La matematica del Novecento. Dagli insiemi alla complessità

Piergiorgio Odifreddi

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2000
In commercio dal: 4 aprile 2000
  • EAN: 9788806151539
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,18
Descrizione
Il Novecento è stato il secolo della matematica: in soli cento anni si sono dimostrati più teoremi che nell'intero corso della storia, e molti di essi hanno trovato applicazione nei campi più svariati della scienza e perfino della cosiddetta cultura umanistica. Il volume ricostruisce in una forma il più possibile facile e discorsiva la straordinaria vicenda di una disciplina spesso vissuta come astrusa e distante dalla vita quotidiana, descrivendone le idee, i risultati, i principali protagonisti, i problemi ancora irrisolti.

€ 9,18

€ 17,00

9 punti Premium

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    vitaliano bacchi

    15/06/2012 16:41:08

    Ci sono opere di matematica concepite nel convincimento che si possa scrivere un trattato di matematica prescindendo dalla filosofia. Il libro è piacevole ma la filosofia non si avverte; si fa cenno alla gnoselogia intuizionista di Brower ma l'idea che l'esperienza matematica debba giustificarsi in base a principi filosofici non si avverte mai. E' concepibile una trattazione della matematica senza la fondazione filosofica delle sue giustificazioni, dei suoi assiomi, del suo linguaggio, del suo simbolismo? Non è possibile, perchè la filosofia è la teoria generale del ragionamento ed in questo senso è la sola disciplina che può formalizzare lo stesso schema astratto di analisi sia per la matematica che per il diritto. O per l'economia. Tanto per fare un esempio, i filosofi del linguaggio giuridico e matematico (Kelsen, Godel, Husserl) trattano i due universi con identica ontologia fondamentale di compatibilità coerenza razionalità ecc. e finiscono tutti per risolvere la filosofia nella logica e la matematica nella filosofia, quindi per una legge semantica transitiva, nella logica anche se spesso simulata con la gnoseologia razionale. Philosophia mathematica resolvitur, quindi. Insomma, la matematica è una scienza seria, tranne per l'aspetto comico del suo simbolismo, e questo lo svela come sempre la filosofia. Quella del lnguaggio evidentemente. Nel libro l'esempio tipico di questa assenza è la sua analisi della matematica probabilistica, in cui la carenza filosofica è devastante: nel gioco, scrive, "l'aspettativa di guadagno ad ogni tiro è sempre la stessa" e lo spiega con una teoria di Bernoulli secondo cui "il valore del denaro non è assoluto". Dove manca la filosofia (vel logica)? Nell'oblio della razionalità: doveva essere enunciato che l'aspettiva è identica perchè tale è il carattere della aspettativa razionale (logica) in carenza di una regola che ne fondi diversa ricorsività e in ciò sta l'invariabilità stocastica dell'esito, non nel rapporto col denaro.

  • User Icon

    Daniela

    19/06/2006 08:26:59

    Libro interessante, anche se non di facile lettura, soprattutto se non si ha una buona preparazione in matematica. Sarebbe bene seguire l'indicazione dell'autore, che suggerisce di leggere il libro due volte: in effetti, con una seconda lettura, è possibile ottenere una migliore visione d'insieme e capire i collegamenti che vengono fatti. Inoltre, pregevole il fatto che il libro si presti ad una lettura non necessariamente lineare: si può infatti scegliere di leggere il libro solamente "piluccando" quelli che sembrano i paragrafi più interessanti. Su tutto, vorrei ricordare l'ottima prefazione di Gian Carlo Rota, interessante e divertente, che offre uno spaccato della matemtica un po' diverso da quello cui ci hanno abituato a scuola.

  • User Icon

    Edgar

    06/12/2003 20:55:34

    180 paginette sono decisamente poche per un viaggio, per quanto bignamistico e riduttivo, nella Matematica del novecento. Fin troppo numerose le omissioni di rilievo: Chaitin, Solomonoff, Knuth, chi erano costoro ? Per contrappasso, il testo è insopportabilmente affollato di fisici, comprimari e meteore varie. Questo agile libretto è consigliabile propedeuticamente per un pubblico a bassa alfabetizzazione matematica, che tuttavia non abbia paura di vedere timidamente comparire, di quando in quando, sparute formulette di livello liceale. A patto che, al termine della lettura, non ci s'illuda di saperne abbastanza sulla Matematica e sulla sua storia recente, e si corra ad acquistare qualcuno dei titoli indicati nella ultraconcisa bibliografia, tra cui l'ottimo Kline.

  • User Icon

    Gianpiero

    19/12/2002 16:17:55

    Mi è piaciuto molto. Un'ottima panoramica sulla la matematica moderna anche per il semplice appassionato. Lo consiglio vivamente a tutti coloro che sono sensibili al fascino di questa materia.

  • User Icon

    Claudia

    30/09/2002 09:27:25

    E' un libro di circa 180 pagine, di piccole dimensioni e alto numero di informazioni: teoremi e formule, infatti, si susseguono a ritmo sostenuto. L'Autore fornisce una sintetica, precisa descrizione per tutto, limitando al minimo i termini tecnici, ma conservando una certa formalita'. E' un libro veloce e interessante. Si legge piu' facilmente se gia' si conosce un poco la storia della matematica e/o si ha una discreta familiarita' con il linguaggio matematico.

  • User Icon

    Marco Sgarbi

    21/05/2002 18:15:42

    Un libro veramente bello interessante! Anche se tratta di un tema che a molti pare noioso, Odifreddi riesce abilmente a spiegare teorie matematiche e fisiche senza rendere pesante la lettura. Un esempio di ottima divulgazione scientifica! Lo consiglio anche a coloro che non se ne intendono molto per scoprire cosa è la matematica e soprattutto cosa v'e' dietro essa!

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione