Magic

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Columbia
  • EAN: 0886971706024

€ 6,75

€ 7,50
(-10%)

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 7,50 €)

Disco 1
1
Radio Nowhere
2
You’ll Be Comin’ Down
3
Livin’ In The Future
4
Your Own Worst Enemy
5
Gypsy Biker
6
Girls In The Summer Clothes
7
I’ll Work For Your Love
8
Magic
9
Last To Die
10
Long Walk Home
11
Devil’s Arcade
12
Terry’s Song (Ghost Track)
4,24
di 5
Totale 17
5
11
4
0
3
5
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    giordano

    13/01/2008 15:23:13

    Ma è un disco del boss quello che sto ascoltando? No a me la domanda è sorta spontanea sin dal primo ascolto. E' la prima volta che Bruce pubblica un disco senza la minima ispirazione. ricicla malamente tutto ciò che ha fatto in passato, si autocita e si ripete in continuazione imitando i beitempi d'oro che furono il tutto sorretto da una produzione che banalizza la già non grande qualità compositiva della canzoni. D'accordo nel mucchio qualcosa di salvabile c'è sempre: da Radio nowhere a Magic, da Long walk home a Devil's arcade. Nulla toglie però che questo disco risulti il peggiore in assoluto del boss (idem vale per l'orrendo pacchiano artwork) e che per la prima volta sembra non aver nulla da dire. Gli gioverebbe probabilmente un buon periodo di riposo come quando in passato faceva passare tra un disco e l'altro anni e meditava a lungo su quali canzoni includere (a volte lasciando fuori delle autentiche chicce). Il boss rimane sempre il boss e i suoi capolavori saranno sempre lì a testiomoniare che è il più grande rocker di tutti i tempi. questo disco tempo qualche anno e non se lo ascolterà più nessuno. Delusione dell'anno (e lo dico a malincuore!)

  • User Icon

    Kompanero

    08/01/2008 12:05:55

    Il boss è sempre il boss, anni luce avanti alla maggior parte dei musicisti contemporanei, pero' questo cd non mi convince moltissimo; gli arrangiamenti sono ottimi, qualche buona canzone, ma nel complesso un cd non del tutto riuscito. In ogni caso, Bruce è sempre uno dei migliori !!!

  • User Icon

    Elvira

    29/12/2007 11:02:50

    Emozionante, musiche bellissime; ho il CD solo da ieri sera e quindi non ho avuto il tempo per leggere i testi. Quando alla radio ho sentito "Girls in their summer clothes" me ne sono innamorata subito, molto nostalgica ma stupenda.

  • User Icon

    nonnoenio

    24/11/2007 16:28:35

    Bravo Boss a 58 anni suonati sei uno dei pochi che riesce a darci un pò di emozione e a farci sentire della gran bella musica. Grande voto 5/5

  • User Icon

    fabyzio

    15/11/2007 10:54:54

    tutti si aspettano da Bruce, ogni volta che esce un disco, un capolavoro..e questo, obbietivamente,non lo è di sicuro! non scherziamo!a 58 anni suonati, da lui mi aspetto integrità artistica, morali, album sinceri e sentiti.Qualità che il Boss, esprime da sempre. Certo, di "magico", in questo lavoro, non c'è molto, se non per far esaltare le arene e gli stadi di tutto il mondo.In Magic non c'è la rabbia di The Rising.Ci sono brani che funzionano subito e te le immagini in concerto e ci sono canzoni che hai già sentito da qualche parte nei suoi album.Radio nowhere,I'll work for your love,long walk home, last to die e la commovente terry's song, sono quelle che mi piacciono,considerando che, questo disco mi convince a tratti. Non è facile ripetersi a livelli eccelsi.Comunque,il Boss è sempre un gigante del rock!!non vedo l'ora di vederlo in concerto!!

  • User Icon

    Maria Pia

    31/10/2007 08:57:00

    In genere non leggo mai i commenti proposti da MeD Musica e inizialmente non lo ho fatto neppure sta volta. Tuttavia,leggendo adesso l'ultima recensione di un privato,noto anch'io che Gianni di Savio ha commentato il disco e,intendiamoci,è libero di farlo,lo ha valutato esprimendosi con un voto basso senza neppure conoscere i testi e le traduzioni in italiano,quindi,forse,non è la persona più adatta per scrivere di questo album,almeno finchè non si rende "edotto" circa i contenuti del medesimo. Da parte mia,ribadisco quanto affermato precedentemente nella mia recensione e do un bel 5 all'album(liberi gli altri di pensarla diversamente).

  • User Icon

    Daniele

    29/10/2007 09:32:12

    Noto che Gianni Del Savio non conosce neanche a cosa sia riferito il testo di Last To Die, però da lo stesso 3,5/5 all'album. Secondo me l'album suona meglio di The River... si avete capito bene! Prima parte dell'album leggermente stentata, poi, forse, uno dei migliori album di Bruce.

  • User Icon

    giovanni

    26/10/2007 20:39:03

    Disco discreto ma nulla piu', peccato. The rising era altra cosa e anche devil and dust e the seeger sessions. Per non parlare ovvio dei classici. Cmq il boss non si si discute,e gli si permette anche un mezzo passo falso in attesa di ascoltarlo dal vivo a milano per l'ennesima volta. é cmq il migliore.

  • User Icon

    Alberto

    26/10/2007 18:45:02

    Scusate, non è un forum ma tengo molto a dire una cosa...dato che seguo bruce da tantissimi anni...ma trovo che non abbia veramente senso nella valutazione di questo album tirare in ballo dischi come born to run o the river o darkness....quanti anni fa sono stati pubblicati questi dischi? Suvvia non possiamo essere sempre e comunque legati al mito di born to run...Springsteen ha 58 anni santa miseria!Io semplicemente mi sorprendo che dopo tutti questi anni di onorata carriera riesca a tirare fuori ancora un album del genere.Per questo do un voto alto al disco, sopratttutto in questo momento di ciarpame musicale. Ma trovo del tutto sconsiderato utilizzare come metro di giudizio dischi di 15-20 anni fa!!!E' semplicemente assurdo. Cosi com è assurdo ritenere che la parabola creativa di un' artista sia sempre fervida e ricca come quella che ha portato alla creazione di capolavori come nebraska e simili. Detto questo poi il disco può piacere o no, questione del tutto soggettiva.Ognuno è libero di esprimere il proprio giudizio, ci mancherebbe...

  • User Icon

    Luciano

    25/10/2007 21:05:00

    Un disco da tre stelle, il Boss ha fatto dischi notevolmente più belli di questo. Se qualcuno dice che questo è un capolavoro mette questo album agli stessi livelli di "Born To Run", "The River", "Darkness On The Edge Of Town" o "Nebraska" che sono molto più belli di "Magic". La produzione di O'Brien non convince del tutto. Sono rimasto in parte deluso da questo disco che obbiettivamente è il meno riuscito dopo Human Touch. Peccato!!!!

  • User Icon

    Fabrizio

    23/10/2007 19:14:35

    Non male, ma ha fatto molto, ma molto meglio. Se diamo 5 stelle a "Magic" quanto diamo a "Born to Run" o a "The River"? 15 e lode!

  • User Icon

    Dario e kekko

    12/10/2007 01:58:28

    Un gran bel lavoro,di un artista che non stanca mai di sorprendere la gente con le sue "magie". Vorrei evidenziare la bellezza dell'ultima traccia,quel meraviglioso omaggio al suo amico scomparso...Riesce a mettere i brividi e nello stesso tempo a far capire quanto l'amicizia può essere bella e indispensabile per una persona! GRAZIE BRUCE!!!! Kekko e Dario

  • User Icon

    Alberto

    07/10/2007 17:56:27

    Davvero un gran bel lavoro,seguo Bruce da tanti anni..devo dire che riesce sempre a sorprendermi, quest uomo è qualcosa di incredibile..un talento di concretezza. Dopo la parentesi seegeriana Bruce ci regala dunque "Magic" dalla copertina inguardabile (ma chi le sceglie!?) ma suonato davvero molto bene, direi alla grande. Ritroviamo la e-street band che qui lavora al meglio delle sue capacita, in molti dei brani di Magic emerge il "wall of sound" che spesso contraddistingue i pezzi di Springsteen. Ogni canzone ha una sua anima e trovo che siano tutte particolarmente curate negli arrangiamenti e nelle composizioni sempre comunque fedeli allo stile di Springsteen. Di questo disco mi colpisce soprattutto la sobrietà con cui è utilizzato ciascun strumento, "dosate" per bene le 4 chitarre della band, il piano e le tastiere, devo fare assolutamente una nota di merito per la voce di Bruce, in alcuni pezzi pazzesca (livin in the future sembra essere uscita da born to run).Il disco propone 12 canzoni e, se mi è concesso, trovo che siano tutte azzeccate, nessuna in piu del dovuto e tutte con una grandissima qualita. Ritengo questo album nettamente superiore a "the rising",suonato e registrato nettamente meglio.Vorrei citare tra le 12 tracce radio nowhere (jenny, message in a bottle, the passenger? alcune assonanze..), livin in the future,Magic ( c a p o l a v o r o ),long walk home, Terry' s song, girls in their summer clothes, your own worst enemy sono quelle che mi hanno piu colpito. Credo che una nota di merito vada anche a big man Clarence Clemons che ha impreziosito molti pezzi con deliziosi soli di sax. Insomma Springsteen ha ancora molto da dire, a modo suo, come ha sempre fatto, e ci ha regalato un altro bellissimo disco che paragono per bellezza e qualita a born in the usa. Come disse Bono vox quando introdusse Bruce nella rock n roll hall of fame "Bruce è il cuore pulsante dell america" e dopo quest altra prova di bravura credo che nessuna frase sia mai stata piu appropriata.

  • User Icon

    luca

    05/10/2007 00:40:29

    ...ritmo, melodia, energia e tensione: un muro sonoro compatto e robusto. Il "ritorno" del Boss, musicista completo più che mai. “You’re Own Worst Enemy” è davvero splendida: colonna sonora di un film mai visto... “Girls in their Summer Clothes”, emozione! “I’ll Work for Your Love”, potente inno all'amore; “Long Walk Home” per chi ha sentito la mancanza dello Springsteen classico; “Devil’s Arcade”, riflessione, commozione, impegno. Un capolavoro, decisamente.

  • User Icon

    Antonella

    03/10/2007 14:46:51

    Grande Bruce!Magari le melodie possono sembrare già sentite ma sentirle di nuovo fa sempre comunque piacere. Un grande disco

  • User Icon

    Maria Pia

    29/09/2007 21:15:16

    Wow!!!!!!Un album eccezionale!Veramente Bruce ha composto delle canzoni veramente da urlo.Innanzitutto questo è veramente un album con una sorprendente potenza ritmica,un rock energico come quello a cui Bruce ci ha sempre abituati,ma è anche il cintenuto e il pensiero che anima i vari pezzi a rendere grande l'album. Con "Radio Nowhere","Gypsy Biker","Magic","Your Worst Enemy" Bruce ha mostrato tutto il suo talento nel raffigurare un'America dominata dalla solitudine, che poi in realtà è una solitudine "cosmica",dal disagio, dalla paura e dallo sconcerto difronte a un mondo crudele e insensibile,dal degrado morale e da una inquietudine che avanza come una febbre leggera ma fastidiosa. In questa situazione agli appelli di una radio nessuna voce risponde,non c'è comunicazione,contatto,solamente un'atmosfera apocalittica di solitudine,difronte alla paura di non poter più avere una vita tranquilla e sicura ciò che importa è appunto portare con sè solo ciò che si sente e nient'altro perchè il nemico ormai è arrivato,un nemico invisibile ma che ingombra tutto il cielo.Le insegne della città natale e i suoi negozi sì accolgono questo uomo turbato e straniato ma ormai il cielo non è più limpido e il sentire della gente comunè è impossibile a celarsi. Ritmicamente bella e con un accompagnamento musicale davvero squisito è poi anche "You'll be Coming Down". "Living in the Future" poi mi ricorda tantissimo,a livello di sound,"Hungry Heart" e davvero questo pezzo serve per smorzare un pò la grande tensione e la disillusione che creano gli altri pezzi. "Long Walk Home" è un altro pezzo principe dell'album. Bravo Bruce,ti aspetto a Milano(ho comprato 2 biglietti parterre!) e,intanto,ascolto bene il tuo album...non arriverò al concerto senza sapere a memoria i testi! Ciauuuuuuuuuuuuu.......acquistate tutti il CD,è meraviglioso!

  • User Icon

    DINO

    29/09/2007 10:00:40

    Dopo anni di attesa, momenti di intimismo, esternazioni country e musica popolare delle radici americane riecco apparire Bruce in compagnia della E STREET BAND! Il risultato? Sicuramente non emozionante e di impatto come THE RISING (ultimo disco inciso con la E STREET), ma sicuramente bella musica (come non godere degli assolo di sax di BIG MAN CLARENCE CLEAMONS nella track 5), testi graffianti come ci ha abituato Bruce e la gioia di ascoltare vecchi amici che a distanza di tanti anni si divertono ancora a suonare insieme. Da ascoltare,riascoltare,poi riascoltare.....

Vedi tutte le 17 recensioni cliente
  • Bruce Springsteen Cover

    Bruce Frederick Joseph Springsteen è un cantautore e chitarrista rock. Per gran parte della sua carriera ha lavorato con la E Street Band. Fra i suoi album di maggior successo si ricordano Born to Run, Darkness on the Edge of Town, The River e Born in the U.S.A. È stato ammesso alla Rock and Roll Hall of Fame, alla Songwriters Hall of Fame e alla New Jersey Hall of Fame. Vincitore di venti Grammy Awards e di un Oscar, ha ricevuto il Kennedy Center Honors. Vive nel New Jersey con la sua famiglia. Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali