Editore: Mondadori
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 3 aprile 2018
Pagine: 200 p., Rilegato
  • EAN: 9788804687580
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

«Perché sei venuta a dirmelo ora?» le ho chiesto.
«Perché non è mai stato punito» mi ha risposto lei.
«L'avevi denunciato?» ho chiesto.
«No. Non potevo.»
«Perché?»
«Perché allora non lo sapevo. ora lo so.»
«Cos'è che sai adesso?» le ho chiesto
«Che ho subito una violenza.»


È un mattino cristallino come tanti a Miden. Una ragazza bussa alla porta di una coppia con un'accusa di abuso sessuale. L'accusato è il suo ex professore di filosofia. La compagna del professore aspetta un figlio. Sono entrambi approdati a Miden da un paese straniero, sprofondato nel Crollo: una devastante crisi economica. Miden è la società ideale che li ha accolti, un nuovo Eden di eguaglianza e benessere, una piccola comunità laica e razionalista, tanto solidale quanto inflessibile. Il professore e la studentessa hanno avuto una storia in passato. Ma è solo a due anni di distanza che la ragazza si rende conto di aver riportato un trauma da quel rapporto. La denuncia scuote la felice comunità di Miden, dove ogni anomalia che ne alteri il candore viene dibattuta e corretta, ogni trauma riconosciuto e risolto per il bene comune. I tre protagonisti si ritrovano al centro di un'indagine. Amici e colleghi si trasformano in un tribunale che deciderà delle loro vite. E, nell'attesa del verdetto, tutte le certezze della coppia si corrompono, così come il futuro che sognavano per il loro figlio.

€ 15,72

€ 18,50

Risparmi € 2,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 9,99

€ 18,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Manuela

    20/09/2018 09:15:13

    Premessa assolutamente interessante e attuale, quella di un'accusa di violenza, trattata da due punti di vista diversi, quello del "Perpetratore" e quello della compagna di lui. Viene escluso il racconto della ragazza coinvolta in prima persona, la "Subente", e ho particolarmente apprezzato questa scelta originale dell'autrice. Lo stile ha un non so che di onirico, inconsistente, etereo, e si presta bene al tipo di narrazione. Nonostante tutto questo, a fine lettura mi sono ritrovata un po' spaesata. Non perché il libro non mi sia piaciuto, perché nel complesso si fa leggere velocemente ed è molto particolare, ma piuttosto perché ogni elemento che era stato presentato nella prime cento pagine poi è andato disperdendosi, e mi sono ritrovata con i ragionamenti, i pensieri, i desideri isolati dei protagonisti, e niente più. Avrei preferito una conclusione più concreta.

  • User Icon

    Alberta

    09/04/2018 09:45:37

    Letto nel fine settimana. Giusto parlare di violenza fisica e morale, di soprusi e abusi. Ogni denuncia, ogni racconto può servire. Ma in alcuni punti sembra tutto un po' forzato, costruito, poco naturale e vero. Il tema è talmente importante e attuale che ogni riga scritta sull'argomento deve coinvolgere il lettore fino in fondo. E a tratti questo libro, pur scritto bene, non lo fa.

Scrivi una recensione