Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Meglio per tutti dare la colpa a me - Domenico Cosentino - copertina

Meglio per tutti dare la colpa a me

Domenico Cosentino

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Graus Edizioni
Collana: Poesia
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 1 gennaio 2007
Pagine: 110 p.
  • EAN: 9788883462092

€ 9,50

€ 10,00
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Meglio per tutti dare la colpa a me

Domenico Cosentino

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Meglio per tutti dare la colpa a me

Domenico Cosentino

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Meglio per tutti dare la colpa a me

Domenico Cosentino

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,63
di 5
Totale 27
5
19
4
6
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cinzia Rodoendri

    13/01/2009 17:24:20

    Sono qui a spiegarvi come sono uscita dalla lettura di questo libro:SORPRESA-ARRICCHITA-DIVERTITA-ORGOGLIOSA(di leggere i versi di un libro ACQUISTATO di un caro ragazzo,che OSO chiamare amico)-ARRABBIATA-GELOSA,INVIDIOSA ed ARROSSITA! LA CITAZIONE DI CHARLES BUKOWSKI=confesso,non lo conoscevo,ho ordinato qualcosa da lui scritto nella mia piccola edicola di fiducia=ARRICCHITA! LA PREFAZIONE DI MICHELE PAPARELLA=leggendo le sue parole è stato come chiudere gli occhi ed aprirli dinanzi alla porta del mio cuore,poiché solo con quelli si riesce a VEDERE chi scrive mosso dal vero,dalla sincerità.Queste poesie, hanno veramente lanciato uno sguardo al cuore di MICHELE.Soprattutto il POETA,che si fonde in tutto e per tutto con le sue opere,lo affascina,si sente,si vede!Volete sapere la mia prima sensazione?Voler spedire subito il mio libro a MICHELE,per sapere subito cosa ne pensa ma in fondo,con la speranza che lui si affezioni alle mie poesie come con quelle di NICO!=ARRICCHITA e INVIDIOSA p.s. se il mondo fosse circoscritto solo in questo libro la mia ispirazione più grande sarebbe quella di presentarmi un giorno in quella piccola libreria di CAMPOBASSO e trovare là,aprendo la porta,NICO e MICHELE con dei libri su di un piccolo tavolo,uno sorseggia un caffè,l'altro una bottiglia di birra(provate ad indovinare chi?)ed una sedia vuota,dove verrò invitata ad accomodarmi e parlare di poesia(io prendo un cappuccino,per chi lo volesse sapere). PAG.9:ho letto,aspetto circa trenta secondi, torno a leggere e mi domando:"ma questo chi è? Siamo sicuri che sia il COSENTINONICO CHE HO CONOSCIUTO SU SPLINDER?"c'è del ROMANTICISMO IN QUESTO RAGAZZO=SORPRESA PAG.10:lui scrive"quando vengono quelle sere non puoi far altro che aspettarle/aspettare che passino!"Si forse il segreto per poter superare il nulla, il vuoto che attanaglia la nostra vita, non è altro che l'accettazione=CONDIVISIONE PAG.15:Versi semplici,essenziali per esprimere la tua solitudine(la compagna anche della mia vita), ma così pungenti BELLI COMPRATELO .....!

  • User Icon

    mary.j

    23/12/2008 20:41:47

    mi è piaciuto davvero molto! storie e sentimenti di vita quotidiana scritti con naturalezza ma non per questo banali.Sono davvero soddisfatta dell'acquisto spero davvero che ci sia un seguito :) !

  • User Icon

    beatrice cottica

    10/12/2008 15:20:18

    Mi è piaciuto molto, te lo dico subito. Mi è piaciuta l'intensità con la quale riesci ad esprimerti, al di là dei canoni tradizionali della poesia. Mi è piaciuto il realismo con cui ti esprimi. Ho cercato di immaginarti attraverso le tue parole. E mi sono venuti in mente grandi dolori a lungo inespressi, opprimenti, soffocanti, che hanno trovato finalmente il modo di uscire grazie alla tua penna. Ho visto solitudini cercate, per urlare a tutti la propria rabbia, che sono diventate solitudini subite, dalle quali in qualche modo hai cercato di fuggire. Ho visto compagni di viaggio importanti, che hanno lasciato un segno indelebile dentro di te, anche se magari la strada fatta insieme è stata molto corta. Ho visto la speranza, riposta nel ricordo di momenti molto dolci e forse lontani nel tempo, che comunque riescono ancora a scaldarti il cuore. Ho visto una persona speciale, delicata, sensibile e per questo più facilmente feribile da chi, senza scrupoli, passa sul corpo e sull'anima degli altri, come fossero un tappeto di foglie autunnali da pestare per sentirne il rumore.

  • User Icon

    Anna Giordano

    02/12/2008 14:19:04

    No, non crediate che stia fingendo. Non crediate nemmeno che vi sta dicendo la verità. Scrive come è , scrive perché è. Non ha bisogno di lasciarsi andare. Scrive se stesso e vivendo diventa uno dei suoi personaggi. O forse è l’aria grigia che lo circonda che l’ha reso così. Ma , signori miei, credetemi, costui ha la capacità di dipingere con le parole, di scrivere un film con una poesia. Ci catapulta in una realtà che molti cercano di nascondere .

  • User Icon

    Manuela

    01/12/2008 13:28:27

    Ho letto queste pagine tutte d'un fiato perchè come poche volte accade di fronte a un libro ho letto un uomo. A ogni pagina un'emozione diversa che sai quella dell'autore. Perchè Nico è vero, non si nasconde dietro la grammatica, dietro ai sofismi. Lui è lì dentro a quelle pagine. E più lo leggi e più di accorgi che la sua rabbia è la tua, il suo dolore somiglia al tuo. Qualcuno ha scritto che questo libro racconta una generazione, dei giovani di napoli ecc... Io non sono d'accordo. Credo che l'unica cosa che vuole raccontarci l'autore sia se stesso. Gridare al mondo la sua rabbia è l'unica maniera per cancellare la bruttezza della sua vita, ma nello stesso tempo quella vita è l'unica che saprebbe vivere.

  • User Icon

    Vincenzo

    21/11/2008 19:06:10

    Libro schietto, diretto con poesie che in piccole storie raccontano fatti quotidiani con la rabbia c'è ci perseguita. I termini usati possono apparire volgari o offensivi, ma non è così, sono semplicemente quelli che usiamo tutti i giorni. Lo stile è nuovo, differente, finalmente qualcuno che si distingue dalla massa dei libri, tutti uguali, che vengono continuamente pubblicati.

  • User Icon

    Carla

    20/11/2008 18:41:33

    Difficile valutare le poesie, non tanto dal punto di vista formale, perchè non sono competente in materia, quanto dal punto di vista emozionale, perchè è questo ciò che assimilo io al concetto di poesia: parole che suscitano emozioni. Alcune di queste poesie mi hanno intenerito o commosso. Altre sono veri e propri pugni nello stomaco. Probabilmente era proprio questo l'intento dell'autore: provocare. Perchè la provocazione è un modo duro ma efficace per comunicare. Efficace anche lo stile delle poesie che sembra più che altro (per come sono costruiti i versi/non versi) testi di canzoni. Avrei voluto dare tre stelline ma mi sono limitata a due per un unico motivo: il linguaggio estrememente volgare di alcuni testi che risulta sgradevole. Capisco che in quel contesto l'autore volesse esprimere estremo disagio, ma esso poteva essere reso anche in modo meno pesante.

  • User Icon

    Armando Lombardo

    03/11/2008 14:33:43

    Meglio per tutti leggere con un'altra mente. Non sono bravo a recensire nulla, tantomeno libri di giovani e promettenti autori, quale Cosentino effettivamente è. Ma come mi accade per i film che vedo e per i quali resto coinvolto e che non riesco a giudicare ma che sono appunto grandi film, cosi posso dire di Meglio per tutti. Quello che ho letto assomiglia di più a un testo rap ma potrebbe benissimo anche essere un soggetto per un fumetto o un cortometraggio, tanto sono forti e lucidi i contenuti e le sensazioni che fa provare. Anzi spero che qulcuno prima o poi ci pensi a fare qualcosa tratto da quelle righe. Per farvi capire: leggevo e vedevo la scena. Vi basta? In alcune cose mi sono anche ritrovato e non ditemi che nessuno di voi ha pensato lo stesso. Questo per dire che non bisogna soffermarsi sulla struttra "poesia" perchè sarebbe riduttivo per l'autore e presuntuoso per il lettore. Ho faticato molto per trovare il suo lavoro, purtroppo gli editori non coccolano i loro autori . Io spero che lui presto pubblichi altro e in fretta anche.

  • User Icon

    Alice

    02/11/2008 19:39:08

    La poesia in prosa di Cosentino è molto particolare. E' un vortice di emozioni, le quali sono presentate spesso con rabbia, sicuramente in modo diretto. La scrittura dell'autore è chiara, concisa, essenziale. Alcune proprio non mi sono piaciute, ma altre le ho apprezzate, alcune adorate. Probabilmente il giudizio è stato penalizzato anche dal fatto che questo genere di poesia non lo conosco molto. Note di Lettura: <<era bello fare pace dopo che avevamo litigato. era bello baciare le tue lacrime, e le tue guance [erano rosse e calde. era bello fare l'amore, perchè c'era passione, foga. era tutto bello ... penso a quel pomeriggio frettoloso a belville. pioveva, leggermente, e faceva fresco. non so perchè, ma la situazione era un pò malinconica. forse perchè stavamo per tornare qui. vorrei tanto ritornarci. in quel pomeriggio uggioso.>> p.9 << quando quelle sere che non hai nessuno da chiamare. quando quelle sere ti siedi per terra, una birra davanti e almost blue di costello a ripetizione. quando vengono quelle sere non puoi far altro che aspettarle. pazientemente aspettare che passino, che ti travolgano e che finiscano. quelle mattine dopo quelle sere ti senti vuoto. ti svegli e non vorresti essere sveglio. >> p.10 << [...] pensavo che siamo sempre noi, quelli brutti, quelli fottuti dalla vita. noi che vogliamo coccole e attenzioni, che abbiamo bisogno d'amore. e abbiamo tanto amore dentro. [...] >>

  • User Icon

    Sabrina

    02/11/2008 01:32:54

    Non mi è mai capitato di leggere una raccolta di poesie scritte in maniera così diretta, esplicita, forse a volte un pò troppo per i miei gusti. Nico possiede due grandi doti: la capacità di catapultarti nel suo mondo, nelle sue vicende, fino quasi a fartele vivere in prima persona, e quella di non vergognarsi di manifestare quegli stati d'animo più tristi, che quasi tutti tendiamo a mascherare. Alcune poesie mi hanno emozionata, altre mi hanno fatto sorridere, alcune non mi sono piaciute particolarmente per il modo, per me, troppo "dettagliato" con cui descrive il sesso. Ma, a parte questo, credo che "Meglio per tutti dare la colpa a me" sia un libro che merita di essere letto come spero davvero di leggere presto "il seguito"!

  • User Icon

    1949paperina

    25/10/2008 00:23:46

    Una raccolta di poesie in prosa, così definite dall'autore, che alternano rabbia e dolore con amicizia e amore. Una rabbia che traspare vissuta, nelle strade di Parigi come nei vicoli di Caserta, un grido ricerca di verità, presenza, significato. Alcune poesie sono molto crude e parole che ad un primo impatto forse "irritano", sono funzionali al contesto, hanno un senso oltre il letterale. Trovo molto personali e sofferti questi brevi "racconti", un diario molto intimo che mette completamente in gioco la sensibilità di Domenico, senza pudori inutili, con sapiente non-uso di punteggiatura o maiuscole, incisivo come un urlo, tante urla dalla solitudine che nasce da una folla inerte. Grande Domenico!

  • User Icon

    Argia

    23/10/2008 08:49:50

    Le sue parole lavano via la patina che ricopre la superficie delle cose. Ironiche, dure, sopra le righe che in un modo o in un altro parlano di solitudine e stanche speranze. A volte son discorsi, rimbrotti rancorosi.. Altre volte l'autore incontra la forma poetica, quasi per caso, distrattamente, regalando sprazzi di luce inaspettata.. ..o magari dovrebbe dirsi di dolce e malinconica penombra. Da leggere.

  • User Icon

    Eleonora

    22/10/2008 10:28:12

    Nonostante lo stile poetico di questo libro non sia tra i miei preferiti, l'ho trovato molto coinvolgente e scritto bene. Coinvolgente perchè i temi e i pensieri espressi sono quelli che, credo, molti lettori riconosceranno anche come propri. E poi l'alternarsi di amarezza, disincanto, rabbia con la bellezza dell'amore, della passione e dell'amicizia, rende le poesie molto "umane", perlomeno molto vicine al mio modo di sentire. Da consigliare!

  • User Icon

    mmazzi

    21/10/2008 09:01:03

    Fa della auto-censura una palla di carta igienica, usata e accartocciata, da lanciare verso la spazzatura come fosse un cestello di pallacanestro: ovviamente, senza mai imbroccarlo. Stiamo parlando di Domenico Cosentino, che dalla sua a volte tormentosa e a volte lussuriosa mente di scrittore underground, è nato il suo primo vero libro d’esordio, dopo due saggi che ci aveva già regalato; due pubblicazioni di cui si sente ancora l’olezzo nell’aria. Nelle sue poesie, raccolte in “Meglio per tutti dare la colpa a me”, edito dalla GrausEditore, l’evacuazione diventa quasi una metafora religiosa per scaricare i peccati di uomo impuro nel corpo e nel pensiero, non per colpa sua, ma grazie alla società, che ricorda molto gli anni degli “incubi coprofagi” di Pasolini. Oltre a confermare però il continuo richiamo allo stile Bukowskiano, che permane il fil rouge dell’opera di Nico, in questo libretto intenso di sensazioni si trova anche il profumo delle “debolezze” sessuali del Marchese de Sade, in modo certamente più marcato di quanto non tracimi dai suoi due precedenti scritti. L’unico neo di questa azzeccata pubblicazione è una nota di nostalgia, che avrà certamente colpito tutti coloro che si stavano abituando alla rude atmosfera creata dai libretti autoprodotti da Nico: Come unica amica un bottiglia sotto le ascelle e in Alone like a dog. Una nostalgia sincera dovuta alla mancanza di quelle pagine un po’ ruvide, dove il nastro di inchiostro dell’antica Olivetti degli anni Trenta impregnava i testi di nero e povertà. È questo l’unico neo di “Meglio per tutti dare la colpa a me”. Per il resto, va letto da chiunque desideri farsi un tuffo nell’era della letteratura degli anni Settanta, respirando però l’attualità di un incubo divenuto realtà ai giorni nostri...

  • User Icon

    valerio

    20/10/2008 16:03:05

    "Domenico è un farabutto e un impostore....ha rubato i miei stati d'animo, le mie inquietudini, il mio odio/amore per il prossimo, il mio chinaski, il mio alcolismo, la mia manicalità, la mia sensazione di non essere, il mio essere una sensazione, i miei peti, i miei rutti, i miei mal di pancia, i miei momenti di sconforto, la mia felicità e tutto l'amore che non ho più!!! Non leggete il suo libro! Domenico malandrino!"

  • User Icon

    Fede

    20/10/2008 15:02:39

    La sua poesia esprime l'amarezza, la rabbia per una realtà a volte troppo crudele. Oltre a questi stati d'animo però è presente anche l'amore: per una donna, per la famiglia, per gli amici, quelli autentici che non ti abbandonano mai. Mi ha divertito,a tratti commosso, insomma ha lasciato il segno forse anche grazie al suo linguaggio decisamente crudo, ma proprio per questo diretto.

  • User Icon

    MetalMan_The_Great

    29/09/2008 14:17:14

    Si sente qualcosa che si muove dentro leggendo le poesie di Domenico. Si sente la sua anima che urla alla nostra, il suo cuore che batte tra le righe della sua poesia, si sente l'odore delle lacrime e dello schifo. Si sente qualcosa di vivo.

  • User Icon

    michele paparella

    13/05/2008 17:34:21

    Leggere le poesie di Nico Cosentino non è un semplice esercizio di lettura e di interpretazione. Ho avuto la sensazione che lui rifletta sulla sua "generazione" che non c'è. Agli ideali e ai cambiamenti ci vuole dire che dalle grandi passioni tristi si è passati alle grandi passioni apatiche e li mostra tutte senza timori e senza paure. Per questo le sue poesie mi riempiono di gioia per lui e di tristezza per il "suo" mondo irrisolto.

  • User Icon

    Luisa Donati

    12/05/2008 10:21:31

    Parigi, Porto Venere, via Foria e tanti altri momenti di voglia di "essere". Costanti e forti l'impeto e l'impegno che Nico cala nei suoi versi e non si domanda di chiedere il permesso a nessuno. E' lui che vuole conoscersi, affogare, perdersi e non chiede scusa. Luisa Donati (abend)

  • User Icon

    Carlo

    11/05/2008 22:08:57

    Un libro bello, diretto, in alcuni punti amaro, crudo in quasi tutti i suoi punti, ma dove ho avvertito tanta "speranza" di poter migliorare la realtà che ci circonda, anche con l'esasperazione di tutte le cose negative che ci circondano. Consigliato a tutti.

Vedi tutte le 27 recensioni cliente

"...La sua poesia è incazzata (come lui stesso dice), e la sua contaminazione musicale e letteraria, lo porta a scrivere dei versi che hanno come compagni il blues, la malinconia, i suicidi fisici e non, le bevute senza senso, gli amori che si aggrappano agli umori del quotidiano per andare avanti e continuare. I versi gli trapassano il cuore e la mente, se fosse pittoreuserebbe certamente i colori forti, maledetti per poter esprimere il suo disgusto, la sua amarezza, il suo rifiuto a questo mondo ipocrita e consumistico..."

Note legali