Luca Marenzio e il suo tempo - CD Audio di Luca Marenzio

Luca Marenzio e il suo tempo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Luca Marenzio
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Tactus
Data di pubblicazione: 1 gennaio 2014
  • EAN: 8007194105827

€ 16,90

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È il 1580 quando il giovane Luca Marenzio dà alle stampe la sua prima raccolta di composizioni: il Primo libro de’ madrigali a cinque voci rivelerà, nello smaliziato ambiente musicale romano della fine del XVI secolo, una personalità capace di rendere con sopraffina maestria le istanze estetiche di un’epoca. Nato a Coccaglio in quel di Brescia intorno al 1553, Marenzio era arrivato a Roma ventenne alle dipendenze del cardinal Cristoforo Madruzzo, facendosi notare con alcuni madrigali inseriti in raccolte antologiche, oltre che come cantore. Grazie a queste sue prime opere pubblicate Marenzio si assicurò un posto preminente tra i compositori italiani, e la sua fama raggiunse ben presto altri paesi europei. In particolare in Inghilterra vennero stampate, di lì a pochi anni, varie edizioni antologiche comprendenti madrigali marenziani che ebbero un successo straordinario. Questo disco contiene una panoramica dei generi di musica profana in voga verso la fine del XVI secolo, di cui Marenzio e i suoi contemporanei furono protagonisti.
  • Luca Marenzio Cover

    Compositore. Forse allievo di G. Contino nella cappella del duomo di Brescia, prestò servizio per qualche tempo nella cappella di Trento e, dal 1578 all'85, presso il cardinale Luigi d'Este a Modena. Nel 1588-89 fu alla corte medicea per le nozze del duca Ferdinando con Cristina di Lorena, contribuendo, in contatto con I. Peri e con E. de' Cavalieri, agli intermezzi eseguiti nel corso dei festeggiamenti. In questa occasione compose La gara fra Muse e Pieridi e Combattimento pitico di Apollo che, pur rimanendo entro gli schemi del madrigale, anticipano già il «recitar cantando» fiorentino. Visse poi a Roma, al servizio degli Orsini (1589-92) e del cardinale Aldobrandini (1593-95). Nel 1595 si recò alla corte del re di Polonia; nel 1598 era di nuovo a Venezia. Nessuna notizia si ha sull'ultimo... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali