Categorie

Fernando Pessoa

Traduttore: A. Tabucchi
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 66 p.

16 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Classici, poesia, teatro e critica - Letteratura teatrale

  • EAN: 9788806177447

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    neuromancer

    13/02/2010 12.14.34

    Onirico .... che altro posso dire. Incredibilmente onirico, crepuscolare. Nella notte, prima che la luce faccia evaporare questo sogno, ascoltiamo queste tre voci .... lasciamoci trasportare del narrare ... facciamo presto o la luce ci coglierà ... dentro alla notte è possibile unè'esistenza che non c'è nella luce... non svegliateci !!

  • User Icon

    andrea ragusa

    17/01/2008 09.25.39

    Se Pessoa si presenta su Orpheu con questo dramma statico, non è assolutamente un caso. In questo gioco a tre voci va in scena il "mistero del parlare" e dell'esprimersi, fino all'annullamento di se stessi, caratteristico della letteratura del Novecento. Le vegliatrici sono voci e coro unitario, prodromo di quel processo interiore e artistico che - pochi mesi dopo la composizione di questo Marinaio - porterà Pessoa al compimento della sua eteronimia:l'8 marzo 1914 nasceranno Alberto Caeiro e i suoi maggiori discepoli, Alvaro de Campos e Ricardo Reis. Le tre fanciulle sono eteronimi ancora in embrione, che attendono l'alba del "dia triunfal". Quest'opera dall'atmosfera rarefatta tipica già del simbolismo è l'unico dramma compiuto da Pessoa, che volle essere drammaturgo sebbene non vi riuscì nel modo in cui lo erano stati i suoi modelli.

  • User Icon

    prometeo

    07/01/2008 12.00.43

    ...parole che incantano e creano magia...delicato ed intenso...balsamo per l'anima

  • User Icon

    Luigi

    16/04/2007 22.07.14

    semplicemente...un sogno...

  • User Icon

    Anny

    05/03/2006 20.56.37

    Su questo testo non c'è presa, sfugge e si rintana dove meglio crede nella nostra memoria. Immateriale, interrogativo e incantato.

  • User Icon

    Giulio

    03/10/2005 15.49.04

    Leggendo quest'opera ho pensato subito, sin dalle prime righe, alle grandi notti dell'immaginazione umana, alla voce di Sherazhad, lunare e magnetica, alle voci di Krsna e di Arjuna, alle voci dei grandi autori che dall'insonnia della loro vita hanno tratto le loro opere: Montale, Beckett, Borges, Kafka. L'elenco sarebbe forse infinito. Quest'opera di Pessoa rinnova quella infinita tradizione. Attorno ad un corpo posato su un catafalco, tre fanciulle discorrono della loro patria lontana; per non perdersi nel buio si raccontano ciò che sono state, sognano il loro passato evanescente, lo colmano della loro insonnia. La loro anima è fatta della stessa sostanza del sogno; simili alle immagini lunari che s’intravedono sulla superficie di un lago, esse agitano le loro voci nel vuoto e s’interrogano sulla loro origine. Un sogno genera un sogno che a sua volta genera il suo creatore: in questa catena fallace esse svaniscono, mentre lo stridore di un carro logora la notte ed annunzia il giorno. Pessoa si conferma uno dei più grandi autori di tutta la letteratura.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione