Categorie
Traduttore: M. Rossari
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Pagine: 362 p., Brossura
  • EAN: 9788806218171
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,99

€ 15,72

€ 18,50

Risparmi € 2,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Kevin

    04/07/2016 11.56.13

    spettacolare, il libro mi è piaciuto davvero un sacco. il personaggio è quello che tutti vorremmo essere per un giorno nella vita, e sebbene appaia frivolo, dietro c'è un lato più serio che andrebbe capito e interpretato. l'unica cosa, avrei ampliato la parte del college. libro che consiglio e rileggerò!

  • User Icon

    Massimo

    21/09/2015 14.47.36

    Acquistato per curiosità e per alcune recensioni lette; libro to tal men te inutile e denso di luoghi comuni. Finale e trama scontata. Deludente!!!

  • User Icon

    e. ferrarese

    08/09/2015 14.50.00

    L'ho letto dopo "a volte ritornano" ed è stato fantastico: lettura scorrevole, divertente, toccante. Consigliato

  • User Icon

    Fede

    07/08/2015 18.25.49

    É stato il primo romanzo di Niven che ho letto, e mi è piaciuto moltissimo. Kennedy è un personaggio divertente, dissacrante ma che rivela un lato molto profondo e difficile. Concordo col parere che verso il finale si vada verso scene scontate, e a mio parere la sua esperienza al college inglese doveva essere sviluppato in maniera piu ampia. Nel complesso risulta un libro divertente e commovente, Consigliatissimo!

  • User Icon

    misselisabethbennet

    28/07/2015 15.50.05

    ... sapevo che dopo 'a volte ritorno' nulla sarebbe stato come prima.. Il libro non è male.. diciamo che la prima parte del libro è più brillante ed è il Niven che conosco... nella seconda, perde un pò e cade nel banale con facili moralismi e prevedibile finale. Il personaggio è tosto, divertente, l'idolo maschile di molti e anche la traduzione in italiano non è male. Aspettando con fiducia che esca la traduzione in italiano di 'kill your friends'..

  • User Icon

    gino

    26/05/2015 20.46.01

    Casualmente ho letto questo libro subito dopo avere finito Martin Eden, autentico capolavoro di Jack London e' mi e' parso singolare trovare come protagonista Kennedy Marr, un altro scrittore che e' l'esatto opposto di Martin Eden. Se per Martin Eden scrivere era il mezzo per elevarsi socialmente e culturalmente in questo caso troviamo uno che apparantemente sfrutta il successo solo per potere sperperare una fortuna, bere e avere avventure di basso livello. Inizialemnte sono rimasto quasi disgustato poi mano a mano che il paragone con London veniva meno ho iniziato ad apprezzare lo stile di Niven che e' riuscito a cosrtruire una storia dalle molte sfaccettature e a dare profondita'ad un personaggio nel quale c'e' molto di piu di quanto sembri nella prima parte del libro. In definitiva : lettura consigliata.

  • User Icon

    Marco

    15/05/2015 20.19.31

    Bellissimo libro! Erano secoli che non leggevo un romanzo capace di coinvolgermi e tenermi "agganciato" a questo modo. Niven è un grande. Lo stile è eccellente (cosa rara di questi tempi): forbito, mai scontato, originale, caustico e in certi punti esilarante. Il turpiloquio costante e a tratti insistito, che salta all'occhio fin dalle prime pagine, potrebbe sembrare esagerato ma in realtà serve a dare vivacità alla narrazione e si adatta perfettamente al protagonista Kennedy Marr. La storia, che ridotta all'osso potrebbe sembrare abbastanza banale, in realtà è scoppiettante e mai noiosa, in grado di tenere avvinto il lettore dall'inizio alla fine. La narrazione non ha mai un cedimento, un momento di stallo, ma scorre spedita e sempre intrigante fino alla sua conclusione. Si ride, e molto, tra le avventure sconclusionate del protagonista e l'ironia pungente di Niven nei confronti del mondo del cinema e di quello accademico universitario. Ma, attenzione, è un libro che fa anche riflettere (anche in questo caso, molto...) sulla vita e su come viene vissuta. Insomma, tante risate e alcune pillole di saggezza da custodire gelosamente. Con le parole di Kennedy Marr: "vivi e ama". Consigliatissimo!

  • User Icon

    Mauro

    07/03/2015 17.35.07

    Attraverso un personaggio dissacrante, amorale quasi disgustoso, Niven non solo ci fa divertire con una prosa mai banale e scorrevole dove pagina tira pagina, ma ci manda un messaggio, , attenti che il successo non è tutto, non perdetevi le cose importanti della vita. Banale ma mai scontato.

  • User Icon

    maria stella

    25/01/2015 18.55.54

    Ottima traduzione. Un Capolavoro! Complimenti all'autore.

  • User Icon

    Saverio

    27/12/2014 18.58.17

    A giudicare dalle recensioni di chi mi ha preceduto, questo è un libro senza mezze misure: si ama o si odia. Io l'ho amato. Spassoso, scorrevolissimo, un'ottima traduzione (riesce a utilizzare una decina di sinonimi per "masturbazione") e un messaggio finale trasmesso senza pedanteria. Kennedy Marr è un personaggio che ricorderò a lungo.

  • User Icon

    Davide

    07/10/2014 16.05.35

    Che dire, dopo aver letto "a volte ritorno" ero entusiasta di rileggere Niven nella sua ultima opera. Sono rimasto profondamente deluso. Libro noioso e scontato, dove viene incarnato lo stereotipo dello scrittore di successo con tutti i suoi eccessi (mi è sembrato un po' come la serie Californication). Ho fatto fatica ad arrivare alla fine. Non consigliato.

  • User Icon

    Ferdinando

    03/07/2014 11.15.04

    Premetto: ho letto il libro solo nella sua versione originale in inglese, per cui non so quanto la traduzione italiana renda dello stile accattivante di Niven. Innanzitutto, la copertina italiana del libro, a mio avviso, non rende affatto la complessità psicologica ed emotiva del personaggio principale. Insomma, è una cattiva presentazione. Costui non è soltanto uno scanzonato-ricco-edonistico scrittore di successo prestato ad Hollywood. C'è costantemente un passato che ritorna sottotraccia ed interrompe la sua vita apparentemente priva di preoccupazioni. E, a mio giudizio, è dovuta proprio all'abilità narrativa e stilistica dell'autore mantenere questo motivo sottotraccia fino a farlo esplodere alla fine del romanzo. Il libro è complesso ma godibilissimo, profondo ma leggero. Ritengo azzeccatissima la definizione data da Moran (e riportata nella copertina dell'edizione inglese): leggendo il libro "ho pianto tre volte e ho riso cinquanta. Magnifico". Mi unisco: libro magnifico!

  • User Icon

    Roberta

    09/05/2014 13.52.32

    Se il precedente di Niven, "A volte ritorno", mi era piaciuto per la sottile ironia e l'originalità, non posso certo spendere le stesse considerazioni per questo! Scadente, scialbo, vuoto...come "vuoto" é lo stesso protagonista! Monotono e monotematico! L'autore riesce a "riscattarsi" solo verso la fine, quando un tragico avvenimento riesce ad "arricchire" il protagonista di un briciolo di cervello e di sensibilità! Bocciato!

  • User Icon

    Paolo

    20/04/2014 09.19.39

    Emozionate, divertente, sfacciato, irriverente, drammatico, in poche parole esprime tutte le emozioni dell'essere umano in 400 pagine. Un libro bello come pochi nell'ultimo decennio.

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione