Medea. Voci

Christa Wolf

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Anita Raja
Editore: E/O
Collana: Le cicogne
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 15 ottobre 2019
Pagine: 208 p.
  • EAN: 9788833571249
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 10,12

In uscita da: 15 ottobre 2019

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nel romanzo di Christa Wolf, Medea è una donna forte e libera, una "maga" depositaria di un "sapere del corpo e della terra". È questo "secondo sguardo" che le fa scoprire un orribile segreto nascosto nel sottosuolo del palazzo reale di Corinto. Medea dovrà pagare per aver svelato il crimine su cui si fonda il potere. Non saprà né vorrà difendersi perché - dopo aver abbandonato la natia Colchide, anch'essa macchiata di sangue innocente - non ha più radici né ideali che la sostengano. Dopo dieci anni da Cassandra, Christa Wolf torna al romanzo con Medea, ricorrendo come in quella felice occasione alla riscrittura radicale del mito. La figura di Medea ci è stata consegnata da Euripide soprattutto come la madre che ha ucciso i propri figli, la violenza irrazionale contrapposta alla razionalità patriarcale della civiltà greca. Christa Wolf ribalta questa versione con una vera e propria indagine riallacciandosi alle fonti antecedenti Euripide.
5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Sal

    21/09/2018 15:23:34

    Bello è dire poco. Poche pagine, ma intense, scritte in maniera mirabile. L'autrice tesse un coro di voci alternate dei protagonisti, che raccontano i vari eventi da prospettive diverse: ciò è fondamentale, poiché si intreccia il mondo della Colchide con quello greco, mettendo in luce desideri nascosti ed usanze, modi di fare e passioni sopite. Ne esce fuori una storia appassionata, completamente diversa da quella di Euripide, che riconosce a Medea la sua giusta collocazione di donna e madre. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    Titti

    21/09/2018 15:14:24

    Quando sono i libri a scegliere te, forse c'è qualche legame che neanche immagini. Mi sono così ritrovata fra le mani un piccolo capolavoro di un'autrice che, ammetto la mia ignoranza, non conoscevo affatto, ma che scrive in maniera eccezionale e che ha compiuto una vera e propria opera di rivalutazione di un personaggio ammaliante come Medea. La sua scrittura, la piacevolezza e la complessità della storia, mi hanno convinta ad eleggere questa autrice come fra le mie preferite e non vedo l'ora di leggere altro!

  • User Icon

    Pietro

    20/09/2018 09:27:55

    Il mito di Medea mi ha sempre affascinato, ma sono sempre rimasta col dubbio che non possa esserci solo buio in questo personaggio. Così, ho deciso di leggere questa Medea, quella di Christa Wolf. All'inizio ho creduto potesse essere una rivisitazione positiva del mito, ma leggendo la postfazione ci si rende conto che l'autrice ha attinto a fonti antecedenti Euripide e che la storia non è esattamente quella che il teatro greco ci insegna. La scrittura è magistrale, l'opera interessantissima, dunque non ci sono scuse per rimandarne la lettura!

  • Christa Wolf Cover

    Nata il 18 marzo del 1929 in Polonia è considerata una scrittrice tedesca e ha vissuto nella Germania Est, laureandosi a Lipsia e svolgendo attività di lettrice editoriale a Berlino (dove è morta) e a Halle. È una delle principali scrittrici contemporanee. Passata in pieno per due dittature su terra tedesca, ha incarnato per decenni il cuore della letteratura e dei sogni dell’ex-Rdt. Il suo impegno politico ufficiale si è accompagnato a un’insistente rivendicazione della propria autonomia di scrittrice; nel 1976 è stata espulsa dall’Unione degli scrittori tedeschi. Il racconto lungo, Il cielo diviso (Der geteilte Himmel, 1963), storia di un amore nella Germania divisa, divenne uno dei testi più letti e discussi nel suo paese.... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali