Maigret si difende

Georges Simenon

Traduttore: F. Littardi
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
Pagine: 150 p., Brossura
  • EAN: 9788845923678
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,40
Descrizione
Povero Maigret: mai, in tutta la sua carriera, si è sentito umiliato come quando, di fronte a un pivello di questore che gli sorride con amabile perfidia, è costretto ad ammettere con se stesso di essere caduto in una trappola - peggio: di essersi fatto fregare come un principiante, e per di più da una ragazzina di neanche diciott'anni, nipote di un pezzo grosso del Consiglio di Stato, che ha raccontato alla polizia di essere stata rimorchiata proprio da lui, Maigret, in un caffè, di essere stata trascinata in un albergo e di aver ricevuto pesanti avance. Ma la ragazza non può aver fatto tutto da sola. E anche quel giovanottino pretenzioso e arrogante, il nuovo questore (al quale Maigret avrebbe comunque dato volentieri un pugno in faccia quando gli ha suggerito di offrire immediatamente le sue dimissioni), è solo una pedina. È talmente abbattuto, il commissario, e anche schifato, che sulle prime non ha il minimo desiderio di difendersi, anzi, accetta la disfatta quasi con sollievo: basta responsabilità, basta nottate a interrogare malviventi ingoiando solo birre e panini della brasserie Dauphine... Ma avrà uno scatto d'orgoglio (tutti noi, del resto, stavamo aspettando questo momento con il fiato sospeso), e comincerà a chiedersi "chi c'è dietro", e per quale ragione è stata architettata quella ignobile messinscena. Mentre Parigi "frigge sotto il sole" di giugno, Maigret sa che vuole e deve scoprirlo. E che deve farlo, per una volta, da solo.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 10,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luciano

    22/08/2015 10:32:31

    Maigret, una volta al mese, si reca, con la moglie, in rue Popincourt, ad un centinaio di metri da boulevard Richar-Lenoir, per cenare con i Pardon. Durante una di quelle cene Pardon chiede al commissario se, nella sua carriera, abbia mai incontrato un criminale " davvero cattivo " che abbia commesso il male per il male, che " consapevole agisce solo per cattiveria, per vizio...". Da lì a poco Maigret viene accusato, dal prefetto, di avere fatto ubriacare una giovane ragazza, di averla portata in una camera d'albergo, dove l'avrebbe spogliata senza il suo consenso.... A questo punto il commissario viene mandato in ferie forzate. Maigret, allora, avvia un'indagine personale per scoprire che il colpevole di quella macchinazione contro di lui non ha agito da criminale puro, per fare il male per il male, ma che è stato spinto dalla paura; ancora una volta dietro ad un'azione delittuosa ci sono sempre motivazioni psicologiche, esperienze dolorose che hanno reso la vita del colpevole un inferno. Allora Maigret, pur consegnando alla giustizia, chi ha fatto tanto male, in cuor suo lo perdona ed è, anche, disposto a difenderlo: " Forse anch'io sarò un testimone della difesa." In questo sta la grandezza del personaggio inventato da Simenon.

  • User Icon

    wehrkelt

    13/05/2015 12:31:09

    Un Simenon al meglio. La polemica antiborghese, sempre implicita tra le righe, stavolta esplode violenta. Maigret detesta Lorsignori (per dirla alla Fortebraccio) e ne è ampiamente ricambiato.Non gli dà neppure soddisfazione smascherare le loro sporche trame. Peccato che i Maigret esistano solo nella fantasia di grandi scrittori.

  • User Icon

    Truedefender

    24/08/2011 09:05:31

    Grande storia anomala per il commissario. Simenon ed il suo Maigret riescono a districare la matassa anche questa volta con una narrazione piacevolissima.

  • User Icon

    biogius

    22/10/2009 09:35:44

    Punto di vista originale per questo romanzo in cui Maigret si trova nel doppio ruolo di "indagato" per le accuse avanzate da una ragazza dell'alta società e di "indagante" per scoprire chi si nasconde dientro la montatura tesa a farlo dimettere.

  • User Icon

    claudio

    08/06/2009 09:01:23

    E' vero, non si riesce a smettere di leggere questa "strana" avventura di Maigret. Per la prima volta si trova dall'altra parte del banco, nelle vesti di accusato. E da chi? Da una ragazzina di 18 anni, nipote di un pezzo grosso dll'Amministrazione pubblica francese. E Maigret deve trovare chi tende le fila di questa situazione. Naturalmente lo troverà. E ancora una volta uscirà l'aspetto umano del commissario francese. E sullo sfondo appare la signora Maigret. Chiudendo gli occhi par di vedere Cervi e la Pagnani. Indimenticabili anche quelli.

  • User Icon

    erenesto

    16/04/2009 17:34:47

    x gli amici di maigret: spettacoloso! Assolutamente tra i più belli e di una sottigliezza narrativa straordinaria. Una volta iniziato non sono più riuscito a interromperne la lettura.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione