Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Mapuche - Caryl Férey,Teresa Albanese - ebook

Mapuche

Caryl Férey

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Teresa Albanese
Editore: E/O
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,21 MB
Pagine della versione a stampa: 454 p.
  • EAN: 9788866323570
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Jana è una mapuche, figlia di un popolo sul quale hanno sparato a vista nella pampa argentina. Vive da sola a Buenos Aires nel suo atelier di scultrice e, a ventotto anni, crede di non dovere più niente a nessuno. Anche Rubén Calderon è un superstite, uno dei pochi sovversivi usciti vivi dalle carceri clandestine dell'ESMA, dove sono morti suo padre e sua sorella. Investigatore per conto delle Madri di Plaza de Mayo, Rubén continua a cercare i figli dei desaparecidos adottati durante la dittatura di Videla, e i boia dei loro padri. Niente sembrerebbe far convergere le strade di Jana e Rubén, fino a quando nel porto della Boca viene trovato un cadavere di un travestito, Luz, che batteva il molo insieme all'unica amica di Jana. Sono passati trent'anni dal ritorno della democrazia, ma gli spettri degli oppressori hanno ancora sete di sangue.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 3
5
1
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Francesca

    06/09/2015 04:45:51

    La ricostruzione storica lascia molto a desiderare, la storia è ambientata dopo il 2010, ma il contesto è quello di 7-8 anni prima. Si confondono i presidenti, nel senso che si attribuiscono a uno gli atti di un altro (la legge del "Punto Final" non è di Menem ma di Alfonsín, Menem fece l'amnistia). Abuelas e Madri di Plaza de Mayo spesso vengono sovrapposte come se fossero un'unica identità mentre hanno rapporti molto conflittuali. La descrizione di Buenos Aires è quella tipica di chi ci è stato due giorni e crede di aver capito tutto. La trama è macchinosa, soprattutto per il doppio scambio di neonati (non è uno spoiler, emerge quasi subito) che appare piuttosto improbabile anche in un romanzo. Al di là delle considerazioni estetiche, almeno l'autore avrebbe potuto documentarsi meglio

  • User Icon

    Massimo Orsi

    25/04/2015 18:19:33

    Scrittore francese dalla penna aspra, ispirata e poetica firma un poliziesco ("polar" per dirla alla francese) ma lo arricchisce di storia sulla feroce dittatura argentina tramite uno studio sui documenti d' archivio; ci consegna quindi un' opera completa, dove scorre parallelamente il romanzo e la verità sulle tragedie umane in quel sanguinoso periodo.

  • User Icon

    alce67

    07/01/2014 15:17:31

    Ottimo noir; una cavalcata furiosa e violenta negli orrori della dittatura Argentina. Non lasscia fiato e sembra molto ben documentato


Un primo capitolo agghiacciante. Un aereo sta volando sulla foce del Rio de la Plata. Argentina. Intuiamo quello che leggeremo: un ‘pacco’ che contiene un essere vivo ma stordito dal Pentotal viene scaraventato nel vuoto. Era la tecnica adottata durante la dittatura di Videla per sbarazzarsi delle persone scomode, dei cosiddetti sovversivi, per lo più giovani. Venivano prelevati di sorpresa, in casa, per strada, nei caffè, torturati in maniera spietata e disumana nelle carceri dell’ESMA e poi fatti sparire. Meglio che le famiglie non vedessero le condizioni dei corpi. Chi scompare non è mai esistito, chi può provare qualcosa?
Questo capitolo iniziale porta il numero 0, in realtà - è una premessa, una realtà imprescindibile per quello che accadrà nel romanzo “Mapuche” di Caryl Férey in cui si muovono due protagonisti che non potrebbero essere più differenti e sono però accomunati dallo stesso fine e da un passato che, pur nella sua diversità, è talmente doloroso da non poterne parlare. La giovanissima Jana è un’indiana mapuche, un gruppo etnico dell’Argentina occidentale e del Cile meridionale decimato dalle guerre contro i bianchi. Il corpo di Jana - una bellezza insolita che denuncia la sua origine ad una prima occhiata - ha un’anomalia: il fiorire del suo seno si è fermato quando ha assistito ad una tremenda scena di violenza sulla madre durante la sua infanzia. E lei riversa la sua furia in strane sculture fatte di ferro o con materiali riciclati. Anche Rubén Calderon è un superstite, anche lui, come Jana, insegue fantasmi di morti. Rubén è un sopravvissuto dell’Esma. Preso per strada quando aveva solo quindici anni insieme alla sorellina di dodici, è stato rimesso in libertà forse proprio come monito, perché raccontasse la sorte che toccava a chi si metteva contro il regime. La ribellione di Rubén è stata il suo non parlare. Suo padre e sua sorella sono morti in carcere, ma Rubén né mostra il corpo disseminato di cicatrici né, tantomeno, dice come se le sia procurate. Lo scopo di Rubén nella vita è diventato stanare i boia del regime e rintracciare i figli dei desaparecidos, quei cinquecento (non si sa il numero preciso) bambini partoriti nelle carceri e dati in adozione ai fedeli di Videla. Una sorta di Wiesenthal argentino.
C’è un filone giallo da seguire, in questo libro che è un’immensa tragedia noir. Un filone giallo che serve per portare insieme i due protagonisti, per far coincidere il loro desiderio di punire chi si è macchiato di indicibili colpe. Il cadavere di un travestito viene trovato nel porto della Boca. L’amico di questi - o l’amica, visto che si fa chiamare Paula - è anche l’amica più cara di Jana e, forse, ora si trova in pericolo. È per questo che Jana si rivolge a Rubén, che non sarebbe affatto interessato al caso, se non fosse che, in un qualche modo, si rivela collegato ad un’altra scomparsa, ad un altro cadavere, quello di Maria Victoria Campallo, figlia di un uomo d’affari importante anche nel settore politico. Perché mai Maria Victoria era andata a cercare il travestito? Perché aveva cercato anche di incontrare un noto giornalista?
“Mapuche” è un libro forte e terribile. Un libro pieno di violenza in cui è la violenza stessa degli aguzzini ad insegnare una risposta violenta alle vittime. Perché la passività non aiuta a sopravvivere. I ricordi di Rubén Calderon, dei giorni indistinguibili dalle notti passate nelle carceri dell’ESMA, fanno rabbrividire. Suo padre si era suicidato in prigione - e non perché non aveva più la forza di resistere alle torture, ma perché l’ultima prova a cui era stato sottoposto era fuori dall’umano. Anzi, neppure degli animali avrebbero fatto quello che hanno fatto gli aguzzini. Solo dei mostri sputati dalle fiamme dell’inferno. Dovrebbe avere pietà, Rubén, verso uomini capaci di tanto? E Jana, carica del bagaglio di soprusi inflitti alla sua gente, diventa un angelo vendicatore con il viso tinto col carbone, ritorna ad essere una selvaggia che scatena la sua furia: dopotutto non erano ancora considerati tale, i Mapuche?

A cura di Wuz.it

  • Caryl Férey Cover

    Caryl Férey, nato nel 1967 a Caen, è scrittore, specializzato in romanzi polizieschi e noir, e sceneggiatore francese. Si è imposto all'ettenzione del pubblico con Haka e Utu, due romanzi ambientati tra i Maori grazie ai quali ha ricevuto prestigiosi premi.In Italia sono stati pubblicati: Zulu (Mondadori 2009), La gamba sinistra di Joe Strummer (E/O 2011) e Utu (E/O 2012). Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali