Categorie

Elias Canetti

Traduttore: F. Jesi
Editore: Adelphi
Edizione: 13
Anno edizione: 1981
Pagine: 615 p.
  • EAN: 9788845904875

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    13/04/2015 12.07.17

    Stritolati e insicuri, affascinati e impotenti, così si esce dalla lettura di questo libro, uno dei decisivi del Novecento. Il temere più di ogni cosa d'essere toccati dall'ignoto (le pagine con cui il libro si apre) viene come a giocarsi in un riflesso beffardo sul lettore, che è come inghiottito dalla prorompenza del testo, dai suoi scorticanti lucidissimi artigli, dalla calma tragica e inattesa che fronteggia il sopravvissuto al panico improvviso mosso da una folla cieca. Si resta sotto le ruote di quest'opera maestosa come in una pura riconoscenza della mente, il dono di quasi un quarantennio che Canetti ha assunto a sacrificio portante della sua vita, della sua ricerca, del suo corpo a corpo con la morte, che egli ha risolto e superato. Nel libro c'è tutto, etnografia, filosofia, sociologia, la lente dell'antropologo e il lampo dell'aforista, il fascino della leggenda e l'urlo della tradizione; ma soprattutto l'astio verso l'impossibilità e le incongruenze di un potere imprendibile, che non può e non potrà mai essere giusto perché è il volto della scoperta fragilità che ha sempre bisogno d'incattivirsi per confermarsi potente, e che trova, a fronte del suo spettro, quello delle masse ancora più fragili, irrisolte, forti e numerose nel loro resistere sotto il cielo. Opera di immensa e meravigliosa irregolarità, cattedrale di preziosità inclassificabile nel novero della saggistica più alta, studio di una vita e summa di uno spirito fra i più geniali del secolo. L'eroe del resto "non affronta solo avversari umani"; questo mi sento di offrire in un commento che sarà appena un sibilo a fronte di quello che Canetti è, è stato e continuerà a meritare. Il mito tradotto in carne, in un capolavoro di spaventosa e folgorante grandezza.

  • User Icon

    gianni

    22/02/2010 12.51.00

    Questo saggio affronta la tematica da un punto di vista molto particolare, presenta tutta una serie di aspetti e di problematiche che a volte, almeno a me, sembra che non abbiano molto a che fare con l’argomento generale del libro. In realtà, alla fine dell’esposizione, l’autore riesce a mostrare come la cosa sia perfettamente logica e sensata e che l’illogicità era solo in apparenza. Ovviamente questo saggio è stato scritto da una persona che aveva una marcia in più rispetto a tanti comuni mortali, credo che non sia fuori luogo in questo caso parlare di vero e proprio genio. Il libro è un bellissimo excursus sul significato di massa nelle sue varie forme, e di potere, all’interno delle più diverse culture: si va dalla cultura occidentale del secolo scorso, fino alle culture più primitive di popoli ormai scomparsi o di popolazioni primitive ancora esistenti: boscimani, aborigeni, ecc…. Molto interessante risulta, almeno per me, il parallelo tra potere e paranoia, è un collegamento a cui non avevo mai pensato ma che invece ha una sua ragione d’essere. A volte il saggio sembra anche indulgere, almeno all’inizio, su alcune considerazioni abbastanza ovvie, ma il tutto è funzionale al susseguirsi del filo logico all’interno del saggio, che in realtà è costituito da vari saggi, quante sono le sezioni del libro. Non trovo che i due concetti presenti nel titolo del saggio siano in realtà contrapposti, anche se apparentemente lo potrebbe sembrare: il potere da che mondo è mondo è concentrato nelle mani di pochi, e quindi è per sua natura non attribuibile alla massa, ma si potrebbe anche dire che non esiste potere che non implichi un perfetto controllo delle masse; quando questa capacità di controllo viene meno ecco che basta un istante per perdere il potere (vedi rivolte, ribellioni, rivoluzioni, ecc…). Saggio poi che si legge benissimo e senza fatica, pur non essendo io particolarmente ferrato in antropologia culturale. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    alex

    02/07/2007 09.54.37

    era il testo per il mio esame di antropologia culturale.....fantastico il testo ed il professore Alfieri-

  • User Icon

    maqroll

    13/11/2006 14.59.37

    Due concetti contrapposti e complementari (massa e potere, appunto) indagati facendo ricorso a tutte le risorse epistemologiche possibili: la mitologia, l’antropologia, l’etnologia, la storia, la letteratura. Un turbine di metafore possenti e di simboli indimenticabili dall’autore che ha avuto il coraggio di scrivere anche Auto da fé.

  • User Icon

    Raffaele Gazerro

    14/05/2004 01.08.14

    Volume del 1960. Che contiene 38 anni di studio ed osservazione sulla fenomenologia della massa, nonché del potere. Con un taglio inconsueto e inattuale. Ricostruendo miti, storie, elaborazioni e configurazioni ben poco classiche. Il riferimento non è attraverso i "progressi" della storia, ma nel guardare ai boscimani, ai re ed agli sciamani per poter sfiorare quella natura indicibile e misteriosa del potere che tanto seduce inopinatamente le masse. E sono esclusi i riferimenti tradizionali: tanto per dire - Marx e Freud rimangono fuori dalla porta. Un autore - Canetti - che è stato in ogni caso uno dei più grandi scrittori del Novecento. Un'opera - autenticamente - indimenticabile e necessaria che costituì per l'autore anche un esorcismo e un disincanto da paure che è difficilissimo non ritenere attuali.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione