Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

copertina

Madama Butterfly

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giacomo Puccini
Direttore: Günter Neuhold
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Naxos
Data di pubblicazione: 22 maggio 2003
  • EAN: 0730099607827
Disco 1
1
E soffitto e pareti
2
Questa e' la camera
3
Dovunque al mondo
4
Ed e' bella la sposa?
5
Ah! quanto cielo! quanto mar!
6
Gran ventura...riverenza
7
Ma ho degli altri parenti
8
L'imperial commissario e l'ufficiale
9
Qui signor ufficiale
10
Lo zio yakuside'
11
All'amor mio!
12
Ieri sono salita
13
Tutti zitti!
14
Qua, signor zio. il bicchiere della staffa
15
All'ombra d'un keki
16
Cio cio san!... cio cio san!
17
Bimba, bimba non piangere
18
Viene la sera
19
Vogliatemi bene
20
Introduction
21
E izaghi ed izanami
22
Un bel di
Disco 2
1
C'e' entrate
2
Mio marito m'ha promesso
3
Ora a noi. qui sedete
4
Due cose potrei fare
5
E questo?...e questo?
6
Che tua madre dovra'
7
Vien sera io scendo
8
Vespa! rospo maledetto!
9
Il cannon del porto
10
Il conto qual sia
11
Or vienni ad adornar
12
Nello shosi or farem tre forellini
13
Humming chorus
14
Intermzzo
15
Dawn
16
Dormi amor mio
17
Chi sia?
18
Io so che alle sue pene
19
Non vel'ho detto?
20
Suszuki!... suzuki!... dove sei?
21
Vespa! voglio che tu risponda
22
L'amico mio mi diede
23
Come una mosca prigioniera
24
Con onor muore
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giacomo Puccini Cover

    Compositore. Gli esordi. Ultimo di una dinastia di musicisti attiva da cinque generazioni, rimase orfano a sei anni per la morte del padre Michele, già organista e maestro del coro del duomo, nonché direttore dell'Istituto musicale di Lucca. Nonostante le difficoltà finanziarie, la madre Albina Magi poté fargli seguire studi regolari al Ginnasio e all'Istituto musicale, studi che tuttavia il ragazzo affrontò senza troppo entusiasmo. Il suo primo maestro, lo zio Fortunato Magi, succeduto nelle cariche del cognato, lo affidò quindi a Carlo Angeloni (già insegnante di Alfredo Catalani), col quale Giacomo studiò con notevole profitto e scoprì la propria vocazione per il teatro. Nel 1876 si recò a piedi a Pisa per assistere per la prima volta nella sua vita alla rappresentazione di un'opera, l'Aida... Approfondisci
Note legali
Chiudi