Traduttore: F. Salvatorelli
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 16 maggio 2007
Pagine: 82 p., Brossura
  • EAN: 9788845921841

20° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Racconti

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Il racconto di Shirley Jackson intitolato "La lotteria" ricorda da vicino, per la fama che lo circonda, la famigerata lettura radiofonica della Guerra dei Mondi di Orson Welles. Fama non immeritata, giacché la pubblicazione sul "New Yorker" nel 1949, scatenò un pandemonio. Molti lo presero alla lettera, reagendo all'istante e poi per lungo tempo con missive indignate o atterrite alla redazione. Certe cose non potevano, non dovevano succedere. Eppure la storia si presenta in tutta innocenza quale pura e semplice descrizione della lotteria che si svolge nell'atmosfera pastorale, quasi idilliaca, di un villaggio del New England in un luminoso mattino di giugno, come ogni anno da tempo immemore. Ma giunto al termine di questo racconto, come degli altri che compongono l'intensa silloge qui proposta, il lettore scoprirà da sé, in un crescendo di "brividi sommessi e progressivi" - come diceva Dorothy Parker che cosa li rende dei classici del terrore. Secondo un altro illustre ammiratore della Jackson, oltre che maestro del genere, Stephen King, lo sono perché "finiscono con una svolta che porta dritto in un vicolo buio".

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    21/01/2019 14:33:07

    La Jackson meritava una corposa antologia dei suoi racconti migliori (che manca da troppo tempo), invece questa ne contiene solo quattro, di cui il primo, "La lotteria" è un vero gioiello che ai tempi fece molto scalpore. Buona la seconda storia, anonime le ultime due.

  • User Icon

    n.d.

    28/12/2018 12:57:18

    Controverso, inquietante, e sorprendente! Non esiste una mano migliore di quella di Shirley Jackson Poche pagine ma essenziali!

  • User Icon

    n.d.

    21/09/2018 17:11:03

    L'orrore in questi racconti si cela nel quotidiano; oppure è il quotidiano che si rivela spaventoso appena voltato l'angolo? Ciò che non ho apprezzato è la brevità di queste svolte paradossali; i racconti si chiudono tutti con un plot twist ad effetto sorpresa che non dura più di qualche rigo, lasciando sì una sensazione di inquietudine, ma soprattutto la sensazione che quell'inquietudine poteva esser sfruttata meglio; che l'orrore provato poteva esser diluito e reso ancora più forte - che troppo sia lasciato all'immaginazione. Per questo motivo sono sicura che in una forma più lunga, magari un romanzo, la Jackson possa rendere infinitamente di più; non a caso il racconto che ho preferito è "Lo sposo", il più lungo. In questo la Jackson appare più paziente nel costruire un ritmo serrato ma crescente sin dalla prima riga, ponendo un'attenzione minuziosa alla descrizione dei personaggi e alle loro azioni.

  • User Icon

    n.d.

    17/09/2018 19:07:01

    Il primo racconto che da il titolo al libro mi ha colpito molto, mi sono ritrovata a pensarci spesso dopo averlo letto nonostante sia molto breve e si legga molto velocemente, anche il secondo è molto coinvolgente, gli altri due, invece, abbastanza inconcludenti. I primi due racconti e il modo di scrivere di Shirley Jackson però secondo me valgono l'acquisto.

  • User Icon

    n.d.

    02/02/2018 10:32:38

    Avendo già letto altro della Jackson e quindi avendo già avuto modo di apprezzare la sua scrittura, ammetto che nutrivo alte aspettative verso questo volumetto, aspettative che sono state soddisfatte solo in parte. Si tratta di una raccolta di quattro racconti: quello che ho preferito è stato il primo intitolato La Lotteria, che dà il nome all'opera, ottimo anche Il Fantoccio che secondo me ha più di una chiave di lettura. Non ho invece apprezzato particolarmente Lo Sposo e il Colloquio che ho trovato inconcludenti. Il comune denominatore dei racconti è il sentimento di angoscia e la tensione nella quotidianità, la scrittrice attacca la cattiveria che si nasconde dietro il perbenismo e le buone maniere della classe medio borghese.

  • User Icon

    n.d.

    08/07/2016 11:38:02

    Quattro racconti grotteschi e stralunati, ma solo il primo (La lotteria) è davvero ispirato.

  • User Icon

    n.d.

    11/10/2014 16:40:33

    Quattro racconti che non rientrano nel filone horror, ne in quello thriller, ancor meno in quello fantascientifico. Si tratta di storie comuni la cui particolarità dovrebbe risiedere nel finale ad effetto, volutamente vago, ma cosi non é. Soltano la novella che da il titolo alla raccolta é degna di nota con un atmosfera cupa, grigia ed un finle crudele. Per il resto nulla di eccezionale.

  • User Icon

    n.d.

    04/09/2014 22:56:11

    La magia del racconto sta tutta nel finale (molto!) a sorpresa. Per il resto, una storia scritta bene... ma non certo un capolavoro

  • User Icon

    n.d.

    22/01/2013 14:23:47

    Una delle scrittrici più sottovalutate degli ultimi tempi.

  • User Icon

    n.d.

    04/12/2012 00:56:54

    leggermente sopravvalutato, ma da leggere.

  • User Icon

    n.d.

    13/05/2012 02:29:25

    Mamma mia!! Brava. Ho letto anche un altro libro della Jackson e devo dire che non delude. Una scrittura che ammorba l'aria.

  • User Icon

    n.d.

    01/05/2012 19:02:18

    Angosciante!!! Voglio leggere ancora questa scrittrice. Davvero strana.

  • User Icon

    n.d.

    13/04/2012 01:55:18

    Angosciante. Ho letto tutto in italiano di questa autrice. Vorrei leggere ancora.

  • User Icon

    n.d.

    31/01/2010 00:59:16

    Più che un romanzo, un racconto lungo (nemmeno tanto). Bellissimo però! Si capisce come a questa autrice si sia ispirato S. King. Con Matheson una "maestra" del brivido.

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione