Mamma mia che impressione!

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1951
Supporto: DVD
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 10,00

Venduto e spedito da TUTTOSULVIDEO

Solo 1 prodotto disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 4,99 €)

Alberto, giovane esploratore della Parrocchietta di Don Isidoro, è innamorato di Margherita e cerca in ogni modo di far colpo su di lei ma per timidezza riesce solo a combinare guai. Nella speranza di vincere il premio e battere il campione favorito, Arturo Cremaschi, suo rivale in a amore, decide di partecipare ad una grande gara podistica.
5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Claudio

    14/05/2020 23:19:18

    Un giovanissimo Alberto Sordi tenta in modo goffo di corteggiare la Signorina Margherita di cui è ingenuamente innamorato. Per conquistare il cuore dell'amata ingaggia un comico duello con il prestante l'atleta Arturo. I tentativi di conquista portano Alberto a gaffe ed episodi comici che lo pongono però all'attenzione di Margherita, fino alla maratona finale.

  • User Icon

    STEFANO

    20/01/2019 18:26:15

    Primo film da protagonista di Alberto Sordi. Geniale e sempre divertente la gag signora ...Margherita!!! Un genio che rimarrà immortale nella storia del cinema e non solo italiano. La comicità assurta ad arte!!!

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Gtg Pictures, 2009
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 98 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Full screen
  • Area2
  • Contenuti: Filmografia / Biografia - Trailers
  • Alberto Sordi Cover

    "Attore e regista italiano. Comincia a recitare a metà degli anni ’30 dividendosi fra l’avanspettacolo, il teatro di rivista e piccole comparse al cinema (dà la voce a Ollio/O. Hardy). Il primo film da coprotagonista è I tre aquilotti (1942) di M. Mattòli, anche se negli anni ’40 i maggiori successi gli vengono dal teatro leggero e dalla radio, medium nel quale S. sperimenta e costruisce una galleria di personaggi che porterà infinite volte e con grande successo al cinema, ritraendo un uomo banalmente medio la cui apparente cattiveria nasconde una malcelata ingenuità, un cialtrone sostanzialmente vigliacco, uno sbruffone succube delle circostanze, un individuo in bilico fra la tragedia e la farsa. F. Fellini si accorge del suo immenso talento e lo chiama a interpretare il meschino divo dei... Approfondisci
Note legali