo per un istante. L'introspezione psicologica, emotiva, sentimentale trasporta il lettore dentro la storia come un vortice da cui non si riesce più ad uscire fino all'ultima pagina. Solo dopo averlo letto ho scoperto la sua candidatura al premio strega e me ne rallegro, finalmente tra i finalisti un romanzo che oltre a raccontare una storia che lascia stupefatti è scritto veramente bene, con uno stile elegante, puntuale e allo stesso tempo tagliente che non cade mai nella pomposità!

  • User Icon

    Samantha

    02/05/2012 16:04:25

    Ho scoperto questo libro fra i finalisti del premio Strega... sono stata immediatamente colpita dalla magnifica immagine di copertina e il contenuto non ha deluso le mie aspettative. Imprevedibile, emozionante, coinvolgente e, particolare non da poco, scritto veramente bene. Lo consiglio a tutti!

  • User Icon

    alexx

    15/11/2011 14:10:16

    Questa storia è di una lentezza esasperante; quando finalmente prende un po' di vita...il libro è finito. Peccato.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
Note legali