Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Le mani sulla città. I boss della 'ndrangheta vivono tra noi e controllano Milano - Gianni Barbacetto,Davide Milosa - copertina

Le mani sulla città. I boss della 'ndrangheta vivono tra noi e controllano Milano

Gianni Barbacetto,Davide Milosa

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Chiarelettere
Collana: Principioattivo
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 15 settembre 2011
Pagine: XII-469 p., Brossura
  • EAN: 9788861900875
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 8,96

€ 16,60
spinner
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Milano-Italia. "Abbiamo fatto una città!" Lo dicono loro: centinaia di uomini della 'ndrangheta che vìvono tra noi. Frequentano gli stessi bar, e probabilmente il supermercato dove facciamo la spesa l'hanno costruito loro. Ma noi continuiamo a ignorarlo. Quello che stupisce è lo stile di vita. Vite da ricchi, condotte nella più totale normalità. Auto da centomila euro e vestiti firmati. Imprenditori dalla faccia pulita come copertura. Avvocati un tempo insospettabili. Giovani ragazzi milanesi che diventano corrieri della droga. Storie straordinarie e incredibili, tutte raccontate con nomi e cognomi. Succede a Milano, oggi: una città che ha toccato il fondo. È questa la sfida a cui sono chiamati il sindaco Giuliano Pisapia e la nuova amministrazione. La borghesia milanese vive tranquilla, intanto i boss sono proprietari di decine di locali, ristoranti e discoteche alla moda. Veri e propri uomini d'affari, che all'occasione sono pronti a trasformarsi in spietati criminali. La città è cosa loro, guai a ostacolarli. In questo libro per la prima volta li vediamo muoversi per le vie del centro, andare allo stadio, cenare insieme e trattare partite di cocaina, costruire palazzi e centri commerciali, celebrare matrimoni a due passi dal Duomo. Ma anche intimidire, minacciare e uccidere, quando serve. E stringere rapporti con la politica, eleggere i propri candidati nelle istituzioni. Molti boss adesso sono in carcere, ma hanno passato il bastone del comando ai figli.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 3
5
1
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Barabba

    28/04/2021 17:14:05

    Un testo importante per cogliere l'avanzata della 'ndrangheta in Lombardia, ben documentato e a tratti avvincente come un romanzo

  • User Icon

    eladio

    16/05/2020 20:46:28

    Un libro fondamentale e non solo per milanesi e lombardi. Un'inquietante testimonianza concreta e precisa di quanto la malavita sia presente nel nostro territorio e come possa arrivare ai più alti piani del potere istituzionale

  • User Icon

    Filippo Manega

    26/08/2013 08:15:42

    Davvero ben fatto, dettagliato. Insieme a "La quinta mafia" rappresenta il libro necessario da avere per capire la sedimentazione della 'ndrangheta in Lombardia. Consigliatissimo.

  • Gianni Barbacetto Cover

    Giornalista e scrittore italiano. È laureato in Filosofia. Ha cominciato a lavorare negli anni Settanta in radio (Radio Milano Libera, Radio Città, Radio Rai), poi ha collaborato al quotidiano "Bresciaoggi", a "Linus" e a tante altre testate. Nel pieno degli anni Ottanta, nella "Milano da bere", ha contribuito a fondare il mensile "Società civile", che ha diretto per una decina d'anni. In tv ha condotto un programma televisivo di economia e finanza su una tv privata (Rete A). Ha lavorato nelle redazioni dei settimanali "Il Mondo", "L'Europeo", "Diario". È direttore di Omicron (l'Osservatorio Milanese sulla Criminalità Organizzata al Nord). Ha collaborato con la regista Francesca Comencini per il soggetto del film "A casa nostra". Per la rete televisiva franco-tedesca... Approfondisci
  • Davide Milosa Cover

    Giornalista de "Il fatto quotidiano", si occupa da sempre di cronaca nera e giudiziaria, con un interesse particolare alle infiltrazioni mafiose nel Nord Italia. Ha lavorato per il quotidiano free press «City», per il «Corriere della Sera» nella redazione delle Grandi cronache. Ha collaborato con «il manifesto», con «Narcomafie», con «S Sicilia» e «S Calabria». Nato a Milano nell’agosto del 1972, è laureato in Storia della filosofia contemporanea con una tesi sull’ateismo nell’opera di Albert Camus. Nel 2009 ha fondato il sito milanomafia.it con l’obiettivo di raccogliere e ordinare il materiale sulla presenza delle cosche in Lombardia e dare visibilità a notizie che i grandi giornali... Approfondisci
Note legali