€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 4 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Un film profondo e sincero, un film sul cinema e sul rapporto tra realtà e finzione, un film che s'appresta ad essere un manifesto del nostro tempo complesso e problematico

Trama
Margherita sta girando un film impegnato sulla crisi economica italiana dove si racconta lo scontro tra gli operai di una fabbrica e la nuova proprietà americana che promette tagli e licenziamenti. Oltre a dover gestire la complessità del set corale di un film politico, deve fare i conti con le bizze della star italo-americana che ha scelto per interpretare il ruolo del nuovo proprietario; un attore in crisi, ostaggio della sua maschera di divo, qui esasperata dal provincialismo del cinema italiano.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    stefano

    16/11/2015 14:02:33

    Il mio giudizio va in decisa controtendenza rispetto agli altri fin qui espressi. E' vero che Moretti aveva già trattato magistralmente il tema della morte in "La stanza del figlio", ma qui siamo su un piano diverso. Nella "stanza" la morte giungeva improvvisa e inaspettata; l'immagine del padre che ossessionatamente riavvolge il nastro del registratore quasi a voler fermare quel momento in cui per una circostanza fortuita si è deciso il destino del suo giovane figlio mi pare emblematica a questo riguardo. In "Mia madre" il tema è diverso: è quello della lenta attesa di un evento che fin dall'inizio si sa essere ineluttabile. E' lo strazio di chi vede lentamente spegnersi la vita di una persona cara ed ancora estremamente presente a sè stessa e interessata ai problemi dei figli e della nipote. E' la descrizione di un tramonto triste e malinconico che pone l'uomo di fronte alla sua pochezza, alla sua incapacità di mutare il corso delle cose. Ho una madre anziana e inferma e, forse per questo, credo di aver compreso - direi sulla mia pelle - le intenzioni e il messaggio di Moretti che, secondo me, resta forse il massimo regista italiano vivente. La sceneggiatura, con i suoi ritmi lenti e certe atmosfere crepuscolari, ci rende in pieno il senso della tristezza e del dolore per l'imminente distacco. Bellissima la sequenza della casa della mamma nella quale i libri, da lei tanto amati, sono stati riposti negli scatoloni; straziante la domanda "a cosa è servito tutto questo studio?" Di altissimo livello le due interpreti principali, una chicca il personaggio di Turturro e sorprendete Moretti che, come fa dire alla regista interpretata da Margherita Buy, questa volta sceglie di mettersi "a fianco del suo personaggio".

  • User Icon

    cristina

    13/11/2015 12:53:08

    Condivido in pieno il giudizio di Fabio. Aggiungo soltanto che sul tema della morte Moretti aveva già fatto quel bellissimo film che è "La stanza del figlio", e non c'era sicuramente bisogno di fare questo. Speriamo possa trovare nuove ispirazioni.

  • User Icon

    Fabio

    26/10/2015 17:34:21

    Il film tratta con leggerezza il tema della morte. Con cosi' tanta leggerezza che poi non rimane niente. Film decisamente insufficiente. La storia, poteva essere trattata con ritmi più serrati e in molti modi più profondi e interessanti, invece si è appiattita in una banalità sconcertante (lento e mono-corda, come nello stile di Moretti). Con la vicenda del film, girato dalla regista Margherita Buy inutilmente sovrapposta e del tutto scollegata col resto. Moretti è regista e attore sopravvalutato, la Buy decisamente ripetitiva nelle sue modalità standard di recitazione. Turturro cosa l'hanno chiamato a fare ?

  • User Icon

    Cristiana

    04/10/2015 22:41:00

    Noiosetto anzichè no, nonostante la bravura della Buy e la simpatia di Turturro. A mio parere l'età dovrebbe consigliare a Moretti una sceneggiatura più serrata anche quando si racconta in modo da rendere interessanti i suoi tic e i suoi solipsismi

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

2015 - Nastri d'Argento Miglior Attrice Protagonista Buy Margherita
2015 - David di Donatello Miglior Attrice Protagonista Buy Margherita
2015 - David di Donatello Miglior Attrice Non Protagonista Lazzarini Giulia

  • Produzione: 01 - Home Entertainment, 2015
  • Distribuzione: Rai Cinema - 01 Distribution
  • Durata: 106 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of): "Un film e basta: sul set con Nanni Moretti" - "Motore, ciak, azione e stop" - "La tortura dell'attore"; speciale: "Burry Huggins"; scene inedite in lingua originale; trailers