Il mio segreto. Poesie inedite 1917-1919 - Federico García Lorca - copertina

Il mio segreto. Poesie inedite 1917-1919

Federico García Lorca

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: G. Felici
Editore: Einaudi
Collana: I millenni
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 5 novembre 2002
Pagine: XXVII-617 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788806159917
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 34,00

€ 40,00
(-15%)

Venduto e spedito da Biblioteca di Babele

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Primo volume della nuova e completa raccolta delle poesie dell'autore spagnolo, tratta dall'edizione curata da Miguel García-Posada. In questo primo libro sono offerti al lettore i componimenti giovanili che Lorca scelse, conservò e catalogò, insieme al fratello Francisco, in vista della probabile pubblicazione, impedita poi dalla tragica fine del poeta. Il volume riporta, oltre alla traduzione, il testo originale a fronte e 16 illustrazioni dell'autore. Le traduzioni sono di Glauco Felici.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Federico García Lorca Cover

    (Fuentevaqueros, Granada, 1898 - Viznar, Granada, 1936) poeta e drammaturgo spagnolo.La vita Studiò legge (1915-18) a Granada, dove si laureò nel 1923. Dal 1919 risiedette soprattutto a Madrid. Oltre a D. Berrueta, professore di storia dell’arte, e al giurista F. de los Ríos, che lo incoraggiarono a pubblicare i primi versi (1917) in un giornale di Granada, e al musicista M. de Falla, che lo riteneva uno dei suoi migliori allievi, a Madrid ebbe molti amici, specialmente tra i frequentatori del centro culturale Residencia de estudiantes: Dalí, Guillén, Buñuel, Alberti, Dámaso Alonso, Cernuda, Aleixandre, Salinas, Diego, insomma tutta la cosiddetta generazione del 1927. Profondamente legato alla terra andalusa, trovò i suoi canali espressivi, oltre che nella poesia e nel teatro, nella musica... Approfondisci
Note legali