Meridiano di sangue

Cormac McCarthy

Traduttore: R. Montanari
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 344 p.
  • EAN: 9788806184506
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,78

€ 11,50

Risparmi € 1,72 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Samuele

    05/04/2017 21:02:40

    Nn riesco a credere che questo libro si opera di McCarthy: pessimo. Non sono riuscito a finirlo, dopo 150 pagine di soli scalpi e teste mozzate ho lasciato perdere. Mi piace lo stile questo autore ma rinunciare ad trama per mettere lo sola violenza è stata una scelta azzardata. Peccato. Nonostante tutto continuerò a leggere i libri di McCarthy, non tutte le ciambelle escono con il buco.

  • User Icon

    LucaMilano

    06/10/2015 16:20:41

    Nessun dubbio, è questo il capolavoro di McCarthy, epico, senza speranza, l'ho letto anni fa e il Giudice Holden occupa ancora un posto di primo piano nel mio immaginario nero, così come la calvacata della sua banda di reietti, quando il male sa essere anche buffo, una corte dei miracoli di banditi vestiti con abiti rubati alle loro vittime (un indiano rinnegato ricordo,anche vestito da sposa), un'immagine che vale un libro, impagabile.

  • User Icon

    Hyeronimus52

    28/07/2015 23:29:11

    Ambientato nella metà dell'ottocento questo splendido romanzo di McCarthy narra l'implacabile caccia selvaggia di una banda di cacciatori di scalpi privi di scrupoli e assetati di sangue che imperversa tra Messico e limitrofe regioni americane lasciandosi alle spalle una infinita scia di morti e instilla nel lettore la consapevolezza che il "branco" libero dai freni della legge non conosce la pietà ma conserva soltanto gli istinti peggiori, quelli che lo rendono più crudele e indifferente delle belve. Anche la natura, descritta con dovizia di particolari, è altrettanto spesso selvatica e pericolosa.

  • User Icon

    Luciano

    03/05/2014 11:52:56

    Questo libro di 340 pagine ne ha 100 di troppo (descrizioni infinite, ripetitive, noiose, che ti fan cascare le braccia) e 30 mancanti (i chiarimenti su tante azioni, personaggi e situazioni che, per aver voluto l'autore essere fin troppo stringato, ti lasciano tanti interrogativi in testa e zone d'ombra nella dinamica dei fatti)

  • User Icon

    marialucia

    26/12/2013 15:07:12

    Avevo già letto Cavalli selvaggi, Oltre il confine e Non è un paese per vecchi.Molto belli, toccanti.Ho ho voluto leggere anche Meridiano di sangue. Non riuscivo a finirlo: pesante, lungo, ripetitivo, noioso. Non mi piace lasciare a metà i libri, perchè potrei perdermi qualcosa! e invece non c'era niente di nuovo: morti, assassinii, scalpi. Dò uno e si salvano solo le descrizioni dei paesaggi.

  • User Icon

    Materlab

    29/08/2013 17:51:58

    Sono veramente pochi gli scrittori che sanno costruire storie davvero straordinarie. Uno di questi si chiama Cormac McCarty. Meridiano di sangue è considerato (a ragione secondo me) il suo capolavoro. Una storia western affascinante, geniale, intensa... In una parola: epica.

  • User Icon

    Davide

    06/05/2013 15:34:10

    Romanzo consapevolmente gnostico, a metá tra Melville, Conrad e Dostoevskij : McCarthy celebra ed esalta ad un tempo il mito cupo, caotico e cruento della Frontiera, tracciando nel mentre un percorso di indagine del mistero del Male. Opera realistica e visionaria ad un tempo , non per stomachi deboli e palati facili.

  • User Icon

    Antonino

    05/10/2012 15:08:14

    A tratti un po' lento ma sicuramente da non perdere. Preferisco la "Trilogia della frontiera". McCarthy una garanzia.

  • User Icon

    luca

    23/09/2012 16:30:18

    sicuramente un ottimo libro, forte, cruento, coinvolgente, che ti trascina dentro al racconto fino ad immedesimartici. Ottima trasposizione della realtà del tempo, che siamo abituati a vedere nei migliori film western. Ci sono ottime riflessioni sulla vita da parte dei personaggi, che presentano carratteristiche differenti l'uno dall'altro. Lettura da affrontare con calma e piacere, immaginando di cavalcare al loro fianco. Scopro con questo testo un ottimo scrittore

  • User Icon

    Marco Tamborrino

    21/12/2011 20:36:33

    Sono sbalordito. È un libro talmente perfetto da lasciare stupefatti.

  • User Icon

    elanhyer

    04/11/2011 09:32:21

    È il primo libro che leggo di questo autore. Ciò che mi ha entusiasmato di più è stata la prosa eccelsa, una descrizione rara e sublime della trama. Può apparire lento e monotono, ma il libro non va letto in due giorni. Bisogna assaporare ogni pagina per entrare nel mondo di Cormac. L'unica pecca sono i personaggi che, a mio avviso, risultano simili tra di loro. Consigliato soprattutto agli amanti del genere. Credo che andrò a legger 'Non è un paese per vecchi', nonostante abbia visto il film.

  • User Icon

    Gozer

    03/10/2011 09:52:20

    Un western "metafisico". Direi bergmaniano. Solo, a tratti poco scorrevole e ripetitivo.

  • User Icon

    Bella

    13/07/2011 23:21:06

    Favolosa, violentissima, esaltante avventura che ridisegna il mito del WEST!

  • User Icon

    Francesco

    14/05/2011 21:06:44

    Ragazzi sto a metà... Che noia!!! Descrizioni infinite, vorrei tanto interrompere...

  • User Icon

    Andrea

    07/02/2011 20:26:34

    Il diavolo accompagna la penna di Mc Carthy su terreni polverosi, sporchi di sangue, urina e cenere. Scava dentro il cuore dell'Uomo, nella melma e nel fango che si cela in fondo all'anima. Ne estrae un gioiello metafisico di rara bellezza. Ogni pagina è un "Inno alla Gioia" della Letteratura con la elle maiuscola. Un'opera d'arte ineccepibile, grandiosa e crudele. Le viscere si contorcono al ritmo dei tamburi di guerra, seguono i personaggi ambigui, contraddittori, mai del tutto certi delle loro intenzioni, fino ai confini del mondo conosciuto. Le pupille brillano di bellezza e orrore. Il Male, la redenzione, la follia, i mille volti metaforici di Dio, i tarocchi e il Giudice. Il Giudice...

  • User Icon

    Patrizia

    08/01/2011 21:35:40

    Chiuso il libro la frontiera rimane indelebile, come l'inquietudine che il giudice distilla fino all'ultima e tragica pagina. L'ambientazione, la trama, i personaggi, lo stile sono una miscela densa, perfetta, terribile. Una meraviglia da leggere.

  • User Icon

    Massimo

    26/10/2010 10:57:58

    La struttura sintattica paratattica risulta pesante, le scelte lessicali forzatamente letterarie. Vicenda nel complesso noiosa e ripetitiva. Personaggi piuttosto piatti, a parte il giudice. Forse sono io che non ne ho compreso la grandezza, vista la stima che circonda l'autore da parte di pubblico e critica. Tuttavia lo considero uno dei peggiori libri mai letti.

  • User Icon

    Marco 75

    10/07/2010 11:29:08

    Per me è uno dei vertici della letteratura americana moderna. E' stato il primo romanzo di McCarthy che ho letto ed è quello che non mi stanco mai di rileggere. Una storia violenta, potente, epica ed allucinata. Non fatevi sfuggire questo romanzo.

  • User Icon

    anina salbe

    30/04/2010 22:44:37

    A parte essere d'accordo coi giudizi espressi (è come un "trionfo della morte" scritto anziché dipinto e la quantità di cose e persone e animali distrutti è biblica) ho notato che la maggioranza dei lettori (se non tutti) è di sesso maschile. Curioso. Il mio "voto" non è pieno solo perché mi regolo come i giudici di pattinaggio o di ginnastica ... mi tengo un poco di margine ...

  • User Icon

    Angelo48

    21/12/2009 16:41:32

    Romanzo che lascia un segno preciso nel lettore grazie all'arte particolare di questo protagonista della letteratura americana contemporanea. Nulla di particolare da aggiungere a quanto già scritto in altre recensioni, solo un consiglio a chi ama McCarthy e magari non conosce un altro grande del novecento degli States, William Faullkner: letteratura non semplice, ma di grandissimo spessore.

Vedi tutte le 47 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione