Categorie

Alfio Caruso

Editore: Longanesi
Collana: Le spade
Anno edizione: 2010
Pagine: 356 p. , Brossura
  • EAN: 9788830427686
Usato su Libraccio.it € 8,10

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gallinaread

    02/07/2010 12.18.36

    libro consigliatissimo per quelli che ne vogliono sapere di può e per poter poi trarre un giudizio personale... scritto bene, stile romanzo e si scoprono quante cose la tv cela in modo gratuito e su quante cose sia meglio non indagare!!! speriamo che la giustizia (quella giusta) prima o poi riesca a fare un pò di pulizia in italia!!

  • User Icon

    luca

    09/04/2010 17.47.14

    lo cosiglio a tutti coloro che vogliono sapere qualcosa in più sulla morte di paolo borsellino, sui rapporti tra mafia-politica-finanza (fininvest e gruppo ferruzzi)e sulla trattativa stato-mafia del 92-93. si legge velocemente , in tre giorni. sembra un libro triller, con un'ottima sceneggiatura, ma purtroppo è tutto vero. letto questo libro non si può fare a meno di leggere anche IL PATTO (chiarelettere)

  • User Icon

    Pino Chisari

    09/04/2010 10.58.55

    Preziosissima ricostruzione storica di fatti che dovrebbero spingerci a fare più di qualcosa per arrivare al nocciolo della verità. Ma, a quanto pare, in Italia la verità interessa poco o niente. Il libro è coraggioso e sconvolgente: fermo restando il diritto di ciascuno a pensarla come vuole, tutti però dovrebbero essere informati completamente sui fatti e sulle ipotesi investigative... invece, da noi, gli organi di informazione parlano solo di nani e ballerine...

  • User Icon

    Alberto

    25/03/2010 13.44.19

    E' un libro che mi ha sconvolto, letteralmente. La strage di via D'Amelio è l'ultimo mistero italiano, sulla scia delle stragi di Stato, Ustica e i misteri irrisolti di questo Paese. E in mezzo sempre i servizi segreti. Spatuzza non è l'ultimo dei pentiti. E' uno con alle spalle oltre cinquanta omicidi, compreso quello di Don Puglisi. Le sue dichiarazioni sono esplosive e fanno paura, visti tentativi di screditarlo. L'ultimo ad opera del direttore del TG1, con un editoriale. Da leggere e diffondere.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione