Memorie di Adriano. Seguite dai taccuini di appunti

Marguerite Yourcenar

Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Edizione: 2
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16 febbraio 2014
Pagine: 354 p.
  • EAN: 9788806219710

92° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Classica (prima del 1945)

Disponibile anche in altri formati:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Egome

    18/07/2018 06:44:33

    Bisogna distinguere: chi cerca un racconto storicamente impeccabile (non si può definire un ‘romanzo storico’), frutto di una fatica trentennale di meticolosa, puntigliosa raccolta di dati e di testimonianze sulla vita di Adriano da parte dell’ autrice trova certamente un’opera esaustiva per inquadrare quest’uomo formidabile ed il contesto in cui ha vissuto. Il ‘Taccuino di Appunti ‘ riportato nel finale conferma la dedizione, la serietà e l’ amore della Yourcenar nella gestazione e finalmente pubblicazione di questo libro. Chi, al contrario, spera in una lettura avvincente, facile e coinvolgente rimane un po’ deluso: racconto prolisso, pieno di riferimenti storici, di nomi, di personaggi, difficile da ‘metabolizzare’ e da portare a compimento sino alla fine. Bello il testo latino di Adriano riportato in prima pagina (‘Animula vagula, pallida …’): memorabile la sua lettura di Giorgio Albertazzi …

  • User Icon

    aledifra

    04/03/2018 20:12:19

    Mi dispiace dissociarmi dai numerosi commenti positivi ma non è un libro che mi abbia particolarmente conquistato. Ho faticato a terminarlo.

  • User Icon

    Marta

    27/11/2017 17:25:27

    Opera non semplice, che richiede al lettore, chiamato a condividere spunti di rara bellezza, un'attenzione costante. L'ho ripresa in mano dopo anni e conserva ancora intatto il suo fascino.

  • User Icon

    Anna

    17/07/2017 12:08:43

    Capolavoro assoluto, Letteratura pura, da riassaporare un milione di volte. Meno male che è esistita la Yourcenar.

  • User Icon

    Elena

    16/05/2017 18:47:01

    Una scrittura poetica, questo mi ha colpita molto. Un libro non semplice, profondo, introspettivo, ma anche utile per delineare la personalità di un imperatore che ancora non conoscevo. Un punto in meno solo per il mio gusto personale: in alcuni passaggi il racconto è un po' troppo lento.

  • User Icon

    Anna

    28/12/2016 16:06:37

    Capolavoro. Se siete appassionati del mondo antico la Yourcenar non può che stregarvi e tenervi succubi del libro fino all'ultima pagina; non fatevi ingannare dall'inizio un po' lento. Non potrete non immedesimarvi in Adriano: provare il suo amore per Antinoo, per la Grecia, per il suo impero. Come dice la Yourcenar, Adriano si sente responsabile della bellezza del mondo, e stupisce pensare che allora essere Imperatore significava avere ai piedi quasi tutto il mondo conosciuto.

  • User Icon

    Raffaele

    22/12/2016 11:15:08

    Un libro che ti conquista, un vero capolavoro. Richiede un po' di impegno per la profondità di contenuti, ma resta un "must".

  • User Icon

    roberta valeria

    01/10/2016 18:59:44

    Confermo la grande bellezza di questo libro, non solo per contenuti, ma anche per la forma raffinata e poetica direi. Tuttavia, bisogna dire che tale lettura non si snoda in modo semplice, in quanto i riferimenti storici (non a caso è stato elaborato in quasi un trentennio...) sono numerosi e così anche i personaggi menzionati (la guerra contro i Parti e l'imperatore Osroe, la rivolta giudaica, Cabria....). Tale lettura, voglio dire, implica conoscenze storiche affinché possa essere apprezzato appieno. La parte focale è nello "svelarsi" dell'amore verso Antinoo. L'incanto di tale libro, oltre che nella raffinatezza della scrittura, è nell'espressione di questo sentimento etereo, delicato che trascende l'umanità dei rapporti. Persino la morte di Antinoo introduce a sentimenti poetici, elegiaci. Nel complesso, insomma, secondo il mio giudizio, è un testo aulico, erudito ed eclettico e per questo non di facile lettura.

  • User Icon

    Antonio

    27/04/2016 16:38:32

    Capolavoro.

  • User Icon

    gianni

    13/09/2015 13:54:28

    Riletto dopo molti anni. Grandioso.

  • User Icon

    Ciacco

    23/08/2015 14:10:33

    La ricchezza di una vita straordinaria si riflette nel ricordo di un uomo che ha dominato il mondo allora conosciuto. La Yourcenar si immerge e ci immerge nella storia di un uomo di potere, di un militare, di un viaggiatore, di un letterato, di un filosofo che ha colto dalla vita tutto ciò che la vita poteva dargli. E lo fa con uno stile scintillante. Meraviglioso.

  • User Icon

    danilobasile

    20/08/2015 22:59:00

    Un romanzo impegnativo ma indiscutibilmente un capolavoro. La scrittura non è propriamente leggera, richiede una certa concentrazione per non perdere il significato di certi passaggi. Ma il racconto è divino, frutto di interminabili studi da parte della Yourcenar: nonostante rimanga un romanzo, viene ricostruita la vita e il pensiero di Adriano, incredibilmente vero e incredibilmente vicino ai giorni nostri. Le sue paure, i suoi amori, le sue ideologie e le sue debolezze. Tanto vive quanto attuali. Bello.

  • User Icon

    gianni

    14/08/2015 14:58:01

    Riletto dopo vent'anni dalla prima lettura. Grandioso testo di saggezza greca, più che romana. Imperdibile.

  • User Icon

    Maurizio Ricci

    08/05/2011 17:47:31

    Pretenzioso, lo è senz'altro; ma il risultato di tanto sforzo non si vede affatto. Mi pare anche del tutto ingiustificato "suggerire" che chi legge questo libro abbia comprato anche "L'Aleph", quasi ad evidenziare un ipotetico legame, o affinità; anch'io ho comprato entrambi questi volumi: e allora? Due mani più distanti difficilmente sono state accostate; la maestria (l'arte?) ancora non si trasmette per osmosi attraverso le copertine di due volumi eventualmente conservati fianco a fianco nello stesso scaffale della libreria

  • User Icon

    Norma

    14/01/2009 19:47:50

    E' uno dei più bei libri che siano stati scritti nel secolo appena trascorso. La assoluta immedesimazione da parte dell'autrice nella persona dell'Imperatore, è talmente aderente (e commovente al tempo stesso) che non oso pensare che Adriano non sia stato realmente l'uomo che la Yourcenard ci reppresenta. Compassione e senso di giustizia non sono mai disgiunti, in lui, dall'esercizio del potere, che pure è uomo capace di forti passioni e di sofferta umanità. I nostri politici, così scialbi e corrotti, dovrebbero tenere questo splendido romanzo come "livre de chevet" e fare tesoro della massime politiche in esso contenute. La Yourcenard non ha mai scritto nulla di più bello e convoingente, un affresco storico vivo, e al tempo stesso struggente, della romanità al vertice della sua massima potenza, che diventa storia interiore personale di un solo uomo, il primo uomo dell'impero. Un libro da leggere e rileggere...

  • User Icon

    daniela

    30/05/2008 20:42:11

    Lessi questo libro circa 20 anni fa e, con mia grande meraviglia, rimane a tutt'oggi uno dei più bei libri che abbia mai letto. E' completo, da tutti i punti di vista. La Yourcenar è una grande scrittrice che si merita di stare tra gli "immortali".

  • User Icon

    Paolo Guazzotti

    09/09/2005 13:29:23

    Probabilmente il miglior libro che mi sia capitato di leggere, un capolavoro assoluto, dalla forma perfetta (sia in francese che in italiano)che è al contempo un'opera di poesia, di psicologia, un saggio di storia, un'autobiografia, una riflessione filosofica. In questa "confessione" ci riconosciamo tutti, specialmente adesso, è una confessione di una modernità sconvolgente. Alcuni passaggi lasciano senza fiato. La lettura di questo libro, senza esagerare, ti cambia la vita, almeno un po'. Una delle tante cose sorprendenti è che sembra scritto da un uomo, dall'imperatore Adriano in persona, invece è scritto da una donna dal talento straordinario. Da leggere più volte come i capolavori

  • User Icon

    mirella

    24/01/2005 20:01:23

    Difficile avvicinarsi con spavalderia ad un altro libro dopo aver letto questo capolavoro da vertigine.L'intensità del racconto dell'uomo è strepitosa. Talmente ben descritto che quasi lo si potrebbe riconoscere incontrandolo.

  • User Icon

    vittorio

    03/12/2000 16:50:17

    All'inizio dei "taccuini di appunti" ho trovato una frase che secondo me spiega benissimo il senso di questo capolavoro: "Quando gli dèi non c'erano più e Cristo non ancora, tra Cicerone e Marco Aurelio, c'è stato un momento in cui è esistito l'uomo, solo". Leggendo questo libro non si può non partecipare alle vicende di Adriano, che sono poi anche le nostre, ovvero quelle di tutti gli uomini e donne di questo mondo.

  • User Icon

    Eugenio

    08/11/2000 14:51:13

    Opera di altezza vertiginosa, che squarcia il velo che ci separa dal mondo antico, avvicinandocelo fin quasi a toccarlo. Geniale nella sua composizione, frutto di ricerche durate una vita, occorre leggerlo e meditarci su. L'uso della prima persona trasfigura la biografia in un testo appassionante dove s'incontrano la storia, il romanzo, il costume e tanto altro.

Vedi tutte le 21 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione