Categorie

I miei flop preferiti e altre idee a disposizione delle generazioni future

Hans M. Enzensberger

Traduttore: C. Groff, D. Idra
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2012
Pagine: 233 p., Rilegato
  • EAN: 9788806210687
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,53

€ 14,62

€ 19,50

Risparmi € 4,88 (25%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

  Solamente uno scrittore di sicuro successo può permettersi di civettare con i propri insuccessi; è questa la premessa alla lettura dell'ultimo libro di Enzensberger, in cui il versatile e prolifico scrittore ultraottantenne racconta con tonalità autoironiche e piacevole piglio affabulatorio alcuni dei progetti cinematografici, teatrali, editoriali e narrativi elaborati nel corso di una carriera lunga mezzo secolo e naufragati prima della loro realizzazione o rivelatisi fallimentari alla prova dei fatti. Il volume, che si distingue per una scrittura brillante, resa assai bene nella versione italiana, è suddiviso in due sezioni; la prima è dedicata ai "flop" veri e propri, mentre la seconda, con il titolo Magazzino di idee, propone una serie di progetti mai effettivamente realizzati che l'autore sottopone all'interesse di drammaturghi o scrittori in crisi di creatività. Chi andasse alla ricerca di toni autocritici resterà deluso, giacché i fallimenti sono attribuiti da Enzensberger perlopiù a quei fattori spesso imprevedibili che presiedono le sorti umane: l'insufficienza dei finanziamenti, il pensionamento di un sovrintendente, la morte di un direttore artistico, la depressione di un compositore, l'infortunio di un attore, intoppi e controversie legali sono alcuni tra gli incidenti citati dall'autore che attengono a quella sfera che va sotto il nome di "fortuna" e che si rivela decisiva nel determinare il successo o il fallimento di un'impresa. L'interesse del volume consiste nell'opportunità di gettare lo sguardo nell'operosa "officina" di Enzensberger, di rivelare interconnessioni tra le sue varie opere e di rintracciare i fili di lunghe frequentazioni. Così, l'avventurosa ed eccentrica personalità di Alexander von Humboldt, già al centro di una ballata nel volume Mausoleum (1975), ritorna nel progettato film sulla vita dell'esploratore berlinese di cui Enzensberger ci riporta ampie parti del brogliaccio cinematografico. Molti dei "flop preferiti" dell'autore, dall'opera lirica Politburo, alla pièce Parvus, dedicata alla figura di Lenin, dal vaudeville La Cubana con musica di Hans Werner Henze al progetto per una rivista teatrale su Marx ed Engels riconfermano infine l'inesausto confronto di Enzensberger con le vicende del comunismo internazionale. Paola Quadrelli