Categorie

Julius Evola

Curatore: G. De Turris
Anno edizione: 1994
Pagine: 352 p. , ill.

10 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Salute, famiglia e benessere personale - Famiglia e salute - Relazioni familiari - Sesso e manuali per il sesso

  • EAN: 9788827204351

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Romano Badiali

    26/02/2013 09.53.36

    Dire, come fa lilimarlene, che questo libro di Evola parla "dell'amore e dei sentimenti più delicati e profondi che può provare ognuno di noi" è esatto, ma solo nel senso che l'autore esclude categoricamente che i sentimenti e l'amore romantico possano produrre quelle aperture verso la dimensione metafisica che invece, secondo lui, rappresentano il traguardo più importante, anche se più difficile da raggiungere, del rapporto sessuale inteso in un senso del tutto particolare cioè quello esoterico-magico. Evola lo precisa subito, già nella seconda pagina dell'introduzione: "Del resto, il riferirsi all'amore - dato ciò che oggi si intende prevalentemente con tale parola e data la sfasatura d'ordine soprattutto sentimentale e romantico delle corrispondenti esperienze nei più - non poteva non creare un equivoco e non restringere la ricerca ad un'area angusta e piuttosto banale".

  • User Icon

    lilimarlene

    09/12/2012 13.57.17

    Mi stupisco che nessuno abbia ancora scritto una recensione di questo libro.In assoluto questo è il più bel libro che ho letto di Evola,ma è anche il mio libro preferito in assoluto. Il motivo è presto detto,è un libro poeticissimo, un libro scritto con classe ed uno stile impeccabile,con finezza.E' un 'opera che parla sul serio dell'amore e dei sentimenti più delicati e profondi che può provare ognuno di noi. Penso sia un libro da leggere e conservare,forse non adatto ad un pubblico giovanissimo,ma che comunque è l'opposto della superficialità oggi dilagante in campo sentimentale.E'una visione condivisibile o meno dell'amore,che non può che lasciare spazio in ognuno di noi,per una profonda riflessione.

Scrivi una recensione