Medea - Christa Wolf,Anita Raja - ebook

Medea

Christa Wolf

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Anita Raja
Editore: E/O
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 952,18 KB
Pagine della versione a stampa: 197 p.
  • EAN: 9788866322849
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 8,99

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Strutturato come un affresco polifonico, con vari personaggi che raccontano ciascuno il proprio punto di vista, il romanzo riscopre fonti antecedenti ad Euripide e ribalta la visione tramandataci dalla tradizione, rivelando così una nuova figura di donna. Medea non è più l'infanticida vittima dell'ossessione d'amore, ma una donna forte e generosa, depositaria di un remoto sapere del corpo e della terra, che le fa scoprire il segreto nascosto nel sottosuolo di Corinto: i resti della figlia primogenita di Creonte, che questi ha fatto uccidere per timore di perdere il trono. Per questo segreto svelato Medea dovrà pagare.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,38
di 5
Totale 8
5
4
4
3
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Viola

    16/05/2020 16:40:11

    Un inizio che non mi aveva colpito particolarmente, un finale che, invece, mi ha stravolto. Bellissima la cura nell'introspezione psicologica dei personaggi. Scrittura poetica ma non ridondante. Consigliato

  • User Icon

    zobie70

    12/05/2020 10:24:04

    La Wolf dopo Cassandra (splendido) riscopre un altro personaggio femminile del mito, la terribile Medea, che folle di gelosia uccide i propri figli per vendicarsi del marito Giasone. Ma questa, come quasi sempre accade, è una storia raccontata da un uomo.. Christa Wolf recupera fonti più antiche e riscopre una donna ingannata che ha pagato con la calunnia la colpa di aver scoperto un segreto che doveva restare nell'oblio. Sarà che l'ho letto ascoltando Jeff Buckley (che secondo me creava la giusta atmosfera), sarà che apprezzo la letteratura femminista, sarà che mi piace e parecchio la scrittura della Wolf, fatto sta che ho amato moltissimo questo romanzo

  • User Icon

    ladybird

    23/11/2019 17:22:44

    Ero rimasta affascinata da "Cassandra" della stessa autrice ma questo libro non è riuscito a coinvolgermi allo stesso modo .

  • User Icon

    Gaia

    24/09/2019 16:44:25

    Da poco ho letto "Medea" di Christa Wolf. Christa Wolf è una delle autrici tedesche più importanti della letteratura contemporanea. Questo testo è considerato un classico moderno ed è anche il motivo per cui il nostro professore ce lo consigliò al liceo. È uscito nel 1996 e probabilmente il fatto che sia preso così tanto in considerazione è anche il motivo per cui nonostante il mio fallimento iniziale di lettura, poi ho deciso di conservarlo ugualmente e di rimandare la lettura al futuro e ho fatto bene perché approcciandomi a questo testo nel momento giusto l'ho apprezzato tantissimo. Ve lo consiglio tanto!

  • User Icon

    AA

    21/09/2019 14:20:37

    Sembra di trovarsi davvero a Corinto ascoltando le mille voci che ci raccontano la storia di Medea. C'è un po' di revisionismo in quest'opera che mira a riabilitare una figura considerata negativamente dalla mitologia, per una serie di omicidi dettati dal capriccio e dall'amore. La Wolf fa spiccare invece l'immagine di una donna sincera e non schiava delle convenzioni sociali, che scopre un terribile segreto e per questo viene perseguitata. Una storia antica per raccontare problemi attualissimi: la diffidenza nei confronti dell'estraneo e la repressione delle donne da parte del patriarcato

  • User Icon

    Sal

    21/09/2018 15:23:34

    Bello è dire poco. Poche pagine, ma intense, scritte in maniera mirabile. L'autrice tesse un coro di voci alternate dei protagonisti, che raccontano i vari eventi da prospettive diverse: ciò è fondamentale, poiché si intreccia il mondo della Colchide con quello greco, mettendo in luce desideri nascosti ed usanze, modi di fare e passioni sopite. Ne esce fuori una storia appassionata, completamente diversa da quella di Euripide, che riconosce a Medea la sua giusta collocazione di donna e madre. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    Titti

    21/09/2018 15:14:24

    Quando sono i libri a scegliere te, forse c'è qualche legame che neanche immagini. Mi sono così ritrovata fra le mani un piccolo capolavoro di un'autrice che, ammetto la mia ignoranza, non conoscevo affatto, ma che scrive in maniera eccezionale e che ha compiuto una vera e propria opera di rivalutazione di un personaggio ammaliante come Medea. La sua scrittura, la piacevolezza e la complessità della storia, mi hanno convinta ad eleggere questa autrice come fra le mie preferite e non vedo l'ora di leggere altro!

  • User Icon

    Pietro

    20/09/2018 09:27:55

    Il mito di Medea mi ha sempre affascinato, ma sono sempre rimasta col dubbio che non possa esserci solo buio in questo personaggio. Così, ho deciso di leggere questa Medea, quella di Christa Wolf. All'inizio ho creduto potesse essere una rivisitazione positiva del mito, ma leggendo la postfazione ci si rende conto che l'autrice ha attinto a fonti antecedenti Euripide e che la storia non è esattamente quella che il teatro greco ci insegna. La scrittura è magistrale, l'opera interessantissima, dunque non ci sono scuse per rimandarne la lettura!

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Christa Wolf Cover

    Nata il 18 marzo del 1929 in Polonia è considerata una scrittrice tedesca e ha vissuto nella Germania Est, laureandosi a Lipsia e svolgendo attività di lettrice editoriale a Berlino (dove è morta) e a Halle. È una delle principali scrittrici contemporanee. Passata in pieno per due dittature su terra tedesca, ha incarnato per decenni il cuore della letteratura e dei sogni dell’ex-Rdt. Il suo impegno politico ufficiale si è accompagnato a un’insistente rivendicazione della propria autonomia di scrittrice; nel 1976 è stata espulsa dall’Unione degli scrittori tedeschi. Il racconto lungo, Il cielo diviso (Der geteilte Himmel, 1963), storia di un amore nella Germania divisa, divenne uno dei testi più letti e discussi nel suo paese.... Approfondisci
Note legali