Categorie

Fëdor Dostoevskij

Editore: Mondadori
Collana: Oscar classici
Edizione: 3
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: 176 p.
  • EAN: 9788804516026

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    kevin

    30/04/2016 18.39.54

    Libro illuminante Trovo la postfazione di Nobakov una vergogna per questo capolavoro

  • User Icon

    Victor Royo

    29/07/2013 18.13.12

    Era un pò di tempo che non leggevo Dostoevskij ma non ho avuto difficoltà a riprendere familiarità con lo stile di uno dei miei autori preferiti. Alla fine della ( rapidissima ) lettura, mi sono chiesto come ho potuto leggere gli altri capolavori dello scrittore russo senza aver prima letto questo libello che definirei propedeutico all'analisi dei vari Delitto e castigo, I fratelli Karamazov, ecc. ecc. Il "topo" che fa da protagonista, infatti, è il vero prototipo degli antieroi dostoevskiani.

  • User Icon

    Nico Bettio

    05/06/2012 18.59.44

    Un romanzo che mi ha sbattuto in faccia quel che sono: un animo intelligente e egocentrico, che sfocia in quel che vien definita "la troppa consapevolezza", che porta l'uomo del sottosuolo all'incapacità di agire e prendere decisioni opportune, se non quelle derivate dall'istinto e non da ciò che può portare vantaggi. Per chi ci si ritroverà questo romanzo può far soffrire, ma proprio come l'uomo del sottosuolo, anche io riesco a trarre godimento dalle sofferenze che nascono e crescono nel mio sottosuolo, quasi volessi cercarmele.

  • User Icon

    armando

    30/12/2011 18.50.54

    Recensire un opera sublime come "Memorie dal Sottosuolo" è un impresa che ritengo al di fuori della mia portata.Posso solo dirvi che è una delle opere più illuminanti che io abbia mai letto,una vera e propria perla della letteratura mondiale,che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita.

  • User Icon

    Franco Sarbia

    03/07/2010 07.43.15

    Memorie dal sottosuolo rappresenta magistralmente "l'ombra" che vive nell'oscurità della nostra anima e tanto più ci governa quanto meno la riconosciamo. Troviamo qui la materia prima su cui verrà edificato l'Idiota. Non capisco però l'associazione del libro con la feroce postfazione di Nabokov, grande critico, ma assolutamente incapace di comprendere in profondità la potenza interrpretativa dell'esistenzialismo. Figuratevi che definisce Sartre un giornalista francese "mediocre imitatore di Dostoevskji"!

  • User Icon

    Estelgard

    10/04/2010 20.53.14

    Premetto che adoro Dostoevskij e la sua poetica del decadentismo. Il testo è decisamente impegnativo, nonostante sia una breve presentazione di tematiche che affioreranno nei romazi successivi, ma è un caposaldo della letteratura russa e non è assolutamente da perdere per chi vuole cominciare a scoprire il grande maestro russo. La prima parte "il sottosuolo" è introspettiva e delinea la psicologia del protagonista, un miserabile che "non è riuscito a diventare nemmeno un insetto"; vari i temi che il narratore esamina: la coscienza e la ragione umana, differenti dal volere e dagli istinti provocati dalle leggi naturali che fanno l'uomo ferino, l'indispensabile necessità umana di commettere il male, la vendetta come atto che ricerca la giustizia, quindi moralmente privo di macchie. La conclusione è comunque che, pur dotato di ragione, l'essere umano è abietto, immorale, ingrato e dedito al piacere personale e spesso ignobile. Nella seconda parte, "A proposito della neve bagnata" si introduce un pò di azione e si vedono messe in pratica le elucubrazioni della sezione precedente: il protagonista, consapevole della bassezza morale e della sua poca importanza come individuo, abbatte la sua furia e la sua "vendetta" su una giovane prostituta, una creatura più miserabile di lui, ma certo con una purezza insita e nascosta che fuoriesce col progredire degli attacchi. Quando la tenera Liza si ravvede e decide di vivere una vita priva di macchie, il protagonista la copre di fango e le sbatte in faccia tutte le malvagità e le ingiustizie che la vita stessa le getterà contro; Dostoevskij però termina il racconto con una zampata finale, mostrandoci una Liza che, pur distrutta dalla violenza psicologica subita, mantiene un'altezza e una dignità che il protagonista non potrà mai sperare di raggiungere.

  • User Icon

    Lafit

    19/02/2008 23.35.22

    In assoluto il libro che prediligo... Tale lettura ci permette di attingere al nostro io piú profondo. P.S.: Ottima l'edizione "Oscar Classici" della Mondadori, e per la veste grafica, e per la brillante traduzione di Igor Sibaldi.

  • User Icon

    mirella

    19/02/2005 15.50.37

    Un sottosuolo illuminante,l'analisi diretta su se stessi.E'come ripercorrere la strada fatta e capire il sottosuolo su cui siamo cresciuti, da cui siamo sfuggiti o in cui siamo ancora calati. Un capolavoro di deduzioni ante Freud accompagnato da grande scrittura.

  • User Icon

    valentina

    07/10/2004 23.44.37

    il più bel libro della mia vita. null'altro da dire.

  • User Icon

    filippo71

    31/08/2004 16.03.34

    "Sono un uomo malato... Sono un uomo cattivo. Un uomo sgradevole. Credo di avere mal di fegato. Del resto, non capisco un accidente del mio male e probabilmente non so di cosa soffro. Non mi curo e non mi sono mai curato, anche se rispetto la medicina e i dottori. Oltretutto sono anche estremamente superstizioso; be', almeno abbastanza da rispettare la medicina. (Sono abbastanza colto per non essere superstizioso, ma lo sono.) Nossignori, non voglio curarmi per cattiveria. Ecco, probabilmente voi questo non lo capirete. Be', io invece lo capisco". ........................................ in questo caso, l'incipit è meglio di ogni commento... imperdibile.

  • User Icon

    Greek

    27/07/2004 15.28.13

    Su non scherziamo! Siamo di fronte al CAPOLAVORO. Tutto il romanzo occidentale è debitore a Dostoevskij e le memorie sono l'anticipo del decadentismo. prima di Freud e meglio di freud, ecco a voi il sottosuolo.

  • User Icon

    manuel

    23/05/2004 17.58.13

    bello ma lungo, questa è: letteratura russa

  • User Icon

    neve

    12/04/2004 22.41.35

    D’accordo con Valerio, un libro da prendere a piccole dosi, come l’assenzio aggiungerei. Solo che le droghe del protagonista sono la sofferenza e l’autocommiserazione. Direi che questo testo costituisce un buon esempio di quanto sia potente la mente umana, nel bene e nel male. “E se ci lasciassero soli, senza i libri, noi ci confonderemmo subito, ci smarriremmo – non sapremmo da che parte stare, dove aggrapparci, cosa amare e cosa odiare, cosa rispettare e cosa disprezzare!” TVB

  • User Icon

    valerio

    03/04/2004 22.49.03

    come per i pacchetti di sigarette o per gli involucri di materiali esplosivi, in copertina dovrebbe esserci scritto "maneggiare con cura". usato in dosi massicce, può infatti provocare strane illuminazioni cerebrali. il che di questi tempi...

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione