Maigret e i testimoni recalcitranti

Georges Simenon

Traduttore: U. Cundari
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
In commercio dal: 4 ottobre 2006
Pagine: 155 p., Brossura
  • EAN: 9788845921018
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,40
Descrizione
Sarà perché è l'indomani del giorno dei Morti o perché mancano due anni alla pensione, ma il commissario preferirebbe starsene a chiaccherare nel suo ufficio con una vecchia conoscenza, Grégoire Brau. E invece gli tocca occuparsi dell'assasinio del direttore di un biscottificio prossimo al fallimento, in una casa che in passato è stata lussuosa e dove ora ogni cosa è sporca e rotta e Maigret prova subito una "sensazione di irrealtà". Inoltre, la famiglia, ripiegata su se stessa, si chiude subito in un silenzio ostile, opponendo all'indagine un muro di omertà.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 10,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    claudio

    14/01/2016 21:51:04

    Un Maigret amaro deve trovare l'assassino di un industriale, erede di una famiglia di industriali pasticceri nata nel 1817 ma ormai in piena crisi.Da anni si mantiene solo per i matrimoni dell'ucciso e di suo fratello con donne ricche. Nel palazzo che un tempo era stato di grande spessore, ora si vive alla giornata. Tutto è spento, logoro, vecchio non più utilizzabile. In più Maigret ha a che fare con un giudice istruttore "ragazzino" che vuole impostare le indagini come gli è stato insegnato e non come Maigret è ormai abituato a fare da anni. Ma mancano solo due anni alla pensione.

  • User Icon

    Azazello

    14/03/2010 23:35:00

    Amaro, come il tempo che passa. “Tutto cambia. Come per i bambini che crescono, non ci si rende conto della trasformazione mentre avviene, ma solo dopo che è avvenuta.”

  • User Icon

    Franco

    13/01/2008 08:44:55

    Ottimo Maigret. Un ambiente e dei personaggi scontrosi e privi di simpatia e un commissario che tra loro si muove a tentoni, chiuso in una morsa di reticenza che alla fine saprà spezzare.

  • User Icon

    Claudio

    16/07/2007 09:37:14

    Maigret ha passato il giorno festivo pensando alla prossima pensione, pertanto la giornata incomincia male con un velo di malinconia ed arrabbiatura. Arrabbiatura che aumenta quando scopre che il caso di omicidio su cui indaga verrà seguito dal nuovo ed inesperto giudice istruttore che vuole condurre le indagini in prima persona. Alla fine, nonostante tutto, il caso verrà risolto brillantemente nel corso di due giorni. E' un commissario Maigret strano, nessuno screzio con il giudice istruttore, nessun interrogatorio tirato per ore e ore alleviato con boccali di birra e panini. Ma è pur sempre il Maigret con le sue deduzioni folgoranti e con una grande umanità. Cosa si può ancora dire di Simenon se non che è uno dei più grandi scrittori del 900?!

  • User Icon

    Simone

    26/10/2006 17:14:15

    Non e' il "solito" Maigret. Il commissario e' davvero malinconico, e tutto sembra congiurare contro di lui. Il finale sara' tragico, come in un noir.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione