Categorie

Silvio Berardi

Editore: Franco Angeli
Collana: Temi di storia
Anno edizione: 2012
Pagine: 304 p.
  • EAN: 9788820408442

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mattia Vanni

    13/05/2013 14.46.38

    Mary Tibaldi Chiesa, nobile figura del repubblicanesimo italiano, che cercò di ricongiungere la parola di Giuseppe Mazzini con quella di Carlo Cattaneo in forma armonica e ben compiuta, è stata per troppo tempo dimenticata dagli studiosi del pensiero politico. Merito del libro di Silvio Berardi è quello di aver riproposto al mondo della cultura le idee e l'azione di una donna non comune, dotata di grande sensibilità politica e profondo senso di giustizia, e lo ha fatto con quell'entusiasmo e quel fervore proprio dei giovani studiosi. Berardi, con grande rigore scientifico e minuziosa analisi, ricostruisce la vita e il pensiero di Mary Tibaldi Chiesa, ripercorrendone le tappe fondamentali e soffermandosi ampiamente sulla figura del padre, Eugenio Chiesa, personaggio determinante per la formazione umana e intellettuale della pensatrice milanese.I grandi ideali risorgimentali sembrano ancora rivivere in Lei e con essi le nobili figure d'un passato non morto, ma capace ancora di parlare agli uomini dell'età presente. La critica alla monarchia sabauda, la condanna di tutti i regimi dittatoriali e totalitari, l'auspicio di un federalismo capace di abbattere le ristrette barriere dello Stato nazionale e di aprirsi la strada verso lidi più ampi, capaci di abbracciare tutti i popoli della terra,sono solo alcuni dei temi della scrittrice repubblicana, temi che con grande perizia Silvio Berardi ripropone ai lettori contemporanei. Di notevole interesse gli inediti presenti nel volume: lettere, cartoline, brevi appunti inviati e ricevuti da Mary e conservati attualmente in Archivi privati. Indubbiamente l'originalità della ricerca di Berardi consente un evidente avanzamento delle conoscenze sul pensiero federalista e repubblicano di metà Novecento,come pure permette di inserire Mary tra coloro che fecero della cooperazione internazionale il fine ultimo della propria esistenza.

Scrivi una recensione