Lulù. Il vaso di pandora (DVD) di Georg Wilhelm Pabst - DVD

Lulù. Il vaso di pandora (DVD)

Buchse der Pandora

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Buchse der Pandora
Paese: Germania
Anno: 1928
Supporto: DVD

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 7,43 €)

Un autentico capolavoro del cinema ispirato alle due opere teatrali di Frank Wedekind, "Il vaso di Pandora" e "Lo spirito della terra", che al momento della loro pubblicazione vennero definite immorali. Anche il film, alla sua uscita, fece enorme scalpore, pur costituendo una delle vette del cinema di Pabst 'per il complesso equilibrio tra seducente sensualità e tragico senso dell'innocenza'. La forza del film nasce principalmente dall'incontro del talento di Pabst con la presenza magica dell'americana Louise Brooks, dal leggendario casco di capelli neri. Lulù, fioraia ambulante, giovane e bella, innocente e perversa, figlia di un mendicante, intrattiene rapporti altalenanti con diversi uomini: lo speculatore altoborghese Schön, l'atleta e saltimbanco Rodrigo, il giovane figlio di Schön, il vecchio protettore Schilgoch. In Lulu tutti si perdono poiché il suo istinto non conosce mascheramenti, e gli uomini che si imbattono in lei vi riconosceranno le falsità delle loro vite e la propria perdizione. Dopo drammatiche peripezie, la vita sempre in fuga di Lulù terminerà a Londra dove, ridotta ad adescare clienti per strada, cadrà sotto i colpi di Jack lo Squartatore.
  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Dynit Ermitage, 2018
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 131 min
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: Full Screen
  • Area2
  • Louise Brooks Cover

    Propr. Mary L. B., attrice statunitense. Anticonformista, con un passato da ballerina, debutta nel '25 in alcuni film di scarso rilievo finché Capitan Barbablù (1928) di H. Hawks non lancia il suo personaggio di femme fatale dal riconoscibile caschetto nero. G.W. Pabst la preferisce a M. Dietrich per Lulù - Il vaso di Pandora (1929) tratto da due noti testi teatrali di F. Wedekind. La sua carica di erotismo e perversione si accentua ancora di più ne Il diario di una donna perduta (1929) di Pabst, torbido melodramma che critica duramente l'ipocrisia dei valori borghesi. Mal vista a Hollywood e scalzata dal ruolo di sex-symbol da altre attrici (Dietrich, Garbo, Harlow), negli anni '30 deve accontentarsi di film minori e in seguito di qualche soap opera radiofonica. Approfondisci
Note legali