Madre Courage e i suoi figli

Bertolt Brecht

Curatore: C. Vigliero
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 27 febbraio 2017
  • EAN: 9788806232924
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,48

€ 13,50

Risparmi € 2,02 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Clelia

    19/09/2018 21:06:58

    Anna Fierling, detta Madre Courage, vive con i suoi tre figli, tutti nati da padri diversi, commerciando per il paese la merce che porta sempre sul carro che accompagna le loro giornate. Secondo la sua morale la guerra è il momento migliore per i commerci e l’azione si svolge proprio durante quella dei trent’anni. Ciò con cui non vuole fare i conti, però, è il dare in cambio quando si riceve: se la guerra le da, alla fine le prenderà anche qualcosa. La guerra è una condizione permanente all’interno del romanzo e con l’infallibile tecnica dello straniamento il drammaturgo tedesco ci dimostra come, per quanto venga apparentemente maledetta e criticata, ognuno ne trae sempre qualcosa e ha piacere che essa continui. L’opera, come le altre dell’autore, è caratterizzata dallo straniamento, caratteristica che rende impossibile l’empatia e che era considerata una delle tecniche migliori del drammaturgo.

  • User Icon

    Teresa

    17/09/2018 22:13:17

    Anna Fierling, detta Madre Courage, vive con i suoi tre figli, tutti nati da padri diversi, commerciando per il paese la merce che porta sempre sul carro che accompagna le loro giornate. Secondo la sua morale la guerra è il momento migliore per i commerci e l’azione si svolge proprio durante quella dei trent’anni. Ciò con cui non vuole fare i conti, però, è il dare in cambio quando si riceve: se la guerra le da, alla fine le prenderà anche qualcosa. La guerra è una condizione permanente all’interno del romanzo e con l’infallibile tecnica dello straniamento il drammaturgo tedesco ci dimostra come, per quanto venga apparentemente maledetta e criticata, ognuno ne trae sempre qualcosa e ha piacere che essa continui.

  • User Icon

    Maria Luisa Valeri

    29/03/2013 21:45:54

    Ecco un'intramontabile capolavoro del teatro brechtiano, che stupisce ancora oggi per l'intensità e il realismo dei personaggi e che condanna innegabilmente i soprusi e le ingiustizie sociali, ma non indulge mai in alcun sentimentalismo.

Scrivi una recensione