La Mer - Port of Call (200 gr.) - Vinile LP di Claude Debussy,Jacques Ibert,Boston Symphony Orchestra

La Mer - Port of Call (200 gr.)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Data di pubblicazione: 5 febbraio 2015
  • EAN: 0753088211119
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 67,90

Punti Premium: 68

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La Analogue Productions ripropone con la straordinaria qualità sonora garantita dal vinile da 200 grammi uno dei titoli più famosi del catalogo Living Stereo, che vede grande protagonista la Boston Symphony Orchestra diretta con polso e molto buon gusto da un ispirato Charles Munch. Non si può che rimanere ammaliati dalla sublime eleganza con cui il grande direttore francese riesce a delineare le impalpabili atmosfere di La mer di Claude Debussy e la scrittura al tempo stesso briosa e molto impegnativa di Port of Call di Jacques Ibert, una pagina molto meno conosciuta ma comunque ricca di spunti di grande interesse. Questo disco rappresenta quindi una graditissima addizione al raffinato catalogo classico della Analogue Productions.
  • Claude Debussy Cover

    Propr. Achille-Claude Debussy. Compositore francese.L'itinerario artistico e le opere principali. Figlio di piccoli commercianti di porcellane, entrò al conservatorio di Parigi nel 1872, studiando il pianoforte con A.-F. Marmontel e la composizione con E. Giraud. Nel 1884 ottenne il Prix de Rome con la scena lirica L'enfant prodigue (Il figliuol prodigo). A Roma, dove soggiornò dal 1885 all'87, scrisse La demoiselle élue (La fanciulla eletta), su testo di D.G. Rossetti. Rientrato a Parigi, prese a frequentare il salotto di Mallarmé e altri ambienti artistici legati al simbolismo e all'impressionismo. S'interessò, nel frattempo, all'o­pera di Wagner (viaggi a Bayreuth nel 1888 e nel 1889), al Boris di Musorgskij, alle musiche giavanesi ascoltate all'Esposizione di Parigi nel 1889. La maturazione... Approfondisci
  • Jacques Ibert Cover

    Compositore francese. Compiuti gli studi al conservatorio di Parigi con A. Gédalge e P. Vidal, vinse nel 1919 il Prix de Rome con la cantata Le poète et la fée. Dal 1937 al '40 e dal 1946 al '60 diresse l'Accademia di Francia a Roma. Fu autore di opere (tra cui la farsa Angélique, 1927, e L'aiglon, in collaborazione con Honegger, 1937), operette, balletti, musiche per film (tra le quali quelle per il Don Chisciotte di Pabst e per il Macbeth di O. Welles), molti pezzi sinfonici, tra cui Escales (1922), Divertissement (1928) e Louisville concerto (1953), Concerto per violoncello e fiati (1925), Concerto per flauto e orchestra (1932), Concertino da camera per sassofono e orchestra (1936), Sinfonia concertante per oboe e archi (1949); compose inoltre un quintetto per fiati e altra musica da camera,... Approfondisci
  • Boston Symphony Orchestra Cover

    Orchestra sinfonica di Boston. Fondata nel 1881 a Boston dal banchiere H.L. Higginson, che la dotò di fondi cospicui e ne orientò gli indirizzi musicali reclutando (dopo le prime stagioni dirette dall'inglese G. Henschel) soprattutto direttori e strumentisti d'origine tedesca e austro-ungarica. L'intensa attività concertistica ricevette ulteriore incremento nel 1900 con la costruzione di un'apposita sala (Symphony Hall). Sotto la direzione di Karl Muck (dal 1906 al 1918, con intervalli), fu la prima orchestra americana a intraprendere un'attività discografica, e con P. Monteux (1919-23) estese il proprio repertorio alla musica contemporanea (con la storica «prima» americana della Sagra della primavera di Stravinskij). Nel 1924, con S. Kusevitzkij, cominciò a commissionare opere ai maggiori... Approfondisci
Note legali