Mai far cazzate. Trilogia di Stoccolma. Vol. 2

Jens Lapidus

Traduttore: A. G. Calabrese
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2010
Pagine: 663 p., Brossura
  • EAN: 9788804597902
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,45

€ 17,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Manuel

    25/04/2014 13:41:54

    Secondo libro della Trilogia di Stoccolma, leggermente inferiore al primo, per quanto mi riguarda, solo per il fatto che le tre storie che si intrecciano non sono tutte coinvolgenti come nel primo libro. In modo particolare, quella del poliziotto l'ho trovata un po' sconclusionata e messa lì giusto perché serviva un terzo uomo da coinvolgere nella trama, tra l'altro molto meno concreta del primo romanzo. Bellissima la parte iniziale, un po' più dispersiva e noiosa la parte centrale, mentre mi è piaciuto molto l'epilogo. La storia di Niklas vale da sola metà del libro anche se, nel delinearne la sua attività, l'autore si rifà un po' troppo ad un noto personaggio dei fumetti. Un poco inferiore ma comunque bella la parte di Mahmud. In conclusione, per me il libro è stato molto noioso in più punti per cui ne consiglio la lettura solo a chi ha letto ed apprezzato il primo. Se cercate la suspense, qui non la troverete. Mi accingo ora a leggere il terzo libro, vedremo come va a finire...

  • User Icon

    Patroclo

    16/06/2012 09:35:08

    Lapidus puro, quindi Ellroy. é questione di gusti (ah beh, e quando non lo é?). a me piace: l'ambientazione svedese funziona e si vede che il ragazzo (?) conosce Stoccolma (nel senso: la Stoccolma vera). i cattivi (quindi tutti) sono particolarmente azzeccati, solo la storia di Niklas e la sua ossessione per chi maltratta le donne rimane un pó fredda e fuori dal contesto. Lapidus decide poi a un certo punto di cimentarsi con l'omicidio Palme - poi saggiamente cambia idea (o rimanda a una delle prossime puntate)

  • User Icon

    francesca

    27/01/2011 16:42:57

    assolutamente non all'altezza del primo ("la traiettoria della neve"), i personaggi sono meno coinvolgenti e anche la storia stenta a partire. Comunque è sempre una lettura "degna" che permette di approfondire un momento tragico (delitto del Primo Ministro Paleme) della storia della Svezia. Un libro intelligente, lontano dai tanti "libretti gialli" di autori nordici! Attendo il terzo..

Scrivi una recensione