Miracolo a Le Havre

(Le Havre)

Titolo originale: Le Havre
Paese: Finlandia; Francia; Germania
Anno: 2011
Supporto: DVD
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 7,99

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    sandro landonio

    01/03/2015 19:03:23

    Dolcezza e sentimento. L'essere umano come dovrebbe essere.

  • User Icon

    Robertinho

    05/09/2012 14:20:38

    E per fortuna che ci sono ancora i film di Kaurismaki! Nuvole dense color pastello mosse da un demone fantastico che irradia di strani verdi, rossi e azzurrini le piccole case da fiammiferaie, le radio squadrate, i tanti utensili del mestiere di vivere, come quel panchetto da lustrascarpe di Marcel. Stavolta è lui l'antieroe che Kaurismaki ha scelto per la sua parabola poetica: ex bohemiem sulla settantina, Marcel è un romantico, uno che ha sempre vissuto un po' in fuga, con una moglie che improvvisamente si ammala di cancro, stessi amici di sempre, stessi piccoli contrabbandi e improvviso un piccolo eroe venuto dall'Africa da salvare. Cercherà di spedirlo a Londra il vispo Idrissa, bambino gabonese trovato come un fungo nei container del porto di Le Havre. Ci riuscirà forse, grazie anche alla complicità di un commissario molto comprensivo che fa la ronda dei quartieri a bordo di una vecchia Renault Gordini. Se non vi bastano i precedenti tappeti volanti del genio finlandese, sappiate che questo vola davvero alto, sulle ali di un mondo fantastico, dove i dottori sono geni umanissimi, gli ortolani amici per sempre e le bariste dispensano saggezze senza tempo. Per capire il succo del cinema di Kaurismaki basterebbe questo frammento: Commissario alla barista- "Ciao Irene, mi dispiace per tuo marito, l'avevo messo in prigione io!" Barista- "oh non ti dispiacere, lo sai com'era lui, un fatalista!" Basta poco ad Aki per comunicare, parole ridotte al minimo, rose, sempre e comunque, sui letti d'ospedale, bus notturni che partono verso Calais... Tutti oggetti di un mondo che non c'è più, quel mondo che il regista si ostina a sognare appartiene forse ai racconti di Maigret, od a una nuvola finlandese che appare sospesa nei cieli di Helsinki. A ben guardare è tutto astrattamente realista come nei film di Melville e i criminali sono poeti mancati, i vagabondi gente che ha perso il treno. Un film come non se ne vedono più: toccante, leggero, straziante... consigliatissimo!

  • User Icon

    Nicola

    25/05/2012 22:59:02

    Uno splendido capolavoro da tutti i punti di vista, un miracolo davvero: magistralmente scritto, recitato e diretto, girato con la cinepresa - pare - che era stata di Ingmar Bergman, e con una pellicola Kodak dalla resa cromatica magnifica. Poetico ma mai patetico, anzi: leggero, scarno ed essenziale, pieno di speranza - cosa sorprendente per chi conosce questo regista. Un film che si vede e si rivede con grande piacere.

  • User Icon

    grazia

    05/05/2012 10:19:02

    nelle inquadrature, nell'andamento della narrazione, nell'essenzialità dei dialoghi ricorda la poesia del cinema muto e dei film di Chaplin. Adorabile e indimenticabile.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
  • Produzione: BiM, 2012
  • Distribuzione: Rai Cinema - 01 Distribution
  • Durata: 93 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: interviste; trailers