Londra chiama. Otto scrittori raccontano la loro metropoli - Valentina Agostinis - copertina

Londra chiama. Otto scrittori raccontano la loro metropoli

Valentina Agostinis

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Il Saggiatore
Collana: La cultura
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 14 gennaio 2010
Pagine: 219 p., Brossura
  • EAN: 9788842816126
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 8,64

€ 16,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Londra chiama: otto scrittori rispondono. La Londra multietnica e multiculturale, la città-mondo, è anche la metropoli che ha conosciuto nel 2005 il terrorismo islamico, e che dopo il «seven-seven» è diventata il luogo più sorvegliato della Terra. Spettatrice della fine del blairismo e delle certezze di un modello culturale progressista, è anche la città dove le intelligenze sono capaci di mobilitarsi contro le degenerazioni delle leggi antiterrorismo. Londra, che ha visto la City in ginocchio dopo la crisi finanziaria, assiste alla rivoluzione urbana che la porterà all'appuntamento con le Olimpiadi del 2012. Ma, oggi come sempre, Londra in piena mutazione batte il tempo. E i suoi autori più intensi ne seguono il ritmo. Attraverso le interviste di Valentina Agostinis, otto scrittori, londinesi di fatto, dimostrano che si può far letteratura senza mai perdere di vista l'orizzonte sociale della propria metropoli, l'ingrediente speciale che rende uniche le loro opere. Nelle pagine di Londra chiama prendono forma i Peter Pan della middle class progressista di Nick Hornby, i tortuosi percorsi metropolitani del «quasi inglese» Hanif Kureishi, la Brick Lane di Monica Ali, le esplorazioni «psicogeografiche» di Iain Sinclair e di Will Self, i british-asian di seconda e terza generazione di Gautam Malkani, le minacce della globalizzazione finanziaria di Hari Kunzru. E i plumbei paesaggi suburbani di James G. Ballard.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessandro Cascio

    14/02/2010 00:42:08

    Londra l'ho vissuta da barbone dormendo nelle metro e chiedendo qualche spicciolo in cambio di una canzone mendicando poi la sera un pasto ai Pakistani. Avevo 20 anni e mi scoprì proprio una piccola rivista Londinese. Quando mi misi a fare lo scrittore, riuscii a capire la doppia faccia che la città di Ballard e degli Amis ha sempre avuto e sempre ha. Con delle straordinarie interviste dirette e facili, l'autrice si rivolge a tutti coloro che amano Londra ma anche a tutti quelli che vogliono ancora conoscerla affondo e lo fa attraverso i pensieri di otto scrittori, pilastri della letteratura moderna, capaci di raccontare oltre l'aspetto mediatico della loro terra. Per questo, anche chi Londra la vive, avrà qualcosa da scoprire. Lo consiglio anche a tutti gli scrittori, tutti indistintamente, perchè spiega in modo semplice, l'approccio che bisogna avere con la società di cui si scrive: lo fa indirettamente, lo fanno gli scrittori intervistati, ignari. Bel libro, scritto con grande professionalità. Complimenti alla scrittrice. Spero che il saggiatore abbassi il prezzo o ne faccia una versione nice price, perchè i libri a 16 euro, ormai non li compra più nessuno, a meno che non siano di mostri sacri. Se si comprano, è grazie agli sconti e alle offerte ibs basate sulle quantità e sui buoni acquisto. Un messaggio per il Saggiatore. A. Cascio

  • Valentina Agostinis Cover

    Valentina  Agostinis, giornalista, vive a Milano, dopo aver passato molti anni a Londra. Ha realizzato diversi reportage televisivi per la Rai e ha collaborato con Euronews, nella sede di Lione. Nel 1994 ha curato per Feltrinelli Vita, arte e rivoluzione. Lettere di Tina Modotti a Edward  Weston. Nel 2012 ha pubblicato Swinging city. Londra centro del mondo, ancora per Feltrinelli. Nel 2010 con Il Saggiatore ha pubblicato Londra chiama. Approfondisci
Note legali