Categorie

Chiara Gamberale

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2010
Pagine: 392 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804595441

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Patti

    02/08/2015 10.17.36

    Il titolo prometteva bene, anzi benissimo, la trama altrettanto. Poi l'autrice si è persa in una scrittura noiosa, poco originale, senza caratterizzazione dei personaggi, ma con lunghe descrizioni non funzionali alla storia. Peccato, poteva essere un vero capolavoro!

  • User Icon

    Flavio

    29/05/2015 20.35.43

    questo è un buon libro? dove stanno la creatività e l'originalità...e lo spessore dei caratteri dei personaggi?mah... qualche illusione nelle prime pagine ma poi il nulla più assoluto...a mai più!

  • User Icon

    Simona

    20/04/2014 09.34.58

    E' un libro inconsueto sotto tutti i suoi aspetti che può o piacere o non piacere. A me ha lasciato a metà strada in quanto apprezzo e stimo l'idea che ha avuto l'autrice, ma ammetto che non mi ha preso troppo. Inoltre a mio avviso il finale è facile da intuire..

  • User Icon

    Giada S.

    27/03/2014 22.17.00

    Acquistato perchè attratta dalla copertina e soprattutto dal titolo,leggendo la trama non mi sembrava male ma alla lettura l'ho trovato banale,pieno di luoghi comuni.A mio parere,nulla di indimenticabile.

  • User Icon

    ander

    17/03/2014 14.47.55

    l'ho abbandonato...lo spunto di trama era molto interessante ma è stato sviluppato veramente male

  • User Icon

    erika

    17/12/2013 15.08.20

    Fenomenale, dopo averlo letto mi capita di ripensare ai personaggi! E' un libro fuori dalle solite storie da romanzo contemporaneo.

  • User Icon

    Cucuzza

    11/12/2013 15.53.09

    Una storia sicuramente inconsueta, con personaggi alternativi, che, visti attraverso gli occhi di Mandorla, sono tutti delineati nelle loro sfaccettature più bizzarre. Il finale lascia perplessi, ma a distanza di mesi continua a tormentare il disagio di una giovane che prega per essere uno striscione, una tenda, un libro di algebra o qualunque altra cosa non viva, pur di non essere se stessa. Gamberale, ti terrò d'occhio :)!

  • User Icon

    Paola

    17/09/2013 21.11.00

    Lo DEVO ancora finire. Non riesco a non arrivare alla fine di un libro anche se non mi piace. Mi ha attratta il titolo, il solito piacevole odore della carta, il tatto sulla copertina liscia, la trama che mi sembrava originale. Il piacere si è fermato lì. Alcuni che mi hanno preceduto nei commenti dicono: scritto male. Io aggiungo che l'autrice si sforza di essere originale ma si riduce ad essere fastidiosa, confusa e ripetitiva.

  • User Icon

    Michy

    10/05/2013 11.13.24

    La prima parola che mi viene in mente per descrivere questo libro è: strano, strana è la modalità di scrittura, strana è la storia, strani sono i dialoghi, strani sono i suoi protagonisti (anche se direi che rispecchiano benissimo i "tipici abitanti di un condominio"), strano che la storia in sé molto triste non mi abbia mai intristita. Mi è piaciuto, mi ci sono appassionata e affezionata. Se il finale fosse stato bello e sconvolgente avrei dato 5, invece ha solo confermato il mio sospetto di quale fosse la verità, che ho avuto praticamente da subito!

  • User Icon

    cecilia sacchi

    06/04/2013 17.08.35

    Ho prima comprato il libro e poi , prima di leggerlo, ho letto le Vostre recensioni e misono un pò smontata. Invece leggendolo sono rimasta molto contenta, adoro gli scrittori che sanno descrivere così bene il "sentire" inteso come sentimento e la Gamberale lo sa fare! Per me bel libro e non banale.

  • User Icon

    cristina

    01/02/2013 12.12.18

    La frase più bella del romanzo è "Viviamo tutti all'oscuro di qualcosa che ci riguarda". E poi ci sono "le luci nelle case degli altri". Mandorla vive la sua fanciullezza su e giù tra 5 piani di un condominio, e chi non vorrebbe avere una così grande famiglia che ti ama e ti protegge nonostante tutto? La rivelazione finale mi ha lasciato con l'amaro in bocca, mi ha fatto d'improvviso svalutare la figura di Maria, madre di Mandorla. La narrazione a volte diventa noiosa, si potevano evitare alcuni resoconti introspettivi dei vari inquilini ed eliminare alcune ripetizioni della trama.

  • User Icon

    Marghe

    20/01/2013 14.18.29

    Brutto, lungo, scritto male e... noioso. Ci sono davvero letture migliori con cui passare il tempo, perciò consiglio di lasciare perdere questo libro. Mi dispiace per l'autrice, che leggevo su Vanity Fair e che mi colpiva sempre coi suoi articoli; in questo caso invece mi ha delusa profondamente.

  • User Icon

    lolli

    06/01/2013 15.51.34

    Bello!!! Mi è piaciuto molto il tratteggio dei vari caratteri e la differenza di relazione tra i personaggi e la protagonista Mandorla, basata sull'ipocrisia di non sapere, di non ammettere, di non sentirsi estraneo.

  • User Icon

    Chiara

    01/09/2012 20.42.43

    Non ho mai saltato le pagine di un libro, come con questo. Noioso, con una grafica che dà fastidio agli occhi (molte pagine sono in corsivo), ripetitivo,...uffa!

  • User Icon

    serena belli

    22/07/2012 21.03.40

    Concordo con Alessia, non è certo il miglior libro che ho letto, ma il voto alto è meritato perchè è una bella storia, scritto bene, coinvolgente e commovente, con sorpresa finale. Cosa volere di più, si passano un paio di bei pomeriggi in compagnia degli inquilini di questo improbabile condominio. Anche a me sono piaciute le preghiere di Mandorla, l'idea è simpatica e molto originale. Lo ho consigliato a chi mi ha chiesto un bel romanzo da spiaggia, non troppo banale nè sciocco. Molto bello anche il titolo, scelto con cura.

  • User Icon

    Kiara88

    22/07/2012 12.20.16

    Bel libro! Più che dalla trama sono rimasta piacevolmente colpita dallo stile di scrittura. Non solo è molto originale, ma l'autrice è stata capace di mettere in parole lo stato d'animo dei personaggi e soprattutto della protagonista! In lei sono riuscita a vedere la sofferenza, i mille dubbi, le perplessità e la gran voglia di evadere dalla sua esistenza! E' un libro dove non dai nulla per scontato! Il lettore viene a scoprire le cose insieme a Mandorla, e.......alla fine qualcosa più di lei nel finale lo saprà!!

  • User Icon

    kiki

    09/07/2012 23.25.42

    trama originale, scrittura scorrevole, personaggi ben descritti, mai banali ma allo stesso tempo non così improbabili. Riflessioni e pensieri da condividere o rifiutare che rendono profondo un libro semplice e veloce. A tratti un pò lento, si poteva accorciare un pò senza perdere il senso. Il finale è a sorpresa e chiude il libro in modo originale.

  • User Icon

    betty

    30/05/2012 10.22.24

    Un bel libro, è scorrevole e si legge con piacere! l'ho trovato originale e anche non scontato nella parte finale! consigliato!

  • User Icon

    alessia

    08/02/2012 14.59.23

    non è il miglior libro che ho letto...ma è cmq piacevole da leggere ...la lettera testamento è bellissima come le assurde preghiere di Mandorla...e mi piace tantissimo come l'adolescente Mandorla ricorda la madre nonostante la sua scomparsa...

  • User Icon

    alecsa

    12/01/2012 14.42.56

    Lungo oltremisura; si trascina sempre negli stessi concetti. Peccato, il titolo era bello.

Vedi tutte le 75 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione