Maciste contro tutti

Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Universal
Data di pubblicazione: 15 settembre 2017
  • EAN: 0602557869668
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 15,38

€ 20,50

Risparmi € 5,12 (25%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Descrizione

Il 18 settembre 1992 all’anfiteatro del Centro Pecci di Prato si svolse lo storico concerto che segnò la fine dei CCCP Fedeli Alla Linea e vide la nascita dei C.S.I.
A 25 anni da quel concerto, l’album live che testimonia l’evento viene ripubblicato in doppia edizione: CD Digipack con nuove grafiche e per la prima volta in doppio vinile da 180 grammi
In occasione dell’anniversario nell’anfiteatro del Centro Pecci si terrà un concerto celebrativo con i componenti della band Massimo Zamboni, Francesco Magnelli, Gianni Maroccolo e Giorgio Canali insieme a Ginevra Di Marco, Fatur, Max Collini e Francesco di Bella.

Disco 1
  • 1 Üstmamò - Üstmamò
  • 2 Üstmamò - Amminramp
  • 3 Üstmamò - Vietato Vietato
  • 4 Üstmamò - Finkela Barkava
  • 5 Disciplinatha - I Love You
  • 6 Disciplinatha - Addis Abeba
  • 7 Disciplinatha - Crisi Di Valori
  • 8 C.S.I. Consorzio Suonatori Indipendenti - Emilia Paranoica / Spara Juri
  • 9 C.S.I. Consorzio Suonatori Indipendenti - Mozzill'o Re / Valium Tavor Serenase
  • 10 C.S.I. Consorzio Suonatori Indipendenti - Morire / Madre
  • 11 C.S.I. Consorzio Suonatori Indipendenti - Depressione Caspica
  • 12 C.S.I. Consorzio Suonatori Indipendenti - Maciste Contro Tutti / Aghia Sophia

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Vincenzo

    20/09/2018 01:31:13

    album è diviso in 3 parti: "La Terra", "La Guerra" e "Una Questione Privata". La prima di queste è aperta dalla dolce e tranquilla "Campestre", cantata interamente da Ginevra di Marco. Allungata di molto rispetto alla versione originale (3 contro i quasi 8 di questa versione) il brano, nella parte centrale presenta uno scambio di assoli in feedback tra le 2 chitarre, poi la ripresa dell'ultima strofa (molto poetica: "S'impone la poesia / S'alza la luna e/ Sfuma… ") e la chiusura. Segue "Esco": la voce di Ferretti fa la sua comparsa tra i suoni cupi del pianoforte e i soli di chitarra. Il brano prosegue senza sorprese, in modo lento e solenne, lasciando il posto all'allegra e leggera "Fuochi nella Notte di San Giovanni": la prima parte, solo con chitarra elettrica e pianoforte, si stempera in un folk/rock in cui Ferretti declama il suo famoso manifesto d'intenti: "Non fare di me un idolo o mi brucerò/ Se divento un megafono m'incepperò/ Cosa fare non fare non lo so/ Quando dove perché riguarda solo me/ Io so solo che tutto va ma non va".

Scrivi una recensione