-15%
La madre, il maestro, Shakespeare e Dio - Giulia Bracco - copertina

La madre, il maestro, Shakespeare e Dio

Giulia Bracco

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Caffèorchidea
Collana: Romanzi
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 3 aprile 2018
Pagine: 352 p., Rilegato
  • EAN: 9788894222432
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 12,75

€ 15,00
(-15%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

La madre, il maestro, Shakespeare e Dio

Giulia Bracco

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La madre, il maestro, Shakespeare e Dio

Giulia Bracco

€ 15,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La madre, il maestro, Shakespeare e Dio

Giulia Bracco

€ 15,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 15,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Hector e Nabel sono figli dello stesso padre, il Professor Lucrezio Minenti: luminare della Fisica, adulato negli Istituti di Ricerca di tutto il mondo, sospettato di essere coinvolto nella messa a punto della Macchina del Tempo. Essi sono cresciuti con madri diverse, in paesi differenti. Due universi paralleli, mai del tutto slegati fra loro: Hector è un artista, si prepara a una collaborazione con Tim Burton; Nabel ama la scrittura, ma cancella tutto quello che scrive. L'incontro fra i due giovani squarcia l'impassibile regolarità della vita del Professore, apre varchi fra città d'Europa, ritagli di giornale e borse cadute dal cielo, fino a ricostruire le trame inesauribili che sottendono alle vite degli uomini, nelle loro sconfitte, come nei loro momenti di gloria. Qualcuno ci sorveglia mentre scriviamo: la Madre. Il Maestro. Shakespeare. Dio; così Martin Amis in "London Fields". In queste pagine i quattro sorveglianti ci sono tutti. Danzano sulle spalle di Nabel, dipanano i fili del romanzo come garzoni di un teatro o giullari dalle ombre pesanti, in uno spettacolo imprevedibile e senza repliche.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Antonella

    11/03/2019 22:09:24

    Ci sono certi libri, come questo, che raccontano storie che hanno il potere non solo di stregarmi, ma anche di toccare molte corde della mia anima. Ci sono certi libri, come questo, che per quanto possano risultare freschi e genuini, in realtà raccolgono una magnifica esperienza espressiva. “La Madre, il Maestro, Shakespeare e Dio” richiamava la mia attenzione da mesi, per questo suo titolo bizzarro. E quando ho scoperto che si trattava di un romanzo, ho storto un po’ il naso. Ho pensato fosse un titolo pretenzioso per un libro di narrativa. Ma la curiosità mi stuzzicava ancora. E allora l’ho acquistato appena ne ho avuto occasione. E il giorno dopo l’ho subito iniziato. E da allora, giorno dopo giorno, mi sono innamorata di questa storia. Per quanto possa risultare densa di avvenimenti; per quanto i personaggi (e in particolare una protagonista) possano peccare di una eccessiva banalizzazione in cliché; per quanto talvolta non fossi convinta dalla direzione presa dall’autrice, alla fine mi sono trovata a pendere dalle parole di Giulia Bracco, dalla sua capacità di raccontare una storia tutto sommato banale nei suoi contenuti, ma dalla realizzazione per nulla banale. Perché questa, come tante, è la storia di una ricerca degli avi, una storia di ricerca anche di sé. E anche, se vogliamo, una storia della ricerca dei mezzi per raccontarsi. Perché questa è anche una storia di realizzazione . Non esiste nulla che non sia osservato e l’uomo, come un evento, esiste nella sua espressione testimoniata da un altro. Chi siamo non è definito da chi ci osserva, ma siamo definiti dalla consapevolezza che qualcuno ci osservi, però, e per questo - attraverso questo, cioè - rendiamo materiale ciò che pensiamo di essere, la nostra stessa rappresentazione.

Dopo la bellissima raccolta di racconti Storia dei miei fantasmi di Francesco Borrasso, un nuovo appuntamento con Caffèorchidea non delude. Non potrebbe essere diversamente, se si considera che la giovane casa editrice deve il nome al Caffè Orchidea, il bar di Lisbona in cui Pereira ama rifugiarsi nel romanzo di Antonio Tabucchi, uno dei più belli della fine del ‘900. Per mettere a disposizione dei lettori elementi per studiare e osservare il mondo, l’editore Giuseppe Avigliano punta a giovani scrittori come Giulia Bracco, autrice del romanzo La Madre, Il Maestro, Shakespeare e Dio (348 pagine, 15 euro) che vede protagonisti Nabel ed Hector, figli dello stesso padre, il fisico e scienziato di fama mondiale Lucrezio Minenti, che li ha «concepiti nello stesso momento della sua vita, coltivando due tipi d’amore, due tipi di sogno, due tipi di vita».

Nabel è una ragazza introversa e insicura che ama profondamente la scrittura, sebbene cancelli qualsiasi cosa scriva per paura che le sue parole svelino il mondo che ha dentro, fatto di fragilità e solitudine («Mi sembra che se dovessi lasciare le parole da qualche parte, qualcuno potrebbe avere a disposizione la mia anima in ogni istante, per affacciarvisi dentro liberamente come nulla fosse»). Hector ama l’arte e con le sue opere contemporanee e simboliche riesce ad esprime la propria natura ribelle e anticonformista. Nati a pochi mesi di distanza l’uno dall’altra, i due non si sono mai incontrati, fino al giorno in cui Hector decide di incontrare la sorella e raccontarle la verità. Da quel momento in poi tra i ragazzi si crea una connessione speciale. Sebbene appartengano a  due universi paralleli, Nabel inizia a dipendere dal fratello e viceversa: pur essendo lontani, condividono lo spazio- tempo in cui sono stati creati, ma seguendo energie opposte e mai separabili. Le loro vite si influenzano vicendevolmente: se a Londra Hector è avvolto da un’aurea di energia positiva, in Italia sua sorella è condizionata da un flusso negativo; se qualcosa accade da una parte, non accadrà dall’altra.

Chiari ed espliciti sono i riferimenti alla teoria degli universi paralleli di Stephen Hawking: quelli dei protagonisti si evolvono e si legano grazie a un’energia speciale e una forza misteriosa che regolano i loro mondi. E non mancano i riferimenti alle teorie di Kierkegaard e ai pensieri di Chernobov, ideatore di un prototipo della Macchina del Tempo, altra grande protagonista del romanzo di Bracco che, attraverso le leggi fisiche, riesce a raccontare l’emotività, la vita, gli amori dei personaggi. I sogni, i dolori, le paure, le speranze di due universi in costante connessione tra loro, in cui l’uno controbilancia le energie dell’altro.

Il potere delle parole è infinito e stravolgente :possono cambiare un evento, una situazione, un sentimento, la nostra vita e il nostro essere. Le parole definiscono il nostro “io”. L’autrice affida questa consapevolezza tra le mani di Nabel: certa che esse possono vivere in eterno, ha paura di essere giudicata per ciò che scrive. Il titolo del romanzo, richiamando una citazione di Martin Amis, fa riferimento a tale paura, «Qualcuno ci sorveglia mentre scriviamo: la Madre. Il Maestro. Shakespeare. Dio»

Le parole di Nabel, che non sono altro che quelle dell’autrice Giulia Bracco, sono bellisime, sebbene inespugnabili; riescono a toccare l’anima e raccontare l’amore, le fragilità e le solitudini con uno stile elegante e scorrevole che non tralascia i colpi di scena. Temi complessi che raccontano due universi altrettanto complicati, lungo un percorso di crescita e di cambiamento dei due protagonisti.

Una  lettura piacevole che commuove il lettore, sopratutto nella parte finale del libro, quando il potere delle parole riuscirà a mettere in connessione Hactor e Annabel nella stessa dimensione spazio-tempo. Chiuso il libro, sarà inevitabile riflettere sul fatto che gli uomini, probabilmente, sono tutti interconnessi da una forza misteriosa che ne governa le esistenze e che chiamiamo “coincidenze”.

Recensione di Arcangela Saverino

Note legali