Milano ordina uccidete Borsellino - Alfio Caruso - copertina

Milano ordina uccidete Borsellino

Alfio Caruso

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Longanesi
Collana: Le spade
Anno edizione: 2010
Pagine: 356 p., Brossura
  • EAN: 9788830427686
Salvato in 38 liste dei desideri

€ 12,00

€ 15,00
(-20%)

Venduto e spedito da Libreria Fernandez

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Diciotto anni dopo ignoriamo chi azionò il telecomando della strage di via D'Amelio, in cui vennero macellati Paolo Borsellino e i cinque agenti di scorta. Oggi sappiamo soltanto che Cosa Nostra partecipò alla preparazione dell'attentato e che Borsellino non fu ucciso per il fallimento della trattativa condotta dai carabinieri con Riina attraverso la mediazione di Vito Ciancimino. La minuziosa rilettura d'ingialliti verbali, le dichiarazioni di antichi testimoni, l'incrociarsi di vecchie e nuove verità aprono uno scenario rabbrividente. Sullo sfondo campeggia inquietante il Ros dei carabinieri: a che gioco giocava? Assodato che fu Provenzano a consegnare Riina, quali garanti dal gennaio '93 hanno protetto la latitanza di «zu Binnu», non a caso arrestato dalla polizia?Un filo rosso lega via D'Amelio a Capaci. Falcone e Borsellino puntavano su Milano, da oltre vent'anni vera capitale della mafia. All'interno dei suoi insospettabili salotti i boss avevano trovato i complici ideali per riciclare e moltiplicare le centinaia di miliardi guadagnati con il traffico internazionale degli stupefacenti. L'appoggio di banchieri, imprenditori, finanzieri aveva consentito alle «famiglie» siciliane di trasformarsi in un impero economico capace di condizionare la vita del Paese: molti, dunque, volevano stoppare i due magistrati palermitani. Nei suoi cinquantasette giorni di corsa contro la morte Borsellino aveva capito il complesso meccanismo di quattrini e di complicità nel quale persino Riina e Provenzano agivano spesso da pupi, anziché da pupari. Ma lo Stato, nel cui nome Paolo sfidava il Male, fece ben poco per proteggerlo. Questo libro vi racconta come e perché.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 4
5
4
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    gallinaread

    02/07/2010 12:18:36

    libro consigliatissimo per quelli che ne vogliono sapere di può e per poter poi trarre un giudizio personale... scritto bene, stile romanzo e si scoprono quante cose la tv cela in modo gratuito e su quante cose sia meglio non indagare!!! speriamo che la giustizia (quella giusta) prima o poi riesca a fare un pò di pulizia in italia!!

  • User Icon

    luca

    09/04/2010 17:47:14

    lo cosiglio a tutti coloro che vogliono sapere qualcosa in più sulla morte di paolo borsellino, sui rapporti tra mafia-politica-finanza (fininvest e gruppo ferruzzi)e sulla trattativa stato-mafia del 92-93. si legge velocemente , in tre giorni. sembra un libro triller, con un'ottima sceneggiatura, ma purtroppo è tutto vero. letto questo libro non si può fare a meno di leggere anche IL PATTO (chiarelettere)

  • User Icon

    Pino Chisari

    09/04/2010 10:58:55

    Preziosissima ricostruzione storica di fatti che dovrebbero spingerci a fare più di qualcosa per arrivare al nocciolo della verità. Ma, a quanto pare, in Italia la verità interessa poco o niente. Il libro è coraggioso e sconvolgente: fermo restando il diritto di ciascuno a pensarla come vuole, tutti però dovrebbero essere informati completamente sui fatti e sulle ipotesi investigative... invece, da noi, gli organi di informazione parlano solo di nani e ballerine...

  • User Icon

    Alberto

    25/03/2010 13:44:19

    E' un libro che mi ha sconvolto, letteralmente. La strage di via D'Amelio è l'ultimo mistero italiano, sulla scia delle stragi di Stato, Ustica e i misteri irrisolti di questo Paese. E in mezzo sempre i servizi segreti. Spatuzza non è l'ultimo dei pentiti. E' uno con alle spalle oltre cinquanta omicidi, compreso quello di Don Puglisi. Le sue dichiarazioni sono esplosive e fanno paura, visti tentativi di screditarlo. L'ultimo ad opera del direttore del TG1, con un editoriale. Da leggere e diffondere.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Alfio Caruso Cover

    Alfio Caruso (Catania, 1950), una laurea, una moglie, tre figli, una nuora, due nipotini, dopo quattro romanzi con Leonardo e Rizzoli si è dedicato con Longanesi alla storia italiana del Ventesimo secolo. Ne ha narrato l’escalation mafiosa (Da Cosa nasce Cosa, Perché non possiamo non dirci mafiosi, Io che da morto vi parlo, Milano ordina: uccidete Borsellino), l’abbondanza di misteri (Il lungo intrigo), i più importanti episodi della seconda guerra mondiale (Italiani dovete morire, Tutti i vivi all’assalto, Arrivano i nostri, In cerca di una Patria, Noi moriamo a Stalingrado, L’onore d’Italia, Salvate gli italiani). Con Einaudi ha pubblicato anche Willy Melodia e L’arte di una vita inutile, con Salani Breve storia d’Italia. Nel... Approfondisci
Note legali