Il mio nemico mortale

Willa Cather

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Stefano Tummolini
Editore: Fazi
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 725,34 KB
Pagine della versione a stampa: 90 p.
  • EAN: 9788893252409
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 4,99

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una notte, la giovane Myra Driscoll scappa di casa portando con sé solamente un manicotto e un portamonete. A passo svelto e testa alta, se ne va per sempre. Raggiunge Oswald Henshawe, giovane spiantato di cui è innamorata, e lo sposa in gran segreto, rinunciando così alla cospicua eredità che le spetterebbe. Un gesto audacemente romantico, che in famiglia diventa una leggenda. Quando, molti anni dopo, una giovane amica le chiede se lei e Oswald sono stati felici, la risposta è glaciale: «Felici? Oh, sì! Come la maggior parte della gente». E allora a che cosa è servito quel sacrificio? Che senso ha avuto barattare grandi fortune per una vita banalmente normale? Quelle che emergono, in questo romanzo breve ma stratificato, sono le mille sfumature di una figura ambigua e tormentata, una donna tanto risoluta nelle sue clamorose rinunce, quanto incapace di godere di una felicità che di clamoroso non ha nulla. Uno spirito libero che si trova a combattere contro i limiti della quotidianità e la crescente, esasperante consapevolezza di essere una donna totalmente diversa da quella che pensava di essere in giovane età. Willa Cather, talentuosa autrice americana vincitrice del Premio Pulitzer, ci regala un piccolo capolavoro: pagine davvero indimenticabili, intrise di una grande carica drammatica. «Cather non è solo una brava scrittrice: è unica, è grandiosa. Il mio nemico mortale è una vera tragedia costruita a partire da una vera storia d’amore. La scrittrice che è in me pensa a questo libro più che a ogni altro dell’autrice. Ogni breve episodio è la rivelazione perfetta di qualcosa di nuovo e inaspettato. Non c’è una sola parola superflua o ridondante. È un romanzo al tempo stesso distaccato e dolorosamente commovente». A.S. Byatt
4,36
di 5
Totale 6
5
3
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    milly

    19/09/2019 13:02:52

    Ho ricevuto in regalo questo romanzo da una mia amica. Il romanzo parla della ricchezza e della sontuosità della società in cui è ambientata la storia. Il libro sembra quasi una tragedia che ha come protagonista Myra, una donna ricca e affascinante che sembra avere proprio tutto. In realtà, dietro questa finta perfezione si celano i profondi segreti della protagonista. Non mi aspettavo che questo libro mi piacesse tanto, è stato una piacevole sorpresa. L’ho trovato nè banale nè scontato ma molto veritiero e coinvolgente. Consiglio a tutti il romanzo in particolare a chi ama immergersi in un’epoca passata non tanto lontana dalla nostra sotto diversi aspetti.

  • User Icon

    Vevi

    21/09/2018 20:49:00

    "Si può essere amanti e nemici allo stesso tempo sai? Noi lo siamo stati... Un uomo e una donna si separano dopo un lungo abbraccio e vedono cos'hanno fatto l'uno all'altra." Le parole di questo piccolo libro ti entrano dentro e ti sussurrano all'anima. Nonostante parli dell'Amore in quanto felicità e infelicità non c'è niente di stereotipato in questa semplice e limpida storia. La protagonista Myra Henshawe è un'eroina tragica, ma è anche una donna realista, moderna, priva di patetismo romantico. Willa Cather scrive come respira, tutto appare detto esattamente nel modo in cui dev'essere detto, non una parola o un pensiero fuori posto. Pensare che questa sia un'opera minore, mi fa ben sperare di amare anche di più i suoi libri migliori. Willa Cather è una scrittrice da leggere, amare e consigliare.

  • User Icon

    Sara

    21/09/2018 13:10:16

    Un romanzo breve molto drammatico e carico di significato. Data la sua brevità può essere letto in un giorno. E' una storia che stravolge completamente il mito dell'amore romantico, spogliandolo di ogni aura magica e ottimistica e come tematica l'ho trovata estremamente accattivante. Lo stile narrativo è essenziale, ben calibrato, con belle frasi ad effetto. Non vi è nulla di superfluo. Nessun dialogo, nessuna descrizione è di troppo. Il risultato è ottimo, mi è piaciuto davvero molto e lo consiglio se desiderate una lettura veloce ma capace di lasciare il segno.

  • User Icon

    Giulia

    18/09/2018 07:57:04

    Un romanzo breve che si legge in una manciata di ore. La scrittura della Cather è raffinata e calibrata, riesce a trasportarti nella lettura con una facilità non indifferente. La storia si regge sulla figura di Myra Driscoll, una donna forte che suscita l'ammirazione di chi le sta intorno grazie a una serie di scelte coraggiose fatte in giovane età e in virtù della sua abbagliante personalità. Noi seguiamo la parabola discendente della vita di Myra attraverso gli occhi di una ragazza che la conosce ancora bambina e la incontra nuovamente in diverse fasi della sua vita. Il romanzo è disseminato da un cinismo raffinato che ricopre l'aura di Myra sia nella buona che nella cattiva sorte nei roboanti anni 20. Importante anche il tema della disillusione amorosa, che si farà sempre più presente nella seconda parte della narrazione. Un libro che in poche pagine ha molto da dire. Consigliato.

  • User Icon

    Gabriella

    27/07/2017 22:53:05

    Scrittura di altri tempi per una tematica da favola. Una giovane donna anticonvenzionale rinuncia a fama e denaro per il grande amore a cui non puo rinunciare. Ma sarà amore per sempre? L autrice stravolge la favola facendoci conoscere la protagonista Myra Driscoll in tutta la sua profonda umanità. Amore può essere condanna. Scritto in maniera impeccabile sicuramente una lettura che fa riflettere e anche molto contemporaneo e moderno nonostante si tratti di un libro di inizi novecento

  • User Icon

    marta

    06/07/2017 13:13:58

    "Il mio nemico mortale" racchiude perfettamente tutta l'opera, che affronta come il "per sempre" non conduca alla felicità costante e alla beatitudine sentimentale ed economica. Spiega in poche parole come (per carità, a volte) l'amore con la A maiuscola - quello per il quale sentiamo il sentimento di lasciare indietro cose importanti e che crediamo possano non esserlo in quel momento - ci faccia abbandonare sicurezze scontate per il futuro, sicurezze che poi scopriremmo rimpiangere. Perché l'amore è un sentimento importante, che ci fa star bene, ci rende forti ... vorremmo durasse per sempre (così com'è) e vorremmo anche che mutasse la nostra condizione, trascinandoci nella felicità più completa, ma a volte, come in questo caso, purtroppo si scontra fortemente con la quotidianità, i bisogni economici e gli imperativi della malattia e della vecchiaia. Ed allora la perfezione viene scheggiata dalla necessità, dal bisogno e ci cambia, ma non come vorremmo. Cosa diventiamo allora? Chi incolpare? Willa Cather con questo storia toglie per un attimo il velo della favola al concetto di amore e ci dice che a volte l'amore - quello puro e totalizzante - non è sempre destinato al realizzarsi nella formula del "felici e contenti", ma si consuma, si trasforma e cambia, trasformando anche i protagonisti di quell'amore. L'amore è gioia, passione, forza, felicità, unione, ma può trasformarsi ed è capace di distruggere, di mutare in rabbia, rimpianto e persino diventare ... il nostro più grande nemico." Bostonian Library Blog

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Willa Cather Cover

    (Winchester, Virginia, 1873 - New York 1947) scrittrice statunitense. Cresciuta nel Nebraska a contatto con il mondo degli immigrati cechi e scandinavi, descrisse nei romanzi O pionieri! (O pioneers!, 1913), La mia Antonia (My Antonia, 1918), e nei racconti di Uno dei nostri (One of ours, 1922), la vita di frontiera, il conflitto tra uomo e ambiente, scandito dalla solennità dei cicli stagionali. Veri aristocratici della prateria, i suoi pionieri, uomini e donne, si dibattono tra le memorie culturali del passato europeo e le necessità della sopravvivenza. Ma la definizione di scrittrice regionalista non esaurisce la complessità della sua visione e delle sue tecniche, affinate dalla lettura di H. James, di G. Flaubert, di Sara O. Jewett. La crescente consapevolezza artistica della C. è documentata... Approfondisci
| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali