Memorie di Adriano. Seguite dai taccuini di appunti

Marguerite Yourcenar

Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Edizione: 2
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16 febbraio 2014
Pagine: 354 p.
  • EAN: 9788806219710

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Classica (prima del 1945)

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione


La nota della traduttrice, Lidia Storoni Mazzolani, ci regala la storia di un'amicizia nata lavorando alla versione italiana. Con la cronologia della vita e delle opere e la bibliografia essenziale.

Giudicando la propria vita di uomo e l'opera politica, Adriano non ignora che Roma finirà un giorno per tramontare; e tuttavia il suo senso dell'umano, eredità che gli proviene dai Greci, lo sprona a pensare e servire sino alla fine. "Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo" afferma, personaggio che porta su di sé i problemi degli uomini di ogni tempo, alla ricerca di un accordo tra la felicità e il metodo, fra l'intelligenza e la volontà. I "Taccuini di appunti" dell'autrice (annotazioni di studio, lampi di autobiografia, ricordi, vicissitudini della scrittura) perfezionano la conoscenza di un'opera che fu pensata, composta, smarrita, corretta per quasi un trentennio.

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Serena

    26/10/2018 14:40:20

    Un libro da amare. Consigliatissimo

  • User Icon

    Riccardo

    21/10/2018 21:28:55

    Questo straordinario romanzo è sicuramente il capolavoro della Yourcenar. Un romanzo nel quale ricostruzione storica e sensibilità filosofica, ardore spirituale e capacità narrativa si fondono per creare un'opera straordinaria, la cui lettura spinge a riflettere anche sulla propria vita e sul mondo nel quale si vive. Scrivere romanzi storici significa percorrere un terreno scivoloso ed infido, nel quale la libertà narrativa deve piegarsi alla verosimiglianza con i fatti. Ebbene l'autrice riesce a sintetizzare magistralmente le due esigenze, tanto che queste "Memorie" sembrano essere scritte dal vero Adriano. Piccola osservazione personale: l'opera sembra essere ispirata alle memorie di Luigi XIV. Non so se la Yourcenar abbia mai conosciuto quel documento, ma appunto la struttura e lo stile sono molto simili.

  • User Icon

    Vita

    21/09/2018 20:57:44

    Un romanzo impegnativo ma indiscutibilmente un capolavoro. La scrittura non è propriamente leggera, richiede una certa concentrazione per non perdere il significato di certi passaggi. Ma il racconto è divino, frutto di interminabili studi da parte della Yourcenar: nonostante rimanga un romanzo, viene ricostruita la vita e il pensiero di Adriano, incredibilmente vero e incredibilmente vicino ai giorni nostri. Le sue paure, i suoi amori, le sue ideologie e le sue debolezze. Tanto vive quanto attuali. Bello.

  • User Icon

    La Bellezza di Adriano

    21/09/2018 13:03:40

    Un libro che è un atto d'amore nei confronti di un personaggio storico come l'imperatore Adriano, che è un atto d'amore nei corfronti dell' uomo Adriano, e in generale dell'essere umano, debole, imperfetto, coraggioso, e mortale. Un libro scritto in modo sublime, ormai un classico.

  • User Icon

    Carmine

    19/09/2018 11:10:28

    Una lunghissima confessione/resoconto in prima persona della vita di un uomo,la sua ultima e più oscura battaglia con la morte e la volontà di affrontarla "con gli occhi aperti". Ma non è una confessione qualsiasi,a parlare è l'imperatore che per 21 ha tenuto nelle mani il destino del mondo,che si sentiva "responsabile della bellezza del mondo",il figlio adottivo del rude Traiano,che ha ereditato un impero alla sua massima estensione territoriale e all'acme dello sviluppo economico.Adriano,uomo mite e cultore d'arte, innamorato alla follia della civiltà greca,si confessa e racconta della sua giovinezza,la sete di potere, i viaggi infiniti in un impero multiforme e variopinto,le guerre logoranti sui confini in sommossa,e quel presentimento inquietante sul destino di un impero ai prodromi di una profonda crisi. La Yourcenoir crea un affresco vivido e scintillante di un uomo che come tutti fu divorato dalle passioni e dalle contraddizioni,dalla ricerca ossessiva di un senso da dare all'esistenza,dall'amore assoluto e dilaniante per il giovane Antinoo,un uomo che seppe comunque alla fine trovare la pace e dimenticare la caducità della vita.

  • User Icon

    Gaia

    18/09/2018 09:30:24

    Libro da amare, ammirare, non perdere mai di vista. Un capolavoro assoluto di storia, umanità, dolcezza, guerra, saggezza.

  • User Icon

    Federica

    17/09/2018 21:59:28

    È difficile esprimere con giuste parole la bellezza di questo libro. È un classico ormai, è assodato che sia un capolavoro. La prosa è di rara raffinatezza, l'introspezione psicologica profondissima, la figura dell'imperatore Adriano raccontata con un'umanità commovente. Tuttavia ciò che è difficile esprimere è ciò che questo libro è in grado di donare al lettore. È un'opera "totale", in grado di cambiare la mentalità del lettore, di formarlo, di ampliare le sue vedute. È uno di quei libri che possono davvero cambiare la vita. Forse non sarà così per tutti quelli che lo leggono, come invece è stato per me che scrivo questa recensione, ma perché non dare ad un libro la possibilità di sconvolgerci la vita e migliorarla (o almeno di provarci)?

  • User Icon

    Egome

    18/07/2018 06:44:33

    Bisogna distinguere: chi cerca un racconto storicamente impeccabile (non si può definire un ‘romanzo storico’), frutto di una fatica trentennale di meticolosa, puntigliosa raccolta di dati e di testimonianze sulla vita di Adriano da parte dell’ autrice trova certamente un’opera esaustiva per inquadrare quest’uomo formidabile ed il contesto in cui ha vissuto. Il ‘Taccuino di Appunti ‘ riportato nel finale conferma la dedizione, la serietà e l’ amore della Yourcenar nella gestazione e finalmente pubblicazione di questo libro. Chi, al contrario, spera in una lettura avvincente, facile e coinvolgente rimane un po’ deluso: racconto prolisso, pieno di riferimenti storici, di nomi, di personaggi, difficile da ‘metabolizzare’ e da portare a compimento sino alla fine. Bello il testo latino di Adriano riportato in prima pagina (‘Animula vagula, pallida …’): memorabile la sua lettura di Giorgio Albertazzi …

  • User Icon

    aledifra

    04/03/2018 20:12:19

    Mi dispiace dissociarmi dai numerosi commenti positivi ma non è un libro che mi abbia particolarmente conquistato. Ho faticato a terminarlo.

  • User Icon

    Marta

    27/11/2017 17:25:27

    Opera non semplice, che richiede al lettore, chiamato a condividere spunti di rara bellezza, un'attenzione costante. L'ho ripresa in mano dopo anni e conserva ancora intatto il suo fascino.

  • User Icon

    Anna

    17/07/2017 12:08:43

    Capolavoro assoluto, Letteratura pura, da riassaporare un milione di volte. Meno male che è esistita la Yourcenar.

  • User Icon

    Elena

    16/05/2017 18:47:01

    Una scrittura poetica, questo mi ha colpita molto. Un libro non semplice, profondo, introspettivo, ma anche utile per delineare la personalità di un imperatore che ancora non conoscevo. Un punto in meno solo per il mio gusto personale: in alcuni passaggi il racconto è un po' troppo lento.

  • User Icon

    Anna

    28/12/2016 16:06:37

    Capolavoro. Se siete appassionati del mondo antico la Yourcenar non può che stregarvi e tenervi succubi del libro fino all'ultima pagina; non fatevi ingannare dall'inizio un po' lento. Non potrete non immedesimarvi in Adriano: provare il suo amore per Antinoo, per la Grecia, per il suo impero. Come dice la Yourcenar, Adriano si sente responsabile della bellezza del mondo, e stupisce pensare che allora essere Imperatore significava avere ai piedi quasi tutto il mondo conosciuto.

  • User Icon

    Raffaele

    22/12/2016 11:15:08

    Un libro che ti conquista, un vero capolavoro. Richiede un po' di impegno per la profondità di contenuti, ma resta un "must".

  • User Icon

    roberta valeria

    01/10/2016 18:59:44

    Confermo la grande bellezza di questo libro, non solo per contenuti, ma anche per la forma raffinata e poetica direi. Tuttavia, bisogna dire che tale lettura non si snoda in modo semplice, in quanto i riferimenti storici (non a caso è stato elaborato in quasi un trentennio...) sono numerosi e così anche i personaggi menzionati (la guerra contro i Parti e l'imperatore Osroe, la rivolta giudaica, Cabria....). Tale lettura, voglio dire, implica conoscenze storiche affinché possa essere apprezzato appieno. La parte focale è nello "svelarsi" dell'amore verso Antinoo. L'incanto di tale libro, oltre che nella raffinatezza della scrittura, è nell'espressione di questo sentimento etereo, delicato che trascende l'umanità dei rapporti. Persino la morte di Antinoo introduce a sentimenti poetici, elegiaci. Nel complesso, insomma, secondo il mio giudizio, è un testo aulico, erudito ed eclettico e per questo non di facile lettura.

  • User Icon

    Antonio

    27/04/2016 16:38:32

    Capolavoro.

  • User Icon

    gianni

    13/09/2015 13:54:28

    Riletto dopo molti anni. Grandioso.

  • User Icon

    Ciacco

    23/08/2015 14:10:33

    La ricchezza di una vita straordinaria si riflette nel ricordo di un uomo che ha dominato il mondo allora conosciuto. La Yourcenar si immerge e ci immerge nella storia di un uomo di potere, di un militare, di un viaggiatore, di un letterato, di un filosofo che ha colto dalla vita tutto ciò che la vita poteva dargli. E lo fa con uno stile scintillante. Meraviglioso.

  • User Icon

    danilobasile

    20/08/2015 22:59:00

    Un romanzo impegnativo ma indiscutibilmente un capolavoro. La scrittura non è propriamente leggera, richiede una certa concentrazione per non perdere il significato di certi passaggi. Ma il racconto è divino, frutto di interminabili studi da parte della Yourcenar: nonostante rimanga un romanzo, viene ricostruita la vita e il pensiero di Adriano, incredibilmente vero e incredibilmente vicino ai giorni nostri. Le sue paure, i suoi amori, le sue ideologie e le sue debolezze. Tanto vive quanto attuali. Bello.

  • User Icon

    gianni

    14/08/2015 14:58:01

    Riletto dopo vent'anni dalla prima lettura. Grandioso testo di saggezza greca, più che romana. Imperdibile.

Vedi tutte le 28 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione