Maigret e l'uomo solitario

Georges Simenon

Traduttore: S. Mambrini
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 184 p.
  • EAN: 9788845926037
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,40
Descrizione
L'afa di agosto può essere insopportabile, soprattutto se associata a una vischiosa routine. Non stupisce allora che Maigret affronti quasi con sollievo il caso del "morto senza nome" - cioè il clochard che qualcuno ha freddato con tre colpi di pistola al petto in un edificio abbandonato nei pressi delle Halles, fra cumuli di oggetti inutili e inverosimili raccattati nei cassonetti. Il problema, appunto, è che l'uomo non ha documenti addosso, e che per di più non sembra un vero barbone: i lunghi capelli argentei, così come i baffi e la barbetta alla Richelieu, rivelano le cure sapienti di un barbiere, e le mani sono impeccabili. Lo si direbbe piuttosto un vecchio, nobile attore che reciti la parte di un barbone. Non solo: il Marchese - così veniva chiamato nel quartiere - non si degnava di rivolgere la parola a nessuno, e neppure beveva. Davvero strano. Il commissario detesta non capire, e questa volta veramente non capisce. Il che lo rende nervoso e intrattabile. Ma l'irritazione si trasformerà in ansia non appena scoprirà che il Marchese, vent'anni prima, era un restauratore di mobili antichi con bottega in rue Lepic, e che aveva una moglie e una figlia. Che cosa può spingere un bell'uomo in gamba, stimato e amato, a sparire nel nulla due giorni prima di Natale senza lasciare neppure un biglietto di addio? Che cosa può provocare un così radicale passage de la ligne? Chiunque sia l'assassino non ha fatto i conti con Maigret, e con il suo ossessivo accanimento...

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 10,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    claudio

    27/12/2015 09:37:59

    Un barbone viene ucciso con tre colpi di pistola in un fatiscente palazzo. Non si sa chi sia, se non che è rasato, ha le mani pulite ed è più giovane di quanto sembri. Pian piano Maigret scava nel suo passato, trovando, grazie anche ad una soffiata telefonica- il responsabile della morte. E nello stesso tempo risolve anche un caso di vent'anni prima.

  • User Icon

    Truedefender

    08/01/2013 11:43:17

    Ennesimo grande romanzo di Simenon. Fantastiche come sempre le descrizioni dei personaggi e della Parigi dell'epoca. Storia interessante che manca però questa volta di una consistente trama gialla. Si arriva troppo presto a capire dove si andrà a parare. Peccato. Leggere Simenon è però sempre un gran piacere. Considero questa storia quasi un romanzo storico invece che un giallo e sono contento di averlo acquistato e letto!!!

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    20/11/2012 07:21:05

    Maigret e l'uomo solitario è un'insolita vicenda che trae origine dall'omicidio di un barbone, rasato di fresco e con le mani estremamente curate, tanto da far dire a Maigret "Sembra un vecchio attore nel ruolo di un barbone". Qui non ci sono cieli con nubi gravide di pioggia, né nebbie fitte e impenetrabili, anzi siamo in una Parigi agostana, in parte spopolata dai suoi abitanti per la tradizionale villeggiatura, ma affollata di turisti. Rilevo, piacevolmente, che ho l'impressione di essere in strada con il commissario a Montmartre, alla ricerca di alberghetti e pensioni compiacenti, così come ho netta la sensazione di vedere la birra che ogni tanto si concede nei bistrot, insomma più avvinto di così non potrei essere. Simenon rende partecipi con un'immediatezza a dir poco strabiliante, ma non è l'unico pregio, perché vi è anche una capacità considerevole di sondare in profondità l'animo umano, di mettere a nudo l'intimo di ognuno, dal maggior indiziato a una clochard testimone. E, se non bastasse anche la trama veramente interessante, l'autore belga ha l'innato dono di condurre per mano il lettore in modo che giunga insieme a Maigret all'identificazione del colpevole, senza colpi di scena improvvisi, ma con pedine mobili che poco a poco scoprono un tassello di un intricato mosaico quale è quasi sempre un fatto delittuoso. A volte scoprire il colpevole non è un piacere, quando questi meriti, per circostanze varie, tutta la nostra pietà, la stessa pietà che Simenon riserva a personaggi non naturalmente inclini all'omicidio, ma che lo hanno commesso per fatalità o anche per un estremo senso di giustizia. E così, in questi casi, la vera vittima finisce con l'essere quello che subirà il carcere, fatto non inconsueto nella produzione dell'autore belga, che finisce sempre con l'offrire un concetto variegato di giustizia che solo il lettore disattento non potrà cogliere. Maigret e l'uomo solitario è un eccellente romanzo e, quindi, è meritevole di lettura.

  • User Icon

    LauraF

    30/08/2011 23:42:49

    Anche questo Maigret mi ha conquistata!!!

  • User Icon

    M.T.

    24/07/2011 18:15:36

    Il caro commissario ci porta di nuovo in una realtà fatta di personaggi indimenticabili, in una realtà letteraria che ingloba il lettore e lo trasporta lì, in una Parigi fatta di tante piccole storie di vita, povera gente alla ricerca di una vita migliore.

  • User Icon

    il_dottore-di_kirkenes

    06/07/2011 23:47:04

    un maigret che assomiglia a un "roman.roman" del genio belga;la trama gialla pasa in secondo piano rispetto alla storia che simenon ,come sempre sapientement,ci racconta

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione