La macchina del tempo

Herbert G. Wells

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Einaudi
Collana: Letture Einaudi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 21 febbraio 2017
Pagine: XVIII-126 p., Brossura
  • EAN: 9788806232689
Salvato in 28 liste dei desideri

€ 17,00

Venduto e spedito da Libreria Bortoloso

Solo una copia disponibile

+ 5,49 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

«Era orribile sentire nel buio tutte quelle creature viscide ammucchiate su di me, come essere in una mostruosa ragnatela.»

"'La macchina del tempo' è del 1895, l'edizione definitiva dell'uomo delinquente di Lombroso è del 1897: a Darwin, rapidamente divulgato, era già subentrato il darwinismo, tanto che Wells, che pure aveva fatto un discreto tirocinio prima come studente e poi come docente di biologia, arriva a concepire la regressione per una via tutta formale: se dalla scimmia è derivato l'uomo, si chiede, perché non immaginare un'ulteriore evoluzione non in avanti ma all'indietro ? Perché escludere «l'idea opposta», cioè una «regressione zoologica»? Per questa via Wells giunse a ipotizzare la totale estinzione del genere umano, come inscenato appunto nella parte finale (la cosiddetta «visione ulteriore») della Macchina del Tempo. Dipendendo dal raffreddamento del sole, la visione finale - un mondo senza esseri umani né mammiferi - ha comunque una sua pace; la cupezza della profezia wellsiana è invece tutta nel complementare destino dei ricchi e dei poveri rispettivamente come vegetali e come bruti, secondo la logica di un dissidio tutto interno all'evoluzionismo: da una parte Huxley e Wells, dall'altra un evoluzionista della prim'ora come Herbert Spencer, convinto che l'uomo avrebbe indefinitamente migliorato se stesso." (Dalla prefazione di Michele Mari)
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Egon

    05/11/2017 23:19:28

    La Macchina Del Tempo di Herbert George Wells é un romanzo fantascientifico pubblicato nel 1895. Il racconto narra di un Viaggiatore del tempo di cui non ci viene rivelato il nome che racconta a dei suoi ospiti la sua avventura nell'anno 802.701. Quest' opera dal contenuto visionario e profetico riesce a portare a diverse riflessioni ed a analizzare la realtà futura anche attraverso previsioni sociali ed economiche, alla fine questa lettura vi lascerà con più interrogativi dell inizio e il finale é interpretabile, come tutti i capolavori. Dirvi di più sarebbe come privarvi della meraviglia quando sfoglierete queste pagine, COMPRATELO, NON VE NE PENTIRETE!

  • Herbert G. Wells Cover

    Herbert George Wells fu scrittore britannico, considerato, insieme a Jules Verne, il padre della fantascienza.Nato in una famiglia di modesta estrazione sociale (dagli undici sino ai diciassette anni fu apprendista in una ditta di tessuti, il Southsea Drapery Emporium; questa esperienza gli ispirò in seguoti il romanzo The Wheels of Chance and Kipps) grazie a una borsa di studio entrò alla Normal School of Science, ma non superò gli esami finali. Immediato successo ottenne il romanzo d'esordio, La macchina del tempo (1895), che mescolando scienza, avventura e politica descrive un viaggio nell'anno 802701. Anche nei romanzi che seguirono Wells utilizzò la scienza per esprimere le sue preoccupazioni riguardo al futuro della civiltà: nell'Isola del dottor Moreau... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali