Categorie
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 178 p., Brossura
  • EAN: 9788865830062
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    antonietta

    12/12/2015 15.57.58

    Non capisco come mai si intitoli Manuale di scrittura creativa, quando non ha l'aspetto di un manuale ma solamente di supposiziioni personali. E poi in giro ci sono manuali veri che costano poco, molto poco e sono ben più soddisfacenti. Io ne ho preso uno, ebook, a tre euro. Già avevo letto, invece e purtroppo, questo noioso testo.

  • User Icon

    Umberto Mottola

    11/11/2011 12.19.11

    L'universo della scrittura è talmente vasto, meraviglioso e complesso, almeno tanto quanto la vita umana, e non è certo leggendo un solo manuale di scrittura che si diventa scrittori; tuttavia, c'è sempre qualcosa da imparare, in questo caso, per esempio, sulle digressioni. Non sono affatto d'accordo che le "estroflessioni verbali di personali grumi emotivi" non interessano nessuno, a me interessano proprio quelle.

  • User Icon

    Tom

    07/11/2009 18.21.22

    Bene. Non ho parole. Vediamo, cercherò di essere il più preciso possibile. Ecco: è come se Cristina d'Avena e un bambino di 11 anni avessero perso una scommessa e fossero stati costretti per punizione, nel giro di 7 giorni e non di più, a scrivere insieme un manuale di scrittura creativa. Sì, credo che sia andata esattamente così. Generalizzazioni, superficialità, ripetizioni. Ce n'è per tutti i gusti. "Uno scrittore non sa mai dove andrà a finire la storia mentre scrive, non ha mai una struttura dettagliata da seguire": ma chi gliel'ha detto? Ma conosce tutti gli scrittori del mondo questo? Questo libro ridefinisce il concetto di "ovvietà", e lo fa in una maniera così noiosa, elementare e scarsamente articolata che potrebbe essere intitolato "Il manuale di scrittura creativa per imbecilli". Imbecille io che l'ho comprato.

  • User Icon

    Mario

    16/04/2009 11.57.09

    Il Manuale di Cotroneo potrebbe essere un buon testo per coloro che sono non neofiti, ma neofitissimissimi. E' una base altamente insufficiente per i neofiti e i neofitissimi, mentre per quelli neofitissimissimi potrebbe anche andare bene (e ne dubito). Su 200 pagine, poco meno della metà è dedicata alle lezioni di scrittura: capitoli e spiegazioni scontati, esempi buoni ma troppo personali, insomma è una infarinatura leggerissima che a chi ha un po' di esperienza o abbia letto altri manuali di scrittura creativa (anche uno solo) non serve assolutamente. Potrebbe essergli utile per la seconda parte, dove Cotroneo elenca metodi e case editrici per spedire il manoscritto. Niente di più. L'unica cosa positiva che ho trovato è il fatto che Cotroneo non ha utilizzato esempi tratti da opere di successo. Il prezzo, per la qualità che propone, è un insulto all'intelligenza. Sconsigliatissimo.

  • User Icon

    Giuseppe

    03/04/2009 17.06.20

    E' la prima cosa che leggo di Cotroneo e anche l'ultima. Non so come possa insegnare a scrivere uno che fa degli esempi in una prosa così stucchevole. Pessimo. Seguite piuttosto un corso della Holden.

  • User Icon

    Rigoberto

    19/11/2008 16.17.57

    Credo che la prosa e le tesi di questo "scrittore" siano la prova più evidente di come un manula di scrittura "creativa" sia una contraddizione in termini.

  • User Icon

    Piernicola Silvis

    18/03/2008 17.24.01

    Ho appena finito di leggere l'ottimo libro di Cotroneo, che ho molto apprezzato per sobrietà, intelligenza e - strano a dirsi, in un manuale - stile. E' un testo spesso secco, senza fronzoli, come dev'essere qualunque cosa punti concretamente a uno scopo. Ma allo stesso tempo è un testo che stimola nel lettore il desiderio di 'provarci', di scrivere un libro. E' naturalmente un manuale che punta a dare allo scrittore dilettante le tecniche di lavoro, non altro. Perchè, si sa, dopo la tecnica c'è il tocco personale, o se si vuole l'arte, e quella sinceramente non può insegnarla nessuno. Ma cosa mai sarebbe stato Leonardo Da Vinci se qualcuno non gli avesse mai detto come si mescolano i colori? Ecco: se narrare significa trasmettere al lettore le tue emozioni, prima c'è da sapere cosa 'non' fare. E questo testo mi sembra - da scrittore ormai non più esordiente - un incipit ottimo per chi voglia cominciare questa splendida ma faticosissima attività. Altro innegabile merito del testo: non si citano come esempi brani dei grandi della letteratura, ma tutti i testi esemplificativi sono stati scritti dall'autore. E ha fatto benissimo. Complimenti, Cotroneo, perciò. Voto alto.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione