Categorie

Gamîla Ghâli

Collana: La memoria
Edizione: 16
Anno edizione: 1982
Pagine: 196 p.
  • EAN: 9788838902086

In una atmosfera da Mille e una notte il racconto di un amore assoluto e totale, in cui trovano il loro armonioso equilibrio tenerezza e passione.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Simone Pisi

    11/01/2014 12.11.48

    Un colpo di fulmine, un amore universale, unico nel suo genere, incondizionato, inesorabile e struggente. Una lettura scorrevole e coinvolgente fino all'ultima riga!

  • User Icon

    Francesco Cisternino

    31/08/2012 11.53.56

    Gradevole, scritto bene e con cognizione della storia araba senza spargimento di erudizioni.

  • User Icon

    hari

    19/06/2011 23.12.53

    Il libro è scritto indubbiamente bene, su questo non si può dir nulla. Che la storia poi non sia piaciuta a qualcuno a cui prude il naso, è un altro conto. La pedofilia ovviamente non c'entra nulla, e chi l'ha menzionata dà prova di non essere arrivato alla fine del primo capitolo. L'unico appunto che posso fare è... Basta con queste storie di gay morti! Ma insomma, non è possibile vedere un lieto fine con due uomini che si amano e basta, senza morti, malattie o altro? Il libro infatti è piaciuto a molte persone proprio per questo motivo: la castità, il non arrivare mai all'amore fisico. Beh, sappiate che c'è anche quello, anche se la Messina non lo vuol dire. Buona lettura.

  • User Icon

    Pierluigi

    06/04/2011 18.37.27

    Un bellissimo libro che racconta una bellissima storia d'amore con le (spesso) felici casualità della fiaba ed una finale di una estrema e nobile umanità. Un libro veramente bello, che descrive in modo esemplare un rapporto di tipo uomo - puer che vi era anche nell'antica Grecia, a differenza di quanto scrive un utente sotto, tacciando di pedofilia.

  • User Icon

    Talita

    12/02/2008 21.14.32

    La pedofilia non c'entra. Non è quello il sentimento che anima questa storia meravigliosa e scritta con una sensibilità impareggiabile. E' qualcosa di diverso e di più: e' l'Amore, puro e semplice, conscio dei suoi limiti e pronto a sublimarsi per non essere toccato dalla cattiveria del mondo. Non è una storia di depravazione, ma di una fuga da quest'ultima. Commovente.

  • User Icon

    susy

    07/02/2007 08.55.04

    Uno dei libri piu brutti mai letti.Falso, costruito su un genere,che strizza l'occhio alla pedofilia con la scusa dell'amore,della dedizione,della purezza e infatti la definitiva caduta di gusto si ha nelle scene finali.I personaggi sono superficiali,figurine.Insomma un ottimo motivo per non leggere mai più nulla della Messina.

  • User Icon

    Giacomo

    18/07/2006 00.58.41

    Una storia pura e commovente; uno spaccato della Sicilia che mette in risalto una storia semplice ma appassionante

  • User Icon

    Bernardo

    13/08/2002 10.09.31

    Non ci sono parole per descrivere la purezza e la bellezza dei sentimenti descritti in questo racconto. Volevo segnalare ai lettori che l'autore che compare non è altro che uno pseudonimo di Annie Messina, per cui è possibile trovare, della stessa autrice, altri racconti di eguale forza espressiva e meravigliosa capacità narrativa.

  • User Icon

    Michele Sempre

    02/07/2001 04.49.19

    Una splendida storia di salvezza e redenzione: redenzione e salvezza soprattutto umani. Una prospettiva molto ben delineata, in una lingua piana e chiara, mai piatta e complicata. Molti i temi toccati: la riconoscenza, l'amicizia e l'amore i piu' rilevanti. Il libro, molto ben costruito, rispetta anche le varie tipologie di possibili lettori; le riflessioni non sono di carattere particolare, ma universale: non un antidoto o delle soluzioni, ma concreti percorsi di vita.

  • User Icon

    alessandro

    22/09/2000 11.27.37

    "Una favolosa e delicata storia d'amore e dedizione. Un 'avventura d'altri tempi.L'amore puro di un principe e il suo "falco".Insieme voleranno nel precipizio,dove eterrno e grandioso sarà il loro legame"

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione